Giorno: 2 Luglio 2020

Catanzaro: Santelli illustra le azioni post covid per il rilancio del turismo

“Oggi illustriamo le azioni del comparto turistico che mette insieme 4 misure, tra loro interconnesse, che per la prima volta richiedono uno sforzo congiunto con gli operatori di settore per sostenere il comparto”.

Così il presidente della regione Jole Santelli ha aperto l’incontro con i giornalisti durante il quale, alla presenza di tutti gli assessori della Giunta, ha illustrato le azioni integrate post-Covid per il rilancio del turismo.

Il valore economico delle azioni corrisponde  a circa 60 milioni di euro – si legge in una nota stampa – e riguarda un numero di beneficiari di oltre 400 mila unità.

“Non possiamo – prosegue il presidente Santelli- avere risorse in Regione e tenerle ferme. Anche se c’è un euro a disposizione preferisco che sia dato subito a chi ne ha bisogno. La burocrazia non è tutta uguale. In questi due mesi e mezzo di legislatura abbiamo pubblicato più di 10 Bandi grazie all’impegno di molti dirigenti che hanno lavorato e continuano a lavorare notte e giorno. Si tratta di persone che voglio ringraziare pubblicamente perché hanno messo in campo le loro professionalità per una missione precisa: cercare di salvare la Calabria”.

Queste le misure che andranno in pubblicazione la prossima settimana.

“Accogli Calabria” (una misura che prevede un contributo una tantum a fondo perduto alle singole strutture ricettive in funzione delle presenze registrate nel 2018);

“Stai In Calabria” (misura che prevede un sostegno alle famiglie calabresi che soggiornano almeno 3 notti in una struttura ricettiva regionale);

“Accoglienza Calabria” (misura con la quale si offre una cena durante un soggiorno in Calabria a turisti extra regionali);

“In Calabria” (misura con la quale si eroga un voucher di 200 euro a favore dei giovani tra i 18 e i 24 anni per attività collaterali al turismo e per la cultura) Nel complesso ammontano a circa 155 milioni di euro le risorse stanziate dalla Giunta regionale attraverso le varie azioni messe in campo finora, per un totale di oltre 450 mila beneficiari coinvolti.

Read More

Catanzaro: La storia di Lea Garofalo in uno spettacolo di pupi

E’ prevista per agosto la prima dello “Spettacolo dell’Opera dei Pupi e delle Pupe Antimafia” dedicato a Lea Garofalo, vittima della ‘ndrangheta la cui storia ha tanto colpito l’immaginario collettivo, dal puparo Angelo Sicilia e della cantastorie Francesca Prestìa. L’idea nasce dall’incontro di due artisti come il puparo palermitano padre dei pupi antimafia e la prima donna cantastorie calabrese nonché autrice della “Ballata di Lea” e di altri brani dedicati alle vittime di mafia.
Lo spettacolo, scritto a quattro mani da Sicilia e Francesca Prestìa, coniuga la grande tradizione dei pupi siciliani con l’arte dei cantastorie meridionali. Sicilia e Prestia, che parallelamente hanno già avviato un percorso di rinnovamento dei propri repertori con la nascita dell’opera dei pupi antimafia (Storia di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, Peppino di Cinisi contro la mafia ed altri) e delle ballate ispirate alla realtà odierna ed a varie problematiche sociali e civili ( “Tantu nui simu ‘e cchiù!” in memoria di Rita Atria, Maria Concetta Cacciola, Ilaria Alpi, Rossella Casini, Francesca Morvillo; la ninna nanna “Lu bene re la mamma”, dedicata a Giuseppina Pesce) hanno unito le loro arti per narrare, con gli strumenti del teatro di figura e del “canto e cuntu”, la drammatica storia di Lea Garofalo.
La rappresentazione vede in scena i due artisti affiancati sul palco dai pupi antimafia animati dalla Marionettistica Popolare Siciliana di Palermo e recitati da Sicilia e Prestìa. Le musiche che corredano la rappresentazione sono composte ed eseguite dal vivo da Francesca Prestìa con la sua voce e gli strumenti musicali che ormai tradizionalmente fanno parte del suo corredo artistico (chitarrina battente, flauto traverso, tammorra, glockenspiel).

Read More

Dl semplificazioni: Conte, dobbiamo tutti osare

Dagli appalti, all’abuso d’ufficio, fino al danno erariale. Sono ancora diversi i nodi da sciogliere nel decreto sulle semplificazioni. A quanto emerge al termine del vertice di questa mattina a Palazzo Chigi, tra i partiti sono rimaste distanze sui diversi temi e si è deciso di chiudere la discussione in sede politica per passare la palla all’esame tecnico del preconsiglio dei ministri. Ma più d’uno, al termine della riunione di questa mattina, vede difficile un’approvazione del testo definitivo in Cdm e ritiene probabile che il via libera arrivi “salvo intese”. Sul tema degli appalti sopra soglia e sull’elenco delle opere pubbliche da sbloccare, si starebbe ancora in queste ore cercando un’intesa. Ma Leu, con Loredana De Petris, tiene aperto anche il tema dell’edilizia, reputando non sufficiente lo stralcio della norma sul condono dal testo: “Restano norme per noi inaccettabili come quelle che consentono le ricostruzioni in deroga, senza mantenere le stesse sagome: non c’è l’esclusione dei centri storici e di tessuti urbani consolidati. Si capisce bene che impatto puo’ avere”. Quanto al tema dell’abuso d’ufficio, mentre il Pd spiega che un accordo di massima è stato raggiunto, la stessa De Petris afferma che non si sono fatti passi avanti e fonti di Iv dicono di aver chiesto lo stralcio della norma. “Abbiamo fatto le nostre osservazioni – dice De Petris – ora spetta al governo”.

“È il momento del coraggio: l’Italia non è disposta a fare passi indietro. Non possiamo concederci di mancare questo appuntamento storico per l’Italia. Tutti dobbiamo osare. Non possiamo accettare il principio per cui non facciamo per paura di infiltrazioni”, ha detto il premier Giuseppe Conte.

“Piena convergenza con Zingaretti sul decreto semplificazioni da portare presto in Cdm. La pensiamo allo stesso modo: bisogna correre”, ha detto il Conte dopo l’incontro con il segretario del Pd Nicola Zingaretti.

Tra Nicola Zingaretti e Giuseppe Conte c’è stato un “positivo incontro di chiarimento dopo le incomprensioni”, hanno detto fonti Pd. “Il governo – aggiungono – ha la forza per decidere e fare le cose. Il Pd è il primo sostenitore della sburocratizzazione dello Stato e della semplificazione. Rispettando le autonomie dei territori e’ giusto provare a costruire progetti unitari e condivisi nelle regioni”.

“Ci auguriamo che il governo definisca e vari al più presto il cosiddetto decreto-semplificazioni che è stato annunciato”, ha detto il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi. “Le bozze che sono circolate finora non risolvono tutte le criticità ma – sottolinea – è innegabile che il problema è immenso e costituisce da molti anni un collo di bottiglia per la crescita del Paese, la realizzazione di opere e interventi troppo a lungo rinviati, il reddito e il lavoro di centinaia di migliaia di italiani”. Per questo, indica il leader degli industriali, “un segnale forte è indispensabile e bene ha fatto il premier Conte ad annunciarlo in questi giorni anche nei suoi colloqui europei”.

Intanto il Dl rilancio approderà nell’Aula della Camera lunedì alle 10. Attesa per oggi la fiducia. Si punta a chiudere l’esame dell’intero provvedimento, che poi dovrà passare al Senato, entro la giornata di mercoledì. Un voto sul filo in commissione Bilancio alla Camera dove, da un paio di ore, sta andando avanti l’esame degli emendamenti al Dl Rilancio che hanno ricevuto parere negativo di governo e relatori, e che quindi vengono bocciati. Nel corso della votazione di un emendamento della Lega in tema di infrastrutture, che la maggioranza aveva chiesto di respingere, la votazione è finita in pareggio: 17 contrari e 17 favorevoli (probabilmente a causa della distrazione di alcuni parlamentari di maggioranza, che non hanno alzato la mano al momento dovuto). Il conteggio è stato fatto dal presidente Claudio Borghi (Lega): “Ho contato le mani – ha spiegato – erano 17 sì e 17 no. Che facciamo, procediamo con il voto nominale?”. La questione si è chiusa senza dover ripetere il voto, quando Borghi ha ricordato che, in ogni caso, il ‘pareggio’ vale come ‘no’.

Ansa

Read More

Diamante (CS): Sabato 4 luglio previsto incontro “Liberi di raccontare – Prospettive, rischi e opportunità del giornalismo italiano visto da Sud”

Sabato 4 luglio alle ore 21.00, in Largo Savonarola, nel centro storico di Diamante, in provincia di Cosenza, si terrà un incontro sul tema “Liberi di raccontare – Prospettive, rischi e opportunità del giornalismo italiano visto da Sud” a cui interverranno: i giornalisti Sen. Sandro Ruotolo, Michele Albanese, Damiano Iovino, Filippo Veltri, Paolo Gambescia ; il Sindaco, Sen. Ernesto Magorno e Gianfranco Pascale, Presidente del Consorzio Operatori Turistici Diamante e Riviera dei Cedri.

L’iniziativa si svolgerà in ottemperanza alle disposizioni anti Covid-19 –  si legge nella nota stampa -contenute nel Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri dell’11 giugno 2020 e nell’Ordinanza  n. 51  del  13  giugno  2020 del Presidente della Regione Calabria.

 

Read More

Cosenza: Ai domiciliari il comandante dei Vigili del fuoco Massimo Cundari

Sono stati disposti gli arresti domiciliari per Massimo Cundari, di 54 anni, ora ex comandante dei Vigili del fuoco di Cosenza, arrestato lo scorso 23 giugno con le accuse dei reati di concussione, falso in atto pubblico e induzione indebita a dare o promettere utilità. La decisione è stata presa dal Tribunale del riesame dopo il ricorso degli avvocati Nicola Carratelli e Valentina Branda, legali di Cundari. Secondo la Procura della Repubblica di Cosenza, Cundari avrebbe chiesto e ottenuto da un imprenditore la consegna 8.500 euro che la vittima, nella sua denuncia, aveva riferito di avere versato per poter avviare l’apertura di un impianto di rifornimento di Gpl.

Read More

Coronavirus: Confagri dona dispositivi a strutture sanitarie

“La crisi sanitaria e sociale dovuta al diffondersi della pandemia ci ha insegnato che, in alcuni contesti, siamo tutti uguali e bisognosi l’uno dell’altro. Abbiamo compreso che la ricerca del bene comune non può prescindere da una responsabilità etica di solidarietà e mutualità. Se medici e infermieri sono stati i primi a dover fronteggiare l’emergenza, anche i cittadini possono dare il proprio contributo e così Confagricoltura Cosenza – Unione Provinciale Agricoltori, non nuova ad iniziative di carattere solidale, in questo momento così delicato ha unito le forze per raccogliere una somma da destinare all’acquisto di dispositivi medici da donare a strutture sanitarie in prima linea nella salvaguardia della salute dei cittadini”. Lo riferisce un comunicato di Confagricoltura Cosenza.
“Un gesto – si aggiunge – sentito e voluto dai soci dell’organizzazione di rappresentanza e tutela dell’impresa agricola cosentina, che ha portato al confezionamento di sette pacchi contenenti termometri a infrarossi per la misurazione corporea e mascherine chirurgiche a titolo di controllo e prevenzione del contagio da coronavirus. I pacchi, in particolare, sono stati consegnati dal presidente Paola Granata al Dipartimento di prevenzione dell’Azienda sanitaria di Cosenza, al Centro trasfusionale del reparto di Ematologia, ai reparti di Oncologia, Cardiologia e Psichiatria dell’ospedale Annunziata, all’Avis comunale e al dipartimento di Medicina del lavoro.

Read More

Vibo Valentia: trovato arsenale a casa di una coppia

Otto fucili calibro 12, una mitragliatrice polacca, 4 pistole clandestine, due silenziatori e 500 munizioni di vario calibro oltre che denaro contante: un vero e proprio arsenale militare è stato scoperto questa mattina dai carabinieri del Comando provinciale di Vibo Valentia a Stefanaconi. Le armi erano nell’abitazione di una coppia finita in carcere. Sono stati gli stessi carabinieri, al termine di una perquisizione a bloccare marito e moglie. Tra gli oggetti ritrovati, anche alcuni elementi riconducibili a una delle logge massoniche di Vibo Valentia. La coppia, concluse le operazioni di rito, verrà condotta in carcere.

Read More

Coronavirus: anche oggi zero positivi. Il bollettino della Regione

In Calabria ad oggi sono stati effettuati 94.880 tamponi.Le persone risultate positive al Coronavirus sono 1.181 (+0 rispetto a ieri), quelle negative sono 93.699.Territorialmente, i casi positivi sono così distribuiti:- Catanzaro: 1 in reparto; 1 in isolamento domiciliare; 182 guariti; 33 deceduti.- Cosenza: 1 in isolamento domiciliare; 433 guariti; 34 deceduti.- Reggio Calabria: 2 in reparto; 16 in isolamento domiciliare; 256 guariti; 19 deceduti.- Crotone: 1 in isolamento domiciliare; 112 guariti; 6 deceduti.- Vibo Valentia: 1 in reparto; 1 in isolamento domiciliare; 77 guariti; 5 deceduti.Il totale dei casi di Catanzaro comprende soggetti provenienti da altre strutture e province che nel tempo sono stati dimessi.Le persone decedute vengono indicate nella provincia di provenienza e non in quella in cui è avvenuto il decesso.Dall’ultima rilevazione, le persone che si sono registrate sul portale della Regione Calabria per comunicare la loro presenza sul territorio regionale sono in totale 8323.Nel conteggio sono compresi anche i due pazienti di Bergamo trasferiti a Catanzaro, mentre non sono compresi i numeri del contagio pervenuti dopo la comunicazione dei dati alla Protezione Civile Nazionale.

Read More

Barbuto (M5S) ha incontrato Rfi sui lavori di elettrificazione della linea Sibari-Catanzaro Lido-Lamezia

La deputata M5S Elisabetta Barbuto ha incontrato ieri,  in video conferenza lo staff tecnico e commerciale di RFI per fare il punto sullo stato dell’arte dei lavori di elettrificazione della linea Sibari / Catanzaro Lido / Lamezia, anche in seguito al momentaneo blocco della installazione dei plinti sulla linea da parte del MIBACT all’altezza di Corigliano – Thurio nonché per evidenziare le molteplici criticità della galleria di Cutro sulla tratta Crotone / Catanzaro Lido.

Nel corso dell’incontro, al quale non ha partecipato la Regione, benché ritualmente invitata, sono intervenuti i responsabili nazionali e regionali di RFI ed è stato riferito che le progettazioni delle tratte interessate (Sibari / Catanzaro Lido e Catanzaro Lido/ Lamezia), ivi incluse le 14 sottostazioni elettriche distribuite sull’intero percorso, sono pronte per essere inviate al Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici per l’approvazione e le successive fasi. I tempi per l’integrale completamento delle opere, inizialmente previsti per il 2002-2023, sono tuttavia destinati inevitabilmente a prolungarsi a causa della forzata pausa dovuta al lockdown per il Coronavirus.

Procede spedita, invece, dopo una interlocuzione con la Sovrintendenza ed il superamento delle problematiche rilevate dal MIBACT, il posizionamento dei plinti, completo al momento per l’87 %, e che dovrebbe concludersi entro il corrente anno.

La galleria di Cutro, già interessata qualche anno fa da lavori di messa in sicurezza, resta, invece, un problema serio da affrontare e da risolvere tempestivamente onde evitare che possa costituire un ulteriore blocco alle operazioni di elettrificazione allorché i lavori arriveranno in prossimità della stessa. La galleria necessita, infatti, di essere allargata e rinforzata, mediante blindatura, a causa di una frana che ne compromette la stabilità e gli stessi funzionari hanno riferito di una possibile ipotesi di studio che consenta di valutare la fattibilità di un tracciato alternativo e differente che consenta di abbandonare definitivamente il vecchio percorso e l’attraversamento della stessa galleria.

“Ho ritenuto importante – ha sottolineato la Barbuto – evidenziare come ogni valutazione progettuale che riguardi sia i lavori di allargamento della galleria sia l’ipotesi di un tracciato alternativo non possa prescindere da un ampliamento della linea che consenta un collegamento veloce con la struttura aeroportuale, convinta come sono e come sono tutti i crotonesi, che il nostro aeroporto debba riacquistare un ruolo centrale nello sviluppo dell’area jonica. Mi spiace che non abbia partecipato la Regione che contatterò comunque nei prossimi giorni per caldeggiare l’opportunità e la necessità che tra le varie tematiche da sottoporre ad RFI  in occasione dell’avvio del tavolo tecnico di ascolto, entro il 15 luglio prossimo, vi sia proprio la richiesta di uno studio di fattibilità tecnica di un tracciato alternativo all’attuale che preveda anche un collegamento con l’aeroporto pitagorico si da agevolarne il collegamento di tutta la fascia jonica con lo stesso”.

“Ritengo giusto ancora – conclude la deputata M5S – prendere spunto da questa specifica situazione  per ipotizzare la costituzione di un intergruppo parlamentare al quale inviterò a partecipare tutti i parlamentari calabresi della fascia jonica, indipendentemente dalla loro collocazione politica, per avviare un dialogo ed un lavoro costante che miri a promuovere e sostenere ogni iniziativa di sviluppo infrastrutturale della nostra dorsale e che ne promuova  la centralità e l’importanza ridandole la dignità troppo spesso calpestata. Noi di Crotone ci siamo tutti e faremo la nostra parte”.

 

Read More

Cosenza: al Liceo Scientifico Fermi, il premio regionale del concorso nazionale “latuaideadimpresa®”

Nato con l’obiettivo di diffondere la cultura d’impresa, stimolare la nascita di nuove aziende e start up innovative, il concorso tra idee imprenditoriali di Sistemi Formativi Confindustria e Noisiamofuturo®patrocinato da MIUR, Luiss e 4.Manager, ha visto coinvolti oltre 130 ragazzi provenienti dall’Istituto di Istruzione Superiore di Castrolibero (secondo classificato), Istituto Tecnico Industriale “A. Monaco” di Cosenza e dai Licei “Pitagora” di Rende, “Fermi”, “Lucrezia della Valle” e “Scorza” di Cosenza ed il Liceo Scientifico “Galilei” di Trebisacce (terzo classificato).

“Latuaideadimpresa” è anche un percorso di alternanza scuola-lavoro riservato agli studenti delle ultime classi delle scuole superiori, “per essere guidati – sottolinea il presidente di Confindustria Cosenza, Fortunato Amarelli – nello sviluppo di una serie di soft skills divenute ormai indispensabili per poter accedere al mondo del lavoro. I ragazzi sono stati impegnati per mesi nella realizzazione di un progetto d’impresa, corredato da business plan e videoracconto esplicativo. Hanno avuto la possibilità di scoprire e fare propri i valori di cui è portatrice l’impresa: senso di responsabilità sociale, spirito di collaborazione, capacità di fare rete, affermazione delle competenze, confronto aperto e curioso, stimolo alla creatività”.

A salire sul gradino più alto del podio sono stati gli alunni Andrea Cesari, Maria Corniola, Giuliano Crescimbeni, Giorgia Donato, Lorenzo Galdini, Mauro Leporace, Gianmarco Pantusa, Francesco Presta, Arimondo Scrivano e Luigi Sposato della classe V H del Liceo Scientifico “Fermi” di Cosenza, coordinati dalla professoressa Francesca Passarelli, grazie all’idea imprenditoriale “Innovation is the future”.

“La partecipazione al progetto latuaideadimpresa® – commenta la dirigente scolastica del liceo scientifico “Fermi”, Angela Corso – è stata un’esperienza altamente formativa per i nostri studenti che hanno avuto l’opportunità di avvicinarsi al mondo dell’imprenditoria. Sono state messe alla prova le loro abilità di team – working nella ricerca di un’idea innovativa e realizzabile. Il progetto ha consentito di mettere in pratica le conoscenze e le abilità acquisite nel percorso scolastico arricchite da quelle economiche. Il Liceo Fermi ringrazia Confindustria Cosenza per la qualità della proposta e per l’organizzazione delle attività che i ragazzi hanno seguito con grande soddisfazione”.

A causa della pandemia da coronavirus, Confindustria Cosenza non ha potuto organizzare la consueta giornata di orientamento al mondo del lavoro con la connessa premiazione delle scuole e degli studenti vincitori. “Abbiamo deciso di rimandare il tutto all’autunno per ovvie ragioni – conclude Fortunato Amarelli – ma ci teniamo a condividere i risultati ed a riconoscere l’impegno profuso dai ragazzi e dai loro docenti tutor. Insieme al Direttore Rosario Branda, alla Responsabile del progetto Monica Perri ed al presidente dei Giovani Imprenditori Roberto Rugna continueremo a lavorare per spronare le nuove generazioni ad interessarsi al mondo dell’impresa. Vogliamo discutere di futuro con coloro cui il futuro appartiene e quindi desideriamo alimentare il confronto con i ragazzi per parlare delle loro prospettive. Desideriamo raccontare agli studenti le nostre esperienze nel presente, con la consapevolezza che loro vivranno un futuro che oggi è ancora tutto da scrivere”.

Read More

Instagram

Categorie

Archivi