Giorno: 26 Giugno 2020

Un test delle urine misurerà la qualità dell’alimentazione

In cinque minuti un’analisi delle urine potrà misurare la dieta di una persona e può dire se l’alimentazione seguita può andar bene oppure no. Al dietologo, in sostanza, non si potrà più mentire.

Un team di ricerca anglo-statunitense ha infatti completato i test su larga scala per questa analisi che misura lo stato di salute dietetica. In due lavori pubblicati sulla rivista scientifica Nature Food, gli studiosi dell’Imperial College di Londra, in collaborazione con quelli della Northwestern University, dell’Università dell’Illinois e della Murdoch University, hanno raccontato di aver analizzato i livelli di 46 metaboliti nelle urine di 1.848 persone e poi di aver sviluppato questo nuovo sistema. I metaboliti sono un indicatore della qualità della dieta: vengono prodotti mentre gli alimenti vengono digeriti dall’organismo.

Gli studiosi hanno notato come alcuni metaboliti sono correlati all’assunzione di alcol, mentre altri sono collegati a quella di agrumi, fruttosio, glucosio e vitamina C. Il team ha anche trovato metaboliti nelle urine associati alle carni rosse e ad altre carni come il pollo. Alcuni metaboliti erano invece collegati a particolari stati di salute: i composti trovati nelle urine, come il formiato e il sodio, sono correlati all’obesità e alla pressione alta. La tecnologia sviluppata, secondo gli studiosi, potrebbe consentire alle persone di ricevere consigli alimentari salutari su misura per il loro piano alimentare giornaliero, in una sorta di “nutrizione di precisione”. (ANSA).

Read More

Concerti annullati: Governo apre a rimborsi in denaro, ma Codacons protesta

Il Governo apre alla possibilità di rimborsi in denaro per i concerti annullati a causa del coronavirus. Lo si apprende da fonti stampa, secondo cui la palla passerebbe ora al Parlamento che dovrà valutare gli emendamenti presentati in materia.
La soluzione proposta, tuttavia, suona più come una beffa che come una soluzione in favore degli utenti – afferma il Codacons, associazione che rappresenta in Italia gli spettatori coinvolti nel caso e che ha già avviato diverse iniziative legali contro i mancati rimborsi in denaro – L’emendamento presentato dal presidente della Commissione per le Politiche dell’Ue alla Camera, Sergio Battelli, estende infatti a 24 mesi la validità del voucher per i concerti annullati, rinnovabili per altri 12 mesi dopo i quali è prevista la possibilità di essere rimborsati. Questo significa che chi ha acquistato biglietti per eventi cancellati, potrà ottenere un rimborso solo dopo 3 anni e solo se entro tale termine lo spettacolo non sarà replicato.
“Una vera e propria presa in giro per gli utenti, che non risolve affatto l’illegittimità dei voucher – spiega il presidente Carlo Rienzi – Il rimborso in denaro deve essere infatti riconosciuto indistintamente per tutti i titolari di biglietto, perché in 3 anni l’utente può cambiare idea o non essere più in condizione di partecipare ad un evento acquistato molto tempo prima”.
L’associazione ricorda che è possibile ottenere supporto e informazioni contattando il numero 89349966 attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 14 alle ore 17.

Read More

Parco Nazionale della Sila: Manifestazione di interesse per l’affidamento ad associazioni di volontariato delle attività di avvistamento antincendio e di vigilanza ambientale

La sede legale dell’Ente Parco, nella giornata di ieri 25 giugno, ha ospitato la riunione organizzativa con le Associazioni di volontariato di protezione civile che hanno partecipato alla manifestazione d’interesse per attività di avvistamento antincendio e di vigilanza ambientale con postazioni fisse e con pattugliamento all’interno del territorio del Parco Nazionale della Sila.

L’utilizzo dei volontari, nel periodo estivo – si legge nella nota stampa –  che dal primo luglio al 30 settembre, rappresenta oramai da oltre un decennio, la volontà dell’Ente Parco di collaborare sinergicamente con chi la montagna la conosce e la vive quotidianamente: le dieci associazioni (Le Aquile – Corigliano-Rossano (CS), VAS – Castrolibero (CS), Protezione Civile Acri (CS), LIPU San Giovanni in Fiore (CS), Lipambiente Bocchigliero (CS), WWF Crotone (KR), Protezione Civile – Savelli (KR), Associazione Nazionale Carabinieri – Sezione Catanzaro Lido (CZ), Protezione Civile Mesoraca (KR) e  E.R.A. – ODV – Corigliano-Rossano (CS)) per un totale di oltre 150 volontari che verranno utilizzati in turnazioni, copriranno il territorio protetto in dieci zone sotto le direttive dei responsabili dell’Ente Parco ed il Coordinamento della locale Caserma del Reparto Carabinieri Parco.

Il Presidente, Dott. Francesco Curcio, nel ringraziare le Associazioni di volontariato per la disponibilità che ogni anno riconfermano la loro presenza e le associazioni che per la prima volta si apprestano ad espletare il servizio richiesto aggiunge che è intenzione dell’Ente, nel breve termine, avviare un percorso con l’A.R.A. Calabria, Associazione Regionale che si occupa dell’assistenza e controllo delle aziende zootecniche calabresi, in modo da coinvolgere gli allevatori che si trovano sull’altopiano Silano per la transumanza e fare diventare anche loro “custodi” del Parco Nazionale della Sila.

Read More

Lucia Amodio danzatrice cosentina nel corpo di ballo del video clip di Bobo Vieri “Una vita da Bomber”

Una nuova importante esperienza professionale per un’artista calabrese. Si tratta della talentuosa e bella danzatrice Lucia Amodia titolare ed insegnante, insieme al coreografo e danzarore Giuseppe Ferraro, della scuola di danza “Art Show Dance Accademy” con sedi a Torano, Acri e Bisignano in provincia di Cosenza.

Lucia fa parte del corpo di ballo del nuovo tormentone estivo di Bobo Vieri, Nicola Ventola e Lele Adani “Una vita da bomber”. Il video, girato in Toscana è stato diretto da Fabrizio Conte.

L’artista cosentina non è nuova ad esperienze simili, ha fatto parte anche nel corpo di ballo di numerose trasmissioni televisive come l’Anno che Verrà, Mezzogiorno in Famiglia e Domenica in.

Read More

Scuola, Azzolina: “Lezioni anche al cinema, no ai doppi turni”

“Dal 14 settembre la scuola riaprirà per tutti quanti. Il 14 settembre riportiamo tutti a scuola. Le linee guida sono condivise con tutto il mondo della scuola. Ci sono le soluzioni e ci sono le risorse per realizzarle. Ci sarà un miliardo in più da stanziare: oltre a questo, ne abbiamo stanziati 4,6 sulla scuola da gennaio a oggi. La scuola non aveva mai visto tanti soldi”. Sono le parole della ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, che illustra le linee guida per la ripresa della scuola a settembre. “Le scuole dovranno essere pulite, abbiamo investito milioni di euro per prodotti igienizzanti. Dobbiamo mantenere il metro di distanza, dovremo evitare assembramenti e dovremo fare ingressi scaglionati. Faremo formazione del personale scolastico, lavoreremo insieme alla Protezione Civile, faremo comunicazione per famiglie e studenti per comportamenti responsabili e prevenzione”, ha detto la ministra.

“Abbiamo bisogno di spazio e abbiamo creato un software per capire quanti metri quadrati abbiamo negli edifici scolastici. Ora so quanti metri ho a disposizione, classe per classe. Dobbiamo portare fuori dagli edifici circa il 15% degli studenti”, ha proseguito. La gestione degli spazi avverrà anche attraverso “lavori di edilizia scolastica leggera”. “Abbiamo ripreso 3000 edifici scolastici dismessi, possiamo recuperarli. La scuola a settembre deve riaprire non solo in sicurezza, deve essere nuova, più aperta e inclusiva. Vogliamo fare scuola anche fuori dalla scuola: nei musei, nei cinema, nei teatri. Affinché gli studenti respirino cultura. E perché no, portare anche i bambini più piccoli al parco se il tempo lo consente”, ha detto ancora. “La flessibilità degli orari non significa doppi turni, nessuno ha parlato di doppi tutto: non lo abbiamo mai detto”, ha affermato. Le classi pollaio “non consentono di valorizzare i talenti di ciascuno. Un docente, se ha 30 alunni davanti, non ce la fa e questo crea dispersione scolastica. Il numero di alunno per classe deve diminuire già a partire da settembre”.

Fonte Adnkronos

Read More

Scuola, accordo sulle linee guida. Si riapre il 14 settembre. Conte: “Stanziato un miliardo”

La notizia è ormai è ufficiale: la scuola riaprirà il 14 settembre. Regioni ed Enti Locali hanno dato il via libera alle nuove linee guida per il rientro in classe.

“Ci siamo predisposti, con le linee guida, per ritornare in sicurezza a settembre”, ha detto il premier Giuseppe Conte nell’ambito di una stampa a Palazzo Chigi. “Abbiamo un ulteriore miliardo che stanziamo per altri  investimenti sulla scuola, che ci dovrà consentire di avere una scuola più moderna, sicura e inclusiva. E nel Recovery Fund un importante capitolo sarà dedicato proprio agli interventi sulla scuola”.

“Chiudere le scuole è stata una scelta molto sofferta, che nessuno pensi che il governo l’abbia presa a cuor leggero”, aggiunge. “Vogliamo classi meno affollate. Le cosiddette classi pollaio a me non piacciono affatto, non le tolleriamo più”, aggiunge.

“Vogliamo fare scuola anche fuori dalla scuola: portiamo gli studenti nei cinema, nei teatri, nei musei, facciamo in modo che respirino la cultura di cui hanno bisogno. Portiamo anche i più piccoli al parco quando il tempo lo consente a fare lezione”, ha spiegato la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, nella conferenza di presentazione del Piano per il rientro a scuola a settembre. “Le linee guida sono immediatamente operative”. “Ci sono soluzioni e risorse per queste soluzioni – ha spiegato -. Un miliardo in più stanziato è davvero tanto. Non è stato facile, ma è un altro segnale che la scuola è al centro dei nostri pensieri. Amiamo la scuola, è il centro del nostro futuro”. “Con i fondi possiamo assumere fino a 50 mila persone, tra personale docente e non docente con contratto determinato”.

 

Read More

Catanzaro: Lavori Commissione Ambiente e Lavori Pubblici

La presentazione della bozza di progetto di una rotatoria per la messa in sicurezza dell’incrocio tra via Izzi De Falenta e viale Crotone, nel quartiere marinaro a Catanzaro è stata al centro della riunione della commissione Lavori pubblici e ambiente presieduta da Eugenio Riccio. “Il tratto stradale – ha commentato – è stato già oggetto in passato di numerosi incidenti stradali anche mortali. L’idea e le soluzioni per la realizzazione della rotatoria – si legge nella nota stampa –  saranno sviluppate nei prossimi giorni, ma la messa in sicurezza dell’incrocio, condivisa da tutti i componenti di commissione, è da ritenersi una priorità per l’amministrazione comunale”.
Nella seduta è stato anche trattato il problema degli allagamenti che si registrano, nella stagione delle piogge, nel centro del quartiere Lido, soprattutto in piazza Garibaldi e via Corace. Sono stati, dunque, invitati gli uffici tecnici a programmare gli interventi previsti, prima dell’arrivo dell’autunno, considerata la disponibilità di risorse.
Su richiesta della consigliera Celi – continua la nota stampa –  è stato poi trattata la questione della fruizione del Terrazzo del San Giovanni in uso all’Università Magna Graecia. “Lo stesso sembrerebbe non solo non fruibile per cittadini e turisti – ha detto la Celi – ma addirittura utilizzato in alcuni casi come parcheggio e degradato per la mancanza di cura del verde”. La commissione nei prossimi giorni si adopererà per garantire ai cittadini la fruizione di questo importante bene pubblico.
La videosorveglianza nel parco Gaslini e sul lungomare di Giovino è stato un altro argomento discusso: dopo la relazione del presidente Riccio, secondo cui a Giovino le telecamere sembrerebbero essere non attive, la commissione ha deciso di avviare le procedure amministrative per risolvere la problematica interessando gli uffici tecnici e la Polizia locale.
Ancora su richiesta dei consiglieri Riccio, Pratico’, Pisano e Levato sono stati programmati sopralluoghi presso i cimiteri cittadini, in particolar modo quello centrale di via Paglia, per verificare lo stato dell’arte della costruzione dei nuovi loculi, e in via G. Rito interessata da segnalazioni di cittadini che lamentano la pericolosità della strada. La commissione ha poi preso atto del programmi d’intervento della Catanzaro Servizi in tema di cura e manutenzione di aiuole e parchi comunali, a supporto della ditta affidataria del servizio di gestione del verde urbano.
Su proposta poi del consigliere Sergio Costanzo, la commissione si è determinata nel richiedere agli uffici preposti la documentazione relativa al “Parco della Fiumarella” con relativo svolgimento di un sopralluogo. Nella prossima settimana, su input del consigliere Mirarchi, sarà approfondita con il settore lavori pubblici la questione di via Curtatone che “malgrado i recenti interventi di costruzione di cunette per la raccolta delle acque meteoriche necessita di ulteriori lavori”. Ultimo punto all’ordine del giorno, la programmazione di ulteriori sopralluoghi nella zona nord della città per constatare gli interventi di manutenzione in diversi parchi comunali tra cui Parco Genziana e Parco “Carlo Alberto Dalla Chiesa”.

Read More

Palmi (RC): Conclusa la zona rossa. Provvedimento non rinnovato, negativi centinaia di tamponi fatti

“Missione compiuta, si riparte! #Palmicittàsicura”. Così il primo cittadino di Palmi, nel reggino, Giuseppe Ranuccio, ha annunciato sulla sua pagina facebook la fine della zona rossa istituita nei quartieri cittadini della Tonnara, di Pietrenere e di Scinà. Un provvedimento adottato Presidente della Regione Calabria Jole Santelli, dopo la scoperta di un focolaio con 8 casi e che era entrato in vigore alla mezzanotte di lunedì scorso per scadere alle 14 di oggi. Il provvedimento non è stato prolungato dal momento che tutti i tamponi eseguiti in questi giorni – alcune centinaia – sono risultati negativi.
“Grazie ai residenti della Tonnara, dei quartieri marittimi e grazie ai cittadini tutti – ha scritto il sindaco Ranuccio – per l’alto senso di responsabilità dimostrato in questi giorni. Un sentito ringraziamento anche alle forze dell’ordine, alla protezione civile, all’Asp, alla Regione Calabria e alla Prefettura. Missione compiuta, si riparte!”.

Read More

Coronavirus. Tre positivi rispetto a ieri. Il bollettino della Regione Calabria

In Calabria ad oggi sono stati effettuati 90.414 tamponi.

Le persone risultate positive al Coronavirus sono 1.178 (+3 rispetto a ieri), quelle negative sono 89.236.

Territorialmente, i casi positivi sono così distribuiti:

– Catanzaro: 6 in reparto; 1 in isolamento domiciliare; 177 guariti; 33 deceduti.

– Cosenza: 2 in isolamento domiciliare; 432 guariti; 34 deceduti.

– Reggio Calabria: 2 in reparto; 17 in isolamento domiciliare; 254 guariti; 19 deceduti.

– Crotone: 112 guariti; 6 deceduti.

– Vibo Valentia: 1 in reparto; 1 in isolamento domiciliare; 76 guariti; 5 deceduti.

Il totale dei casi di Catanzaro comprende soggetti provenienti da altre strutture e province che nel tempo sono stati dimessi.

Le persone decedute vengono indicate nella provincia di provenienza e non in quella in cui è avvenuto il decesso.

Dall’ultima rilevazione, le persone che si sono registrate sul portale della Regione Calabria per comunicare la loro presenza sul territorio regionale sono in totale 10.388.

Nel conteggio sono compresi anche i due pazienti di Bergamo trasferiti a Catanzaro, mentre non sono compresi i numeri del contagio pervenuti dopo la comunicazione dei dati alla Protezione Civile Nazionale.

Read More

Intesa sulla scuola, a settembre in aula a distanza di un metro

Regioni ed Enti locali hanno espresso un parere positivo sulle Linee guida del ministero dell’Istruzione per la ripresa dell’attivita’ scolastica a settembre. Lo confermano fonti del ministero.

La nuova bozza del Piano scuola 2020-2021 per quanto concerne le misure di distanziamento fa riferimento ad una indicazione del Cts. In particolare si afferma che “il distanziamento fisico (inteso come 1 metro tra le rime buccali degli alunni) rimane un punto di primaria importanza nelle azioni di prevenzione”.

La seduta straordinaria della Conferenza Unificata presieduta dal ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia si è tenuta oggi pomeriggio. Presenti presso la sede del Dipartimento Affari regionali la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, il ministro della Salute, Roberto Speranza, e il sottosegretario all’ambiente, Roberto Morassut; collegati in videoconferenza la viceministra dell’istruzione, Anna Ascani, il presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, i presidenti di Regione, il presidente Anci, Antonio Decaro, il presidente UPI, Michele De Pascale, i sottosegretari e viceministri competenti dei provvedimenti all’ordine del giorno.

Al termine dei lavori, Boccia ha espresso “grande soddisfazione”. “Anche in questa occasione la leale e forte collaborazione fra governo, Regioni ed enti locali ha dato un risultato positivo, come accaduto per altri nevralgici settori (commercio, trasporto pubblico locale, servizi alla persona e industria). L’intenso lavoro di questi giorni – prosegue Boccia – permette di restituire fiducia al mondo della scuola: insegnanti, studenti, famiglie, personale Ata, possono guardare all’inizio del prossimo anno scolastico confidando in una riapertura ordinata e sicura dal punto di vista sanitario. Il metodo sperimentato durante le fasi critiche dell’emergenza Covid-19 si sta rivelando utile per affrontare molte questioni aperte nel nostro Paese e sicuramente la scuola e’ forse quella piu’ cruciale. Ringrazio la Conferenza delle Regioni, Anci, Upi e tutti coloro che hanno dato un concreto contributo per raggiungere questo obiettivo: essere riusciti ad arrivare ad una unita’ di intenti – conclude Boccia – dopo un confronto serio ed approfondito e’ di certo motivo di grande soddisfazione

Read More

Instagram

Categorie

Archivi