Giorno: 10 Settembre 2020

Ndrangheta: legami cosca Libri-politici, rinvii a giudizio

Il gup Vincenzo Quaranta ha rinviato a giudizio tutti gli imputati che hanno scelto il rito ordinario nel processo “Libro Nero” nato da un’inchiesta della Squadra mobile sulla cosca Libri e sui legami con gli ambienti politici reggini. La pubblica accusa, nel corso delle udienze preliminari, é stata rappresentata dai pm Walter Ignazitto e Stefano Musolio.
Tra i rinviati a giudizio anche l’ex assessore regionale Demetrio Naccari Carlizzi, del Partito democratico; l’ex capogruppo del Pd in Consiglio regionale Sebi Romeo e l’ex consigliere regionale di Fratelli d’Italia Alessandro Nicolò.
Quest’ultimo, ritenuto il politico di riferimento della cosca Libri, sarà processato con l’accusa di associazione mafiosa.
Nicolò, secondo l’accusa, avrebbe stretto “uno stabile e permanente accordo” con gli esponenti della famiglia di ‘ndrangheta “assicurando agli stessi, che gli procuravano ingenti pacchetti di voti in occasione delle consultazioni elettorali (comunali, provinciali, regionali), benefici di vario genere”.
Nicolò è stato prosciolto solo dal reato di corruzione elettorale per una questione legata all’impossibilità di utilizzare intercettazioni per questo reato.
Naccari Carlizzi, invece, è stato rinviato a giudizio per concorso esterno con la ‘ndrangheta

Read More

Incontro De Caprio-sindaci per risolvere problema ciclo integrato acqua

L’assessore regionale all’ambiente colonnello Sergio De Caprio ha presieduto una serie di incontri con le amministrazioni comunali con l’obiettivo di risolvere con l’urgenza che merita, l‘ormai annoso problema legato alla gestione del ciclo integrato delle acque.

“E’ stato un importante momento di confronto, ha detto l’assessore De Caprio, con i sindaci che hanno una conoscenza dettagliata delle criticità e delle problematiche del proprio territorio. Ogni Comune, ha concluso, farà pervenire le proprie proposte alla Regione cui spetterà il compito di fare sintesi e dare risposte specifiche per risolvere il problema”.

A partire dal mese di agosto e per tutta la settimana dal 7 settembre ad oggi, si sono susseguiti gli incontri che l’assessore De Caprio ha tenuto con i sindaci e tecnici comunali,  funzionari e dirigenti regionali e con il delegato del commissario straordinario per la depurazione delle acque, per affrontare la problematica complessa legata al sistema fognario e depurativo, al fine di accelerare le procedure e le progettualità e la messa in esecuzione delle opere necessarie alla piena funzionalità dei depuratori e quindi garantire la tutela dell’ambiente e del mare pulito, nello spirito di assoluta collaborazione tra Enti.

I sindaci hanno rivendicato il loro ruolo per compulsare ed incidere in una situazione annosa e ormai al collasso.

Read More

Appalti Comune di Reggio Calabria, conclusa l’inchiesta “Reghion”

La Procura della Repubblica di Reggio Calabria ha notificato l’avviso di conclusione indagini dell’inchiesta “Reghion” che ha fatto luce su un “comitato d’affari” capace di gestire la macchina amministrativa del Comune nel periodo compreso tra il 2013 ed il 2016.

Nell’inchiesta non é coinvolta l’attuale Amministrazione comunale che vede come sindaco uscente, Giuseppe Falcomatà, ricandidato dal centrosinistra alla carica di primo cittadino alle amministrative del 20 e 21 settembre prossimi.

Turbativa d’asta, corruzione, intestazione fittizia, traffico di influenze, corruzione per l’esercizio della funzione e associazione a delinquere sono solo alcuni dei reati contestati dal procuratore Giovanni Bombardieri e dal sostituto della Dda Stefano Musolino ai 23 indagati (di cui 3 società) che, stando all’impianto accusatorio, avrebbero favorito l’assegnazione di appalti milionari a imprese dietro le quali si celava l’opera dell’avvocato ed ex parlamentare Paolo Romeo. Romeo non è l’unico ex parlamentare coinvolto nell’inchiesta.

L’avviso di conclusione indagini è stato notificato, infatti, anche all’ex senatore di Alleanza nazionale Domenico Kappler, accusato di associazione per delinquere e di essere il socio occulto o, comunque, portatore di cointeressenze sostanziali nelle imprese riferibili all’imprenditore, anche lui indagato, Alberto Scambia.

Nell’inchiesta sono coinvolti anche l’ex assessore regionale Luigi Incarnato, l’ex dirigente comunale di Reggio Calabria Marcello Cammera, l’ex dipendente della Regione Anna Maria Gregorace e la giornalista Teresa Munari.

Read More

Coronavirus, in Calabria 8 nuovi positivi. I contagi sono 1.675

In Calabria ad oggi sono stati effettuati 168.505 tamponi.

Le persone risultate positive al Coronavirus sono 1.675 (+8 rispetto a ieri), quelle negative sono 166.830. Territorialmente, i casi positivi sono così distribuiti:

– Catanzaro: 13 in reparto; 25 in isolamento domiciliare; 186 guariti; 33 deceduti.

– Cosenza: 10 in reparto; 3 in terapia intensiva; 80 in isolamento domiciliare; 460 guariti; 34 deceduti.

– Reggio Calabria: 4 in reparto; 86 in isolamento domiciliare; 297 guariti; 19 deceduti.

– Crotone: 1 in reparto; 20 in isolamento domiciliare; 116 guariti; 6 deceduti.

– Vibo Valentia: 7 in isolamento domiciliare; 84 guariti; 5 deceduti.

Altra Regione o Stato Estero: 186 (nel totale è compresa anche la persona deceduta al reparto di rianimazione di Cosenza che era residente fuori regione).

I ricoverati del setting “Fuori regione” (8) e dei migranti (1) sono stati inseriti nei conteggi dei rispettivi reparti di degenza. Complessivamente i ricoveri presso l’Ospedale di Catanzaro sono 13 di cui 5 sono riferiti a persone non residenti.

I ricoverati presso l’AO di Cosenza sono dodici, di questi tre sono “non residenti”, mentre la paziente dimessa a Cosenza è stata inserita nel setting “fuori regione”.

A Cosenza, inoltre, si registrano 4 casi riconducibili al focolaio di Corigliano Rossano.

A Reggio Calabria si registrano tre nuovi casi: due da contact trascina e uno per il quale è un corso l’indagine.

Il totale dei casi di Catanzaro comprende soggetti provenienti da altre strutture che nel tempo sono stati dimessi.

Dall’ultima rilevazione, le persone che si sono registrate sul portale della Regione Calabria per comunicare la loro presenza sul territorio regionale sono in totale 2.858.

Nel conteggio sono compresi anche i due pazienti di Bergamo trasferiti a Catanzaro, mentre non sono compresi i numeri del contagio pervenuti dopo la comunicazione dei dati alla Protezione Civile Nazionale.

Read More

Connessione delle coste con le aree interne, trekking e ciclovie: la strategia del Parco delle Serre per il turismo sostenibile

“Il Parco delle Serre si trova fra due coste (Pizzo-Tropea sul Tirreno e Soverato-Caulonia sullo Jonio) che sono meta di rilevanti flussi turistici. Bisogna interconnettere questi territori non in una logica di subordinazione, ma in un rapporto di complementarietà”. È questa l’idea base sulla quale punta il commissario dell’Ente di tutela ambientale Giovanni Aramini per pianificare una strategia di sviluppo sostenibile che poggia sulla capacità di “fare sinergia” e sul rilancio del turismo nelle aree interne.

In questa ottica, il Parco delle Serre ha promosso un Protocollo d’intesa, che è stato sottoscritto dall’Ente Parchi marini regionali, dal Gal “Serre Calabresi”, dal Gal “Terre Vibonesi” e dal Gal “Terre Locridee” alla presenza anche degli altri soggetti partecipanti alla Strategia Area interna “Versante Ionico – Serre”, per la valorizzazione e la promozione ambientale e storico-culturale del territorio dell’area centrale della Calabria ed ambiti limitrofi.
Nello specifico, come azione di breve periodo, gli attori istituzionali coinvolti sosterranno un concorso di idee rivolto ad associazioni di promozione turistica finalizzato ad individuare uno o più itinerari di collegamento tra le aree costiere dei Parchi marini e l’area centrale del Parco delle Serre.

Un premio di 3.000 euro sarà assegnato alle 2 migliori idee, ai cui autori sarà affidata la progettazione esecutiva. Il Parco delle Serre s’impegnerà ad effettuare investimenti materiali e tutti gli attori locali sottoscrittori del’intesa contribuiranno con 5.000 euro ciascuno per le attività di breve periodo.

Nel medio-lungo periodo saranno programmati uno o più progetti integrati per strutturare ed implementare una rete dei sentieri per la fruizione turistica del territorio da realizzare con il recupero delle infrastrutture caratterizzanti il paesaggio rurale. Si concretizzerà così “una rete di percorsi sostenibili ed esperienziali (sentieri per il trekking, cammini, mountain bike, piste ciclabili e ciclovie) per la valorizzazione delle aree protette, del paesaggio rurale, delle eccellenze storiche, culturali ed enogastronomiche”.

Due saranno i filoni su cui poggeranno le azioni da mettere in campo: la promozione del trekking e la realizzazione di una ciclovia “coast to coast” che si intersecherà con la ciclovia dei Parchi connettendo i territori.

“Passiamo dall’analisi delle esigenze – ha commentato Aramini al termine dell’incontro con i rappresentanti dei soggetti coinvolti – alle azioni concrete scommettendo sulla sinergia e provando a costruire attrattori turistici all’interno della Calabria. Vogliamo valorizzare i cammini di esperienze facendo conoscere le bellezze storiche e naturali di questo stupendo territorio”.

Read More

Riapertura Scuola: tanti punti interrogativi e poche certezze

L’inizio della scuola non sarà un caos e avverrà in “sicurezza”.

Questo il punto focale della conferenza stampa bandita dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte alla presenza dei ministri Azzolina (Istruzione), Speranza (Salute) e De Micheli (Trasporti).
Al di là delle dichiarazioni di facciata e se volete “mediatiche” il punto che stona è che non tutte le Regioni partiranno lunedì 14 settembre, in Calabria ad esempio si partirà giorno 24, e chi partirà prima dovrà già chiudere pochi giorni dopo per consentire alle scuole di prepararsi alla consultazioni referendarie.
L’Associazione Nazionale Presidi (ANP) esprime forti perplessità sull’apertura del 14 per il ritardo accumulato nella consegna dei banchi singoli e per un’oggettiva difficoltà operativa nel ripensare spazi a volte molto ristretti dove poter ospitare le singole classi di studenti.
«A quanto sappiamo – sostiene il presidente dell’ANP Antonello Giannelli – la consegna dei banchi monoposto è in grave ritardo. Altre due criticità importanti sono quelle delle aule, perché gli enti locali non le hanno reperite ovunque, e l’assegnazione piena dell’organico».
Da Palazzo Chigi si minimizza sull’emergenza sia dal punto di vista numerico che da quello organizzativo.
Sulla questione dei banchi, con e senza rotelle e su quella delle cosiddette «classi pollaio» la ministra dell’Istruzione Azzolina sostiene che è stato «recuperato in due mesi un ritardo sulla scuola di quasi 20 anni. Un istituto su tre ha avuto almeno un intervento di edilizia leggera, sono oltre 5.177 le aule in più ricavate, 4.812 quelle ampliate per un totale di quasi 10mila aule». L’affitto di spazi esterni alle scuole (dalle parrocchie ai teatri) permetterebbe di ospitare oltre 200 mila studenti. A quattro giorni dal quasi inizio della scuola sarebbero privi di uno spazio per il distanziamento «50 mila studenti». Andranno in classe lo stesso, mantenendo la mascherina in tutte le lezioni. I 100 milioni stanziati negli ultimi giorni dovrebbero andare nella direzione di reperire ulteriori spazi necessari per ospitarli. «Erano 1 milione, risolveremo» ha detto la stessa ministra.
Se per le strutture scolastiche i conti non tornano non è da sottovalutare la questione del reclutamento del personale docente.
Quasi a voler rimarcare un vento nuovo rispetto al passato nelle politiche governative il premier Conte ha parlato di «160 mila nuovi docenti» in cattedra già da quest’anno.
Nulla di più sbagliato poiché nel computo finale non si tiene conto che circa la metà di questi posti saranno occupati con le prove concorsuali ancora lungi dall’essere indette e che saranno realtà nell’arco di un triennio.
Inoltre per via di un sistema di reclutamento disomogeneo ed estremamente frastagliato che non tiene conto in molti casi dell’anzianità di servizio solo 32 mila insegnanti saranno realmente operativi a partire dal corrente anno scolastico.
A tappare i buchi come sempre ci saranno i precari che andranno a riempire i posti resi vacanti da queste endemiche questioni che puntualmente ogni anno si ripresentano e che non sembrano avere mai risoluzione definitiva.
Per ultimo, ma non certo per grado di importanza, la questione del congedo parentale in caso di studente risultato positivo.
Il decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale chiarisce che, in caso di positività di uno studente, i genitori potranno avere il congedo perdendo il 50% dello stipendio e accedendo a forme di «lavoro agile». Ma questo solo se avranno figli fino a 14 anni. Le famiglie, e non le Asl nelle scuole, misureranno le temperature degli studenti. Se qualcuno manifestasse sintomi simili a quelli del Covid saranno allertati i genitori che a loro volta dovranno «contattare il medico». Poi «insieme con le Asl valuteranno se fare il tampone e eventualmente disporre la quarantena della classe». I margini di incertezza sembrano notevoli per questo modo di procedere. Se poi sarà un docente ad andare in quarantena «si farà didattica a distanza» ha aggiunto Azzolina. Si presume che tale docente sarà ammalato. Ed è probabile che non potrà lavorare. Ma non sembra essere un problema. Almeno fino a giorno 14.

Di Cristiano Santucci

Read More

Armi: operazioni carabinieri e Finanza nel Vibonese, due arresti

Due distinte operazioni sono state condotte dai carabinieri e dalla Guardia di Finanza in materia di armi nel vibonese.  Nel capoluogo i militari della Compagnia, con l’ausilio dello Squadrone Cacciatori e in stretta sinergia con la Procura della Repubblica di Vibo Valentia, hanno dato avvio ad una vasta attività di controllo in un complesso abitativo popolare in una traversa di via della Pace. Nel corso delle attività di perquisizione, in una cantina apparentemente abbandonata, dopo avere rimosso gli ostacoli fissi su autorizzazione del magistrato di turno, è stato rinvenuto un fucile a pompa calibro 12, marca winchester, completo di munizionamento. I successivi accertamenti e le ulteriori perquisizioni hanno consentito di risalire alla persona che aveva la reale disponibilità dell’arma, Francesco Federici, di 56 anni, padre di Luigi, già tratto in arresto nella operazione “Rinascita-Scott” del 19 dicembre scorso e ritenuto elemento di spicco della cosca Pardea-Ranisi.
A Tropea la Guardia di finanza ha proceduto all’arresto in flagranza di reato per detenzione di armi e munizioni da guerra e detenzione abusiva di armi di A. R., di 57 anni, del luogo. Nel corso delle successive perquisizioni sono state rinvenute. 2 pistole, due silenziatori,. 176 munizioni vario calibro, n. 2 coltelli a serramanico e contanti per un valore di 6.350 euro. Entrambi gli arrestati sono stati condotti in carcere.

Read More

Catanzaro. Sistema aeroportuale, incontro tra le CCIAA e il presidente Sacal: «Unità di intenti sulla programmazione»

Il sistema aeroportuale calabrese e le prospettive del suo sviluppo sono strettamente connesse alla capacità della Calabria di esprimere tutto il suo potenziale.  E proprio questi sono stati i temi al centro dell’incontro tra i presidenti delle Camere di Commercio dei territori su cui insistono i tre aeroporti calabresi, Daniele Rossi, Antonino Tramontana e Alfio Pugliese,rispettivamente per Catanzaro, Reggio Calabria e Crotone, e il presidente di Sacal, Giulio De Metrio.

L’appuntamento – si legge in una nota stampa –  è servito ad avviare un confronto sulle esigenze dei singoli aeroporti sia per quanto attiene alle singole strutture che per quanto attiene all’implementazione dei servizi.

«C’è una vera unità di intenti e di visione tra le Camere di Commercio di Catanzaro, Reggio Calabria e Crotone e il presidente De Metrio – hanno detto al termine della riunione i tre presidenti -. Abbiamo condiviso l’esigenza di affrontare in maniera pianificata gli interventi che saranno necessari, percorrendo la strada con tempi che siano più rapidi possibile ma senza trascurare alcun aspetto di base, seguendo una precisa linea direttiva che è quella della programmazione e del controllo. È l’unica impostazione che potrà permettere agli aeroporti calabresi, e quindi a tutta la regione, di farsi trovare pronti davanti alle sfide del mercato e alle esigenze del territorio. Siamo felici che con il presidente De Metrio ci si sia trovati perfettamente d’accordo su questa impostazione».

 

Read More

Santa Severina (KR): un 42enne ferito dopo una lite trasportato in ospedale

Nella serata di ieri, 9 settembre alle ore 21:00 circa, a  Santa Severina in provincia di Crotone, in Largo Pietro Fedele Grisolia, i carabinieri della Compagnia di Petilia Policastro sono intervenuti, per placare una rissa. In particolare un uomo di quarantadue anni del luogo, dopo una lite durante la quale sono stati esplosi alcuni colpi di arma da fuoco, è stato trasportato all’ospedale di Crotone per le ferite riportate. Non versa in pericolo di vita. Le indagini sono in corso per chiarire quanto accaduto.

Read More

Il Capitano Mariachiara Soldano è il nuovo Comandante della Compagnia Carabinieri di Rende

E’ la prima donna ad assumere in Calabria il comando di una Compagnia Carabinieri, un incarico di prestigio e pregno di responsabilità. Il Capitano Mariachiara Soldano subentra nell’incarico di Comandante della Compagnia Carabinieri di Rende al Capitano Sebastiano Maieli, trasferito presso il Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Lucca.

L’Ufficiale, 30enne, di origini pugliesi, ha frequentato l’Accademia Militare di Modena, completando il percorso di studi alla Scuola Ufficiali di Roma, dove ha conseguito le lauree in Giurisprudenza e Scienze della Sicurezza interna ed esterna.

Ha svolto servizio nel Lazio, quale Comandante di Plotone/insegnante presso la Scuola Marescialli e Brigadieri dei Carabinieri di Velletri, per poi essere impiegato in Sicilia per quattro anni prima con l’incarico di Comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile di Modica e poi di quello di Ragusa.

La significativa esperienza già maturata nel corso dei pregressi impegni professionali costituiscono la solida base da cui partire per operare in un territorio, quale è quello facente capo alla Compagnia di Rende ed alle dieci Stazioni Carabinieri dipendenti, particolarmente sensibile sotto il profilo dell’ordine e della sicurezza pubblica.

 

 

Read More
Guarda on-line le nostre notizie
Settembre: 2020
LMMGVSD
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930 

Instagram

Categorie

Archivi