Calabria News 24

Cerca

Sanità, Occhiuto: “Stiamo scoperchiando un sistema di interessi milionari. Ecco perché si indignano”

E’ finito il Consiglio Regionale ed io sono stanco di chiacchiere, di parole e di polemiche” è così che inizia l’intervento del Presidente della Regione e Commissario alla Sanità, Roberto Occhiuto, in un video – postato su Facebook – in cui esprime il proprio dissenso sull’indignazione suscitata in merito all’assunzione di medici cubani a sostegno della Sanità regionale e sulla pubblicazione dei concorsi riservati a medici calabresi e italiani “Nessun medico cubano ruberà posti di lavoro a medici italiani e calabresi e questi che lo sanno continuano a fare polemica” asserisce Occhiuto, con la richiesta di differire il disagio della sanità calabrese con la campagna elettorale in vista delle prossime elezioni.

Sulla sanità stiamo toccando interessi milionari”: irrompe nel video questa frase, con la conseguente registrazione del proprio intervento avvenuto in Consiglio Regionale, dove si mostra un governatore che difende a spada tratta la propria decisione, attaccando l’ordine dei medici ed i rapporti con le cooperative, i qualihanno avuto un atteggiamento ignobile, soprattutto qualche presidente come quello di Cosenza che è presidente da 20 anni e non ha mai attaccato con questa animosità nemmeno Cotticelli. Questo perchè con i medici cubani abbiamo toccati interessi milionari da parte dei medici e delle cooperative”.

Perchè l’ordine dei medici non si indigna quando muore qualcuno in ospedale?” chiede il Presidente in aula, sottolineando come attingere all’incremento di medici cubani e all’incremento di concorsi pubblici, non sia altro che il tentativo di “evitare che si consolidi una distorsione del mercato del lavoro tra i medici”.


Io ho la responsabilità di salvare un sistema sanitario in crisi e vado avanti senza tentennamenti – conclude Occhiuto – perché un medico cubano che riesce a salvare anche una sola vita umana vale di più di migliaia di polemiche”

LINK al Video

Francesca Achito

Determinata, sensibile, puntuale. Francesca Achito, classe 1996, è una giornalista praticante calabrese. Dedita sin da piccola alla scrittura, ama dare voce ai più deboli, raccontando storie di vita e puntando i riflettori su contesti di marginalità. Innamorata del giornalismo, ha condotto inchieste legate a casi di violenza di genere, malasanità e disagi sociali e familiari. Studentessa all’Università della Calabria, sta conseguendo la laurea in Storia, coniugando la passione per l’antichità con quella della letteratura. Crede fortemente nel buon giornalismo: cercando sempre di dare una propria firma alle storie che racconta, riesce a mantenere l’oggettività e la precisione di cui necessita la corretta informazione.

  • 1