Mese: Agosto 2020

Carenza di personale nel pronto soccorso e medicina d’urgenza dell’Ospedale di Rossano

Riceviamo e pubblichiamo la seguente nota.

Il personale infermieristico del reparto di PS
Medicina d’urgenza del P.O. di Rossano (centro Spoke) responsabile dell’assistenza all’utenza dell’u.O. sente urgentemente il dovere di segnalare la seguente criticità

Si precisa che tale situazione comporta notevole disagi oi pazienti, considerato che loro bisogni non possono essere totalmente soddisfatti.

A distanza di tempo dall’ultimo denuncia del personale infermieristico si ritorna a parlare delle condizioni di mal organizzazioni dell’utilizzo del personale e della organizzazione della struttura. Il personale in servizio al Pronto Soccorso e sfinito dall enorme carico di lavoro, e dalla cattiva organizzazione della struttura.

Si parla di centro Spoke, centro di eccellenza e addirittura di centro Covid ma alla fine sono solo parole.

Per disposizioni del Direttore Sanitario e del Coordinatore infermieristico del P.O. di Rossano, si trasferiscono unita’ infermieristiche dal P.S. di Rossano verso altri presidi per poter ripristinare Unita’ Operative aumentando ancor di piu’ le responsabilità carico di lavoro del personale restante, e inoltre, non nelle tensostrutture adibito per il pre-triage (chiuse do tempo per mancanza del personale infermieristica).

È Opportuno ” potrà garantire il servizio segnalare che operare in condizioni di criticita’ comporta un notevole stress psico-fisico ed espone il personale operativo a rischio di carattere medico legale e di sicurezza (D.lgs. 626/94).

Il personale restante lavora in regime di straordinario anche 18 ore al giorno per sopperire a tutte queste carenze create, che secondo l’art.34 del CCNL e secondo una disposizione del Direttore Generale del 30/04/2013, non è possibile utilizzare, ovvero, “lo straordinario fatti non può essere utilizzato come fattore ordinario di lavoro (cit.”.)

ll personale assunto per l’emergenza Covid-19 che fine ha fatto?

Il motivo chiediamo con estrema urgenza che venga adottato ogni intervento ritenuto utile per la soluzione della criticita sopra elencata, in particolare che venga reperito urgentemente nuovo personale dedicato per ogni specialistica presente Nell’interesse dell’utenza in assenza di una idonea risposto e riserviamo di intraprendere ogni iniziativa ritenuta utile per la soluzione della criticita’.

Read More

Calabria: per gli addetti alle pulizie dei tre aeroporti assunzioni a tempo indeterminato

Si è svolta la riunione fra l’Azienda Coopservice Gestioni e le Organizzazioni sindacali Filt CGIL, Fit CISL e UGL TA, dove si è deciso che gli operatori addetti alle pulizie degli aeroporti di Reggio Calabria, Lamezia e Crotone saranno assunti con contratto a tempo indeterminato con la Coopservice, azienda aggiudicatrice dell’appalto per la gestione delle pulizie negli aeroporti calabresi, sanando così un precedente e pessimo accordo da noi non sottoscritto. È servito un solo incontro con l’azienda rappresentata dal Presidente, Lorenzo Delfino, il quale ha dimostrato sin dall’inizio collaborazione e disponibilità al dialogo con le parti sociali, infatti, partendo da queste basi si è riusciti a raggiungere un importante accordo mirato a salvaguardare tutto il personale che lavora presso gli aeroporti calabresi ormai da oltre dieci anni e che Sacal, soprattutto per quanto concerne lo scalo di Lamezia, non ha mai inteso stabilizzare ricorrendo a continui contratti stagionali. L’azienda Coopservice venendo incontro alle richieste delle parti sociali ha applicato ai 20 lavoratori un CCNL siglato dalle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative a livello nazionale assicurando loro diritti e tutele. È arrivato il momento che anche Sacal cominci ad approcciarsi con le parti sociali con lo stesso intento, quello del giusto dialogo e confronto che purtroppo da qualche anno non siamo riusciti ad instaurare, ed è per questo che attendiamo di incontrare il nuovo Presidente, De Metrio, per capire se possono essere ripristinate normali relazioni industriali per il miglioramento del sistema aeroportuale calabrese, volano fondamentale per lo sviluppo economico e sociale della nostra regione.

Read More

Corigliano Rossano: minaccia e rapina connazionale, bracciante ai domiciliari

È stato arrestato e posto ai domiciliari dai carabinieri della compagnia di Corigliano, in esecuzione di un’ordinanza emessa dal Gip del tribunale di Castrovillari, un 31enne nordafricano, bracciante agricolo, accusato di rapina aggravata e lesioni personali ai danni di un suo connazionale. L’uomo, nella serata di ferragosto, insieme ad altre due persone, aveva fermato un connazionale per poi minacciarlo con un coltello e un collo di bottiglia costringendolo a recarsi in una zona appartata del centro storico di Corigliano per farsi consegnare il cellulare e 50 euro in contanti. La vittima aveva raccontato quanto accaduto ai carabinieri, incontrati lungo il percorso per raggiungere il pronto soccorso perché ferito ad una mano. Le indagini dei militari, che si sono avvalsi della testimonianza della vittima, hanno permesso di fermare il responsabile.

Read More

Coronavirus, in Calabria 14 nuovi contagi. I positivi sono 1.491

In Calabria ad oggi sono stati effettuati 153.811 tamponi.

Le persone risultate positive al Coronavirus sono 1.491 (+14 rispetto a ieri), quelle negative sono 152.320.

Territorialmente, i casi positivi sono così distribuiti:

– Catanzaro: 9 in reparto; 7 in isolamento domiciliare; 186 guariti; 33 deceduti.

– Cosenza: 8 in reparto; 41 in isolamento domiciliare; 446 guariti; 34 deceduti.

– Reggio Calabria: 3 in reparto; 82 in isolamento domiciliare; 284 guariti; 19 deceduti.

– Crotone: 1 in reparto; 10 in isolamento domiciliare; 116 guariti; 6 deceduti.

– Vibo Valentia: 8 in isolamento domiciliare; 82 guariti; 5 deceduti.

Altra Regione o Stato Estero: 111.

Il totale dei casi di Catanzaro comprende soggetti provenienti da altre strutture provincie che nel tempo sono stati dimessi.

Nei ricoveri segnalati presso l’Ospedale di Catanzaro 3 sono ricoverati in malattie infettive, due provengono dalla Provincia di Vibo Valentia (di cui una è ricoverata in malattie infettive succesivamente al parto cesareo), uno è di fuori Regione (nel conteggio si trova nel setting Fuori Regione/ Stato Estero) e uno è stato trasferito al reparto di malattie infettive di Catanzaro.

Degli otto pazienti ricoverati al reparto di Malattie infettive di Cosenza, quattro sono non residenti.

I quattro positivi di Crotone provengono: uno dal CARA, uno è un contatto di un positivo (nuovo focolaio familiare) e due sono di rientro.

I quattro casi di Vibo Valentia sono riconducibili alla nave proveniente da Civitavecchia; i tre positivi rilevati dall’AO di Catanzaro sono due migranti e uno è “fuori regione”: tutti e tre ricoverati.

Dall’ultima rilevazione, le persone che si sono registrate sul portale della Regione Calabria per comunicare la loro presenza sul territorio regionale sono in totale 3.202.

Nel conteggio sono compresi anche i due pazienti di Bergamo trasferiti a Catanzaro, mentre non sono compresi i numeri del contagio pervenuti dopo la comunicazione dei dati alla Protezione Civile Nazionale.

Read More

Migranti: ancora uno sbarco a Crotone, arrivati in 66

Ancora uno sbarco nel porto di Crotone. Sono 66 i migranti arrivati nella tarda mattina con una barca a vela che era stata intercettata da una unità della Guardia di finanza di Corigliano Rossano. Si tratta di 33 uomini, 15 donne e 18 minori tra cui numerosi bambini ed un neonato. In gran parte provengono dall’Afghanistan e dalla Siria, ma ci sono anche persone di nazionalità turca, iraniana e pakistana.
Il loro viaggio sarebbe iniziato dalla Turchia. Al porto di Crotone, sotto scorta della Guardia di finanza, sono stati accolti dal dispositivo delle forze dell’ordine coordinato dalla Prefettura di Crotone con Polizia di Stato, Guardia di finanza, Carabinieri. L’aspetto sanitario è stato verificato dai medici del Suem 118, mentre la Croce Rossa italiana di Crotone ha provveduto a rifocillare soprattutto i tanti bambini e poi ha trasferito tutti al Cara di Isola di Capo Rizzuto dove sono stati posti in quarantena in attesa del tampone come da protocollo anti-covid. Quello di oggi è il quarto sbarco in quindici giorni a Crotone compreso anche quello tragico della giornata di ieri.

Read More

Droga: scoperta piantagione di marijuana a Oppido Mamertina

Una piantagione di marijuana con oltre 500 arbusti dell’altezza di circa un metro è stata scoperta dai carabinieri a Castellace di Oppido Mamertina.
I militari della Compagnia di Palmi in collaborazione con i colleghi del Nucleo elicotteri di Vibo Valentia e dello Squadrone eliportato Cacciatori hanno individuato la coltivazione in pieno stato vegetativo durante un servizio di rastrellamento attuato in località Quarantano. Nelle immediate adiacenze è stato trovato anche un sistema di irrigazione in condizioni di piena efficienza e vari attrezzi agricoli con tutta probabilità utilizzati per la coltivazione illecita.
La piantagione, previa campionatura, è stata distrutta in loco mentre i campioni prelevati, su disposizione sono stati sequestrati e saranno successivamente trasmessi al Ris di Messina per le analisi tossicologiche del caso. La sostanza stupefacente, per un peso complessivo di 150 kg circa che avrebbe fruttato, sul mercato della droga, profitti illeciti sino ad un importo di circa 250 mila euro

Read More

Maltempo e incendi boschivi: Cordella FILP ANPPE VVF, “serve una cabina di regina nazionale per prevenire i rischi”

Dopo le continue  emergenze e le tragedie che colpiscono le nostre regione dal Nord e Sud, siamo convinti che per mettere a riparo il Paese da ulteriori eventi catastrofici bisogna costituire una cabina di regia che metta a sistema gli attori principali del Paese e superare l’attuale dicotomia in tema di prevenzione del territorio ”. è quanto dichiara Fernando Cordella Presidente FILP Vigili del Fuoco.

Per Cordella “ e’ sbagliato parlare di emergenze, maltempo e incendi boschivi, ogni qualvolta si verificano avvenimenti di questo genere, oramai è una consuetudine ed ecco perché bisogna intervenire in fretta con interventi strutturali di prevenzione. La risposta alle emergenze sta’ diventando impossibile basti pensare che negli ultimi giorni il Corpo Nazionale Vigili del Fuoco ha fatto  2.500 interventi al Nord per maltempo e 1.500 al Sud per incendi. Tutto questo affatica la macchina dei soccorsi inesorabilmente”.

“La priorità del Paese – conclude Cordella –  deve esse una risposta ferma e celere alle continue emergenze che colpiscono il Paese dal Nord a Sud, bisogna mappare le aree a rischio, le infrastrutture e i monumenti a rischio e predisporre piani di emergenza efficaci”.

Read More

Cerisano (CS): A Palazzo Sersale celebrati i laureati Unical del borgo

“Partire dai Borghi calabresi per rinsaldare i rapporti con l’Università della Calabria coinvolgendo il proprio patrimonio umano rappresentato dai laureati Unical di questi i territori”. Lo ha detto ieri sera a Cerisano la prof.ssa Patrizia Piro, Presidente dell’Associazione Internazionale “Amici dell’Università della Calabria”, che insieme all’Amministrazione comunale, con la locale Pro Loco presieduta da Daniela Pellegrino – docente Unical – ha promosso nella cornice di Palazzo Sersale una splendida manifestazione per celebrare appunto i laureati Unical di quel Comune nei quasi cinquant’anni di vita dell’Università della Calabria. “Il Centro Residenziale dell’Università della Calabria si sente parte attiva nella realizzazione di questo progetto – ha detto ancora la prof.ssa Patrizia Piro, che ricopre anche le funzioni di Pro Rettore con delega al Campus dell’Università – per dare lustro a tutti i comuni della Calabria in virtù del periodo di studio, socializzazione e formazione dei loro studenti/ laureati, trascorso nel nostro Ateneo, oggi, come ieri,  caratterizzato sempre più da una presenza di studenti stranieri”.

Alla manifestazione di Cerisano, moderata dalla  docente Unical Silvia Mazzuca, hanno partecipato cinquanta laureati Unical di Cerisano per ritirare la pergamena di merito e appartenenza, dal primo laureato del 1978 in Scienze Economiche e Sociali, Greco Francesco, all’ultima in ordine di tempo del 2020, Marino Rossella, che si è laureata in questo tempo del Covid-19 con il sistema on-line in Scienze della Nutrizione. Felice dell’iniziativa si è dichiarato il Sindaco di Cerisano, avv. Lucio Di Gioia, convinto che potrà servire a dare lustro al proprio comune anche in virtù dei propri laureati, molti dei quali si sono affermati in altre regioni italiane ed all’estero con responsabilità dirigenziali in aziende leader nel settore imprenditoriale, enti locali e del pubblico impiego. Quattro di loro si sono presentati a rendere testimonianza sulla esperienza  indimenticabile di studio trascorsa nell’Unical e che rimane tra i ricordi più belli della loro vita incidendo nella formazione e nell’affermazione della loro professionalità: Moreno Bruno, notaio laureato in giurisprudenza; Rosaria Bruni,  dottore di ricerca laureata in Chimica; Sonia Trombino, docente Unical, laurea in Farmacia; Maria Luisa Di Gioia, docente Unical , laurea in Farmacia; Maria Francesca Madrigrano,  General Manager ABB, laurea in Ingegneria civile –  indirizzo idraulico.

Del ruolo e della funzione svolta dall’Università della Calabria, attraverso i suoi settantamila  laureati ed oltre centomila studenti iscritti ai vari corsi di laurea nell’arco dei quasi cinquant’anni di vita e come ha inciso nei percorsi di crescita e sviluppo della Regione, ne ha parlato il Pro Rettore Vicario della stessa Università, prof.ssa Maria De Paola, che ha rimarcato come sia sempre più indispensabile predisporre una offerta didattica di qualità, legandola alle nuove professionalità richieste dal mondo del lavoro, per valorizzare al meglio i propri laureati creando le condizioni migliori per valorizzarli in loco ed incidere sui percorsi di sviluppo della Calabria. Pensieri apprezzati anche dalla dott.ssa Giancarla Masè, direttore generale dell’Unical,  quale ospite d’onore della serata.

Del rapporto tra mondo della politica e delle istituzioni locali con l’Unical ne ha parlato il Presidente della Provincia di Cosenza, Franco Iacucci, auspicando il rilancio del dialogo tra Unical ed enti territoriali; mentre la senatrice Fulvia Caligiuri, sulla base della propria esperienza di imprenditrice, ha evidenziato la maggiore affinità di collaborazione che sta crescendo tra il mondo delle imprese e l’Università ed i suoi laureati che risultano una risorsa preziosa.

Read More

Cosenza: Ambulanti scendono in piazza per riapertura mercato Arenella

Inscenata protesta a Cosenza, davanti a Palazzo dei Bruzi, sede del Comune, da parte dei commercianti ambulanti che lamentano la mancata apertura del mercato del quartiere dell’Arenella.
L’Amministrazione comunale, infatti, ha disposto nello scorso mese di maggio, lo spostamento temporaneo del mercato alimentare, dalla storica sede di via Asmara a piazza Arenella, ma ancora non c’è stata nessuna apertura dello spazio. Per questo, oggi i commercianti hanno letteralmente portato il mercato in piazza dei Bruzi, come forma di protesta. Esposti striscioni con slogan e richieste di avere uno spazio per poter vendere i loro prodotti alimentari. Una delegazione di produttori e coltivatori è stata ricevuta dall’assessore alle Attività produttive Loredana Pastore.

Read More

Vibo Valentia: Vigili del fuoco spengono incendio divampato su tetto di legno

I vigili del fuoco del comando provinciale di Vibo Valentia  sono intervenuti nella mattinata odierna alle ore 5:40 a Spadola in via Pitagora per l’incendio di un tetto.

L’Incendio, originatosi verosimilmente dal surriscaldamento della canna fumaria, ha interessato un tetto in legno di un fabbricato a due piani.

Il pronto intervento dei Vigili del Fuoco, provenienti dal Distaccamento di Serra San Bruno, ha consentito il rapido spegnimento dell’incendio limitando lo stesso ad una superficie di circa 30 mq ed impedendo la propagazione alla rimante struttura.

Read More
Guarda on-line le nostre notizie

Instagram

Categorie

Archivi