Giorno: 6 Giugno 2020

Reggio Calabria: Uomo scarcerato per maltrattamenti riprende a minacciare l’ex moglie

“Ti impicco, ti ammazzo con le mie mani, ti macino, ti brucio”, sono solo alcune delle frasi pesantemente minacciose rivolte alla ex moglie da parte di un uomo di Reggio Calabria scarcerato nel novembre scorso dopo avere scontato una condanna per maltrattamenti nei confronti della donna.

Il soggetto in questione ha ripreso a persguitare la sua ex minacciando di morte lei e le figlie minorenni.

Per tale ragione gli agenti della Squadra mobile di Reggio Calabria lo hanno nuovamente arrestato per atti persecutori in esecuzione di un’ordinanza emessa dal gip su richiesta della Procura diretta da Giovanni Bombardieri. Nel corso delle indagini, coordinate dal procuratore vicario Gerardo Dominijanni e dal pm Marika Mastrapasqua, gli investigatori hanno accertato che l’uomo aveva ripreso ad intimidire la vittima. L’uomo, rintracciato nella sua abitazione, è stato arrestato e portato in carcere.

Read More

Santelli, Orsomarso, Gallo a “Destinazione Sila”. Belcastro: “Guardare all’Altopiano Silano con maggiore interesse”

Il Presidente della Giunta regionale della Calabria, Jole Santelli, accompagnata dagli Assessori al Turismo, Fausto Orsomarso e all’Agricoltura, Gianluca Gallo ha fatto visita a Lorica per poi partecipare, nel pomeriggio, nella sede del Parco, ad una interessante iniziativa promossa da ‘Destinazione Sila’.
“Nel mio breve saluto – ha scritto in una nota il sindaco di San Giovanni in Fiore, Giuseppe Belcastro – ho ringraziato il Presidente e tutti gli intervenuti per aver scelto la ‘Perla’ della Sila come prima uscita della nuova giunta regionale e ho chiesto di guardare all’altipiano con maggiore interesse, specialmente dopo l’emergenza Covid-19. Infatti, sono tanti gli scienziati che indicano la montagna come una delle mete da ricercare per le future vacanze”. Il primo cittadino ha aggiunto: “Ormai bisogna guardare alla Sila nella sua interezza. Per fortuna gli amministratori guardano con rinnovato impegno al rilancio di tutto il comprensorio; è cambiata la nostra mentalità e non si guarda più al proprio campanile. Oggi, accompagnati dall’ente Parco e dal Gal-Sila, si sta facendo rete e iniziano a muovere i primi passi interessanti iniziative imprenditoriali che stanno ottenendo tantissimo successo”.
“Ho chiesto, inoltre, ala Santelli e agli Assessori – ha aggiunto Belcastro – che lo sviluppo e il rilancio delle attività alberghiere e di ristorazione vanno accompagnate dal funzionamento della sanità. Senza un ospedale efficiente sarà difficile che i turisti scelgano la nostra Sila visto anche le condizioni delle strade”. Il sindaco di Fiore ha fatto mea culpa: “Sulla sanità ci sono gravi responsabilità anche della mia parte politica. Non posso tacerle”.
Infine, ma non per ultimo, insieme ai sindaci presenti, “abbiamo chiesto all’assessore Orsomarso di far riprendere al più presto i lavori per il completamento della tratta ferrata San Nicola-San Giovanni in Fiore per l’arrivo nella ‘capitale’ della Sila del trenino turistico e l’immediata ripresa dei lavori della cabinovia di Lorica”. L’Assessore si è impegnato a verificare a che punto sono tutte le pratiche burocratiche ed istituirà tavoli tecnici al fine di riprendere, nel più breve tempo possibile, i lavori di entrambe le opere che potrebbero rappresentare il vero rilancio di tutta la Sila.

Read More

Cosenza: Emergenza rifiuti “Nessun comune deve rimanere senza la raccolta dei rifiuti differenziati sul proprio territorio”

Si è riunita a Cosenza l’assemblea dell’ARO (Ambito di Raccolta Ottimale) presieduta, in rappresentanza del Comune di Cosenza, che è capofila, e nella sua qualità di delegato del Sindaco Mario Occhiuto, dal consigliere comunale Vincenzo Granata, vice presidente vicario dell’ATO Cosenza 1. Al centro dell’assemblea, la necessità di formulare, entro il termine del 5 giugno (cioè ieri), da parte dei Sindaci dell’Ambito di Raccolta Ottimale, in cui è suddiviso l’ATO Cosenza 1, proposte idonee ad individuare almeno un sito per ciascun ARO, da destinare alla realizzazione di impianti di smaltimento a servizio degli impianti di trattamento dei rifiuti raccolti nel territorio di competenza dell’ATO Cosenza 1. All’assemblea erano presenti i rappresentanti dei comuni di Cosenza, Acri, Aprigliano, Bisignano, Carolei, Casali del Manco, Castiglione Cosentino, Celico, Cerzeto, Lappano, Luzzi, Marano Marchesato, Marano Principato, Mendicino, Pietrafitta, Rose, San Benedetto Ullano, San Fili, San Giovanni in Fiore, San Martino di Finita, San Demetrio Corone, San Vincenzo La Costa, Spezzano della Sila e Torano Castello. Assenti, invece, i comuni di Castrolibero, Cerisano, Dipignano, Domanico, Lattarico, Mongrassano, Montalto Uffugo, Rende, Rota Greca, Rovito, San Pietro in Guarano e Santa Sofia d’Epiro. Nel corso dell’ampia  discussione è emersa intanto la disponibilità da parte del Comune di Mendicino del sito del nuovo eco distretto. Una disponibilità confermata dallo stesso Sindaco di Mendicino Antonio Palermo, presente all’assemblea, come da precedenti sopralluoghi di cui sono a conoscenza da tempo sia l’Ufficio ATO Cosenza che il Dipartimento Ambiente della Regione Calabria. L’assemblea, nel ribadire che sul territorio dell’ARO Cosenza/Rende sono presenti le discariche di servizio di Castrolibero e Celico, ha registrato, inoltre la disponibilità  del delegato del Comune di San Giovanni in Fiore ad utilizzare ancora per qualche tempo la discarica presente sul territorio del comune silano, a condizione, però, che se ne attui la chiusura tombale entro tempi certi, nonché la contrattazione con gli Enti preposti affinché ci siano le condizioni economiche per la chiusura definitiva della stessa. Inoltre, è stata data la disponibilità di un sito, come discarica di servizio, da parte del Comune di Carolei e la conferma è venuta dallo stesso Sindaco presente in assemblea. Nel corso della riunione sono stati chiesti chiarimenti urgenti in merito alla situazione del termovalorizzatore di Gioia Tauro, dove, pare, si registri periodicamente un funzionamento a singhiozzo con evidenti ripercussioni sulla capacità di smaltimento dei rifiuti. Alcuni dei comuni rappresentati in assemblea hanno poi dato la disponibilità di risorse umane da inserire a tempo determinato nell’Ufficio comune dell’ATO per verificare e determinare il flusso di scarico presso l’impianto di trattamento. “Il 2020 – ha detto nel suo intervento il delegato del Comune di Cosenza e del Sindaco Occhiuto, Vincenzo Granata – è l’anno dell’economia circolare, il nuovo modello verso cui tutti i paesi europei dovrebbero orientare i propri sistemi produttivi, recependo, entro i primi di luglio il pacchetto di direttive comunitarie approvate nel 2018. Anche se la circolarità – ha aggiunto Granata -non si limita al recupero dei rifiuti, questo settore rappresenta uno snodo fondamentale nella transizione a partire dall’economia lineare”. In conclusione il rappresentante del comune di Cosenza Granata ha auspicato, “nell’interesse superiore della Pubblica Amministrazione, che ci sia un servizio di raccolta e relativo trattamento equo, imparziale e terzo per tutti i comuni, in modo che nessun comune possa rimanere senza la raccolta dei rifiuti differenziati sul proprio territorio”.

 

Read More

Mobilita’, Bruno Bossio (PD): “necessario snodo ferroviario jonio-tirreno, si’ a fermata frecciargento a Torano Castello”

La parlamentare calabrese del partito Democratico Enza Bruno Bossio, attraverso una nota stampa, dichiara che la rivendicazione dei sindaci di molti comuni, che insistono sulla valle del Crati e sull’area urbana metropolitana cosentina del versante nord, e del leader del movimento “Diritti civili” Franco Corbelli per istituire a Torano Castello una fermata del frecciargento Sibari – Bolzano, è la prova di quanto sia necessario la realizzazione di uno snodo ferroviario strategico per il collegamento ferroviario ionico – tirrenico attraverso la realizzazione di una nuova stazione a Settimo di Montalto Uffugo.

“Non c’è più tempo da perdere – ha continuato la Bruno Bossio: nuova infrastruttura va non solo assunta nella programmazione RFI ma va anche finanziata. Il percorso per pervenire alla realizzazione della opera era stato già tracciato tra RFI e la Giunta regionale guidata da Mario Oliverio. Era stata raggiunta un’intesa che ora va soltanto portata a compimento. La stessa istituzione del treno frecciargento Sibari – Bolzano è stata una iniziativa proposta e finanziata dalla Regione, una sperimentazione della validità della strategia di collegamento ferroviario tra le  direttrici ionica e tirrenica. Una fermata del frecciargento nella stazione di Torano va intesa come coerente con tale strategia. Sarebbe  una scelta emergenziale – prosegue la deputata – che evidenzierebbe la necessità di una accelerazione della realizzazione della nuova stazione di Settimo. Sarebbe opportuno, a questo fine, che si pervenisse ad una intesa organica tra Regione, RFI e MIT. Per quanto mi riguarda, pertanto, mi impegno a questo fine a promuovere ogni iniziativa utile a livello parlamentare e di sensibilizzazione sia del Ministero che di RFI”.

 

Read More

Coronavirus: il bollettino della Regione Calabria

In Calabria ad oggi sono stati effettuati  73.228 tamponi.

Le persone risultate positive al Coronavirus sono 1.159 (+0 rispetto a ieri), quelle negative sono 72.069.

Territorialmente, i casi positivi sono così distribuiti:

– Catanzaro: 14 in reparto; 4 in isolamento domiciliare; 165 guariti; 33 deceduti.

– Cosenza: 1 in reparto; 56 in isolamento domiciliare; 377 guariti; 34 deceduti.

– Reggio Calabria: 3 in reparto; 8 in isolamento domiciliare; 246 guariti; 19 deceduti.

– Crotone: 2 in isolamento domiciliare; 110 guariti; 6 deceduti. – Vibo Valentia: 3 in isolamento domiciliare; 73 guariti; 5 deceduti.

Il totale dei casi di Catanzaro comprende soggetti provenienti da altre strutture e province che nel tempo sono stati dimessi.

Le persone decedute vengono indicate nella provincia di provenienza e non in quella in cui è avvenuto il decesso.

Dall’ultima rilevazione, le persone che si sono registrate sul portale della Regione Calabria per comunicare la loro presenza sul territorio regionale sono in totale 6371.

Nel conteggio sono compresi anche i due pazienti di Bergamo trasferiti a Catanzaro, mentre non sono compresi i numeri del contagio pervenuti dopo la comunicazione dei dati alla Protezione Civile Nazionale

 

Read More

Tansi: da Napoli in giù non é alta velocità

La Frecciarossa a sud di Napoli non serve con questi binari. A dirlo é l’ex candidato a Presidente della Regione Calabria, Carlo Tansi: “Non serve a niente mettere treni velocissimi, come Frecciarossa o Italo, su un tracciato che da Napoli in giù è vecchio e obsoleto essendo stato realizzato più di 100 anni fa, non adeguato a treni così veloci – ha detto Tansi – Ne sanno qualcosa i calabresi che da Milano a Napoli viaggiano in perfetto comfort e che da Napoli in giù viaggiano in preda a conati di vomito per l’ondeggiamento assurdo del Pendolino che corre su binari non consoni alla sua potenza”.

Chiaro il riferimento alle differenze fra il sud ed il resto d’Italia: “Nelle altre regioni d’Italia – ha proseguito Tansi – c’è la vera alta velocità, perché lì negli ultimi anni sono stati investiti i miliardi e miliardi di euro per costruire nuove tratte ferroviarie con tratti molto più rettilinei e “stabili” che non fanno oscillare Frecciarossa o Italo… mentre a noi Calabresi – snobbati e trattati da sempre come cittadini di serie C – vogliono rifilarci una un’alta velocità farlocca”.

Lo stesso Tansi ha poi proposto un parallelismo con l’autostrada: “Esattamente come hanno fatto con la autostrada, furbescamente rinominata da A3 in A2 in occasione della inaugurazione farlocca e sfarzosa di qualche anno fa – ha sottolineato Tansi – a differenza dei tratti campani e lucani dove il 100% dell’autostrada è stata costruita ex novo – con la realizzazione di corsie d’emergenza e l’eliminazione delle curve pericolose – nel percorso calabrese molti tratti non sono stati per niente costruiti e sono rimasti quelli degli anni sessanta: senza i minimi standard di sicurezza, e con gallerie e viadotti vecchi più di 60 anni, goffamente rivestiti da ANAS per mascherarne la vetustà, che si stanno sbriciolando progressivamente. Ricordo che proprio lungo i tratti non realizzati si verifica la quasi totalità dei tanti incidenti autostradali mortali in Calabria. I governi italiani, di destra, di sinistra e di centro, devono investire gli stessi miliardi dati alle altre regioni del Nord per adeguare la tratta ferroviaria Napoli-Reggio Calabria ai treni veloci e per completare veramente l’autostrada A2, e non devono prendere in giro i Calabresi che non sono stupidi! E poi i governi devono realizzare al più presto la ferrovia sul lato Ionico della Calabria ferma ai tempi della sua realizzazione – 1875 (!) – e con treni che camminano alla stessa velocità di 150 anni fa. Correndo a piedi si arriva prima a destinazione. A tutto questo si aggiunge anche la trappola di morte rappresentata dalla SS 106, che necessita al più presto di essere ammodernata e messa in sicurezza”.

 

Read More

La cittadinanza attiva degli studenti dell’ITI Monaco di Cosenza

Non é stato un vero e proprio stop, ma per qualcuno la pandemia ed il conseguente lockdown é stata anche l’occasione per occuparsi tematiche diverse rispetto a quelle “di routine”. É stato così per gli alunni dell’ITI “A. Monaco” di Cosenza, diretto dal Dirigente Scolastico Giancarlo Florio, con i ragazzi del biennio protagonisti di un vero e proprio esperimento di cittadinanza attiva.

L’istituto, infatti, nonostante l’emergenza Covid in corso, é riuscito a portare avanti anche i progetti extrascolastici; gli studenti, nell’ambito del progetto nazionale di monitoraggio civico “A scuola di opencoesione”, hanno realizzato una ricerca sulla ricostruzione della S.P.94 franata nel 2008 a San Vincenzo La Costa (CS).

Il progetto, coordinato dalla prof.ssa Loredana Naccarato, con il supporto dei docenti Francesco Campanella, Maria Carmela Forte e Massimo Stefanizzi, ha permesso ai ragazzi di portare alla luce la storia amministrativa della ricostruzione di questa infrastruttura passata attraverso un finanziamento pubblico di un milione e mezzo di euro. Nel corso del lavoro gli alunni hanno effettuato indagini, analisi di dati, interviste (realizzate chiaramente da remoto) con i soggetti attuatori del progetto, esperti in materia di viabilità e consulenti ISTAT.

Un percorso che ha permesso agli studenti di conoscere dinamiche relative alla vita pubblica ed amministrativa, nel bene e nel male, e che sarà utile nel loro percorso di vita.

 

Read More

Castrovillari (CS): nuovi spari alle vetrine del ristorante. Arrestato il responsabile.

8 colpi calibro 12, gli stessi che giorni fa avevano trivellato le vetrine del ristorante “Antico Torchio” di Castrovillari. Questa notte, intorno alle 2, una nuova intimidazione ha colpito il locale che era già stato danneggiato da 5 spari. È stato un cittadino a contattare personalmente il Maggiore della Compagnia dei Carabinieri di Castrovillari, Giovanni Caruso, che si è prontamente recato sul posto insieme ai suoi uomini, grazie alla segnalazione.

Nella mattinata i militari hanno arrestato il responsabile, D.S. classe 1980 di Frascineto (CS), lo stesso che aveva aggredito giorni fa un fornaio in piano giorno nel centro di Castrovillari con uno spray al peperoncino e, quindi, lo stesso a sparare contro la pizzeria.

I carabinieri hanno trovato e sequestrato nell’abitazione dell’uomo oltre 100 armi, di cui era collezionista. Nessun legame con la criminalità organizzata quindi, ma un uomo fuori di sé che i militari, perseverando con indagini lontane sin dall’inizio dalla pista criminale mafiosa, hanno fermato e impedito che potesse continuare a disseminare il panico nella cittadina.

Read More

Tirocinanti giustizia: intervengono Barbuto e Grippa

 

Riceviamo e pubblichiamo:

 

La deputate pentastellate Elisabetta Barbuto e Carmela Grippa proseguono la loro battaglia nell’interesse dei tirocinanti della Giustizia, e non solo, presentando due emendamenti al decreto rilancio che inizierà l’iter di conversione presso la Camera dei Deputati la prossima settimana e ora in esame alla Commissione Bilancio.

“Il nostro impegno per i tirocinanti coincide con l’avvio della presente legislatura” dichiarano le parlamentari e proseguono “Successivamente abbiamo ritenuto di ampliare la nostra attenzione a tutti i tirocinanti e gli stagisti italiani e , quindi, di presentare oggi due emendamenti con i quali chiediamo esplicitamente al Governo di dare seguito agli impegni assunti con l’approvazione di due ordini del giorno recentemente approvati presso la Camera dei Deputati”. “E per la precisione”, proseguono le parlamentari, “ il primo , il n°9/2325-AR/46 del 19.02.2020 con cui il Governo si impegnava  a valorizzare le esperienze, competenze e professionalità acquisite dai Tirocinanti della giustizia, nazionali e regionali, valutando l’opportunità di provvedere al loro reclutamento non solo mediante le modalità già previste dalla legislazione vigente, ma anche nell’ambito di future assunzioni negli organici giudiziari, tramite procedura nazionale selettiva riservata per soli titoli comprovanti la formazione di tali lavoratori impiegati negli uffici giudiziari dal 2010 al 31 dicembre 2019, con le mansioni di ausiliari e operatori giudiziari”.

“ Il secondo, invece, approvato il 24.04.2020 con il n° 9/2463/144 in sede di conversione del decreto Cura Italia, impegnava il Governo a valutare l’opportunità di prevedere in futuri provvedimenti normativi varati per fronteggiare l’emergenza Covid-19, misure a sostegno del reddito in favore della a categoria di tirocinanti extracurriculari mediante l’estensione del fondo di cui all’art.44 del d.l. 18/2020  o, in alternativa, mediante l’istituzione di un ulteriore fondo mirato alla corresponsione di un bonus con modalità analoghe a quelle previste per i lavoratori autonomi nel decreto oggetto di conversione in legge in modo da compensare le gravi condizioni economiche in cui versano attualmente a causa della sospensione dei tirocini formativi e di completamento”.

“Riteniamo sia un atto di Giustizia, concludono le parlamentari, dare dignità a tutte queste persone che per anni, pur percependo una indennità mensile che si aggira sui 400/500 euro al massimo, hanno prestato servizio in vari uffici di tutta Italia finendo con essere veramente indispensabili nel funzionamento della macchina amministrativa.. E ciò, non soltanto mediante il riconoscimento di un ristoro economico per il periodo del lockdown, ma anche, per ciò che concerne nello specifico i tirocinanti della Giustizia ed essendosene presentata l’opportunità nel decreto rilancio che prevede future assunzioni presso il Ministero competente, mediante una stabilizzazione che premi, riconoscendone le acquisite competenze, i loro sacrifici e il loro impegno. Noi li ringraziamo per questi sacrifici e per questo impegno e saremo sempre al loro fianco”

Elisabetta Barbuto, Carmela Grippa (M5S Camera)

Read More

La Locride si candida a Capitale della Cultura Italiana 2025

Rovine maestose di città magno greche, palmenti arcaici scavati nella roccia, profumi di oriente nell’architettura sacra, centri storici secolari sulle montagne prospicienti al mare, biodiversità prorompente nella natura dei luoghi… la Locride.
Un territorio dal fascino unico, in cui le stratificazioni di oltre duemila anni di storia si fondono nel paesaggio aspro dell’interno, che va addolcendosi nei rilevi collinari degradanti verso la costa. Dove le comunità difendono con forza la propria identità e i valori sociali e di una cultura antica.
Il Gal Terre Locridee promuove l’iniziativa di candidare la Locride a “Capitale Italiana della Cultura 2025”, nella convinzione della dimensione internazionale del territorio e della presenza di un patrimonio dalle componenti uniche ed emergenti, in un contesto omogeneo e vitale, nel quale il principio della diversità è al centro dei processi di sviluppo.
È stata avviata la definizione di un programma articolato di azione, che coinvolge la gente e tutte le comunità dell’area, che prevede una fitta opera di partecipazione, di sensibilizzazione, di studio e riconsiderazione dei propri valori, secondo modalità capaci di garantire un impatto a lungo termine delle attività, anche in termini di ricaduta nella crescita sociale e culturale del territorio. Il lavoro che impegnerà per i prossimi anni ha l’obiettivo di mettere in luce la ricchezza e la diversità nella cultura di un lembo di Calabria, attraversato da genti ed eventi che hanno lasciato tracce indelebili nella natura, negli uomini e nelle donne della Locride. Servirà per accrescere il senso di appartenenza ad una terra, a comprendere meglio le proprie radici, a catapultarsi oltre per abbracciare culture e paesi altri.
Il Gal Terre Locridee si avvarrà della preziosa collaborazione di Officine delle Idee, cooperativa calabrese con elevate competenze ed esperienze nel campo della comunicazione e della creatività culturale, il cui contributo sarà determinante per potenziare il profilo internazionale del territorio e valorizzarne l’immagine.
La Locride si appresta, per i prossimi anni, a diventare un grande laboratorio aperto, per accogliere idee, dare vitalità alle comunità e alle culture locali, ricomporre la mappa del paesaggio storico dell’area. Un laboratorio inclusivo per fondere esperienze e saperi e per restituire conoscenza. Un laboratorio sociale che vedrà la partecipazione di tutte le realtà operative del territorio, che accoglierà influenze dall’esterno, instaurerà relazioni e si aprirà al mondo.

Read More

Instagram

Categorie

Archivi