Giorno: 24 Settembre 2020

Bisignano (CS): si insedia Ecoross

Amore per il proprio territorio, identità, senso civico. Sono questi i pilastri sui quali il Comune di Bisignano, guidato dal Sindaco dott. Francesco Lo Giudice, costruisce la propria politica ambientale, dando assoluta priorità alla raccolta differenziata e ad una corretta gestione dei rifiuti nella propria città. Il tutto in piena sinergia con l’azienda Ecoross, che si è aggiudicata l’appalto del Servizio di Igiene Urbana per i prossimi 10 mesi. L’insediamento nella città di Sant’Umile è stato ufficializzato con la consegna e l’allestimento degli ecobox per la raccolta della carta e del multimateriale presso il Municipio, all’interno di tutti gli uffici preposti. E proprio dagli uffici istituzionali parte il messaggio di attuare comportamenti virtuosi nei confronti dell’ambiente: tutti i cittadini dovranno “fare la differenza”. È questo lo slogan ribadito dagli amministratori per incoraggiare a fare sempre di più e sempre meglio la raccolta differenziata, che nel 2019 si è attestata su una percentuale molto alta, superando il 70%. Un risultato già straordinario ma che si vuole sempre di più migliorare sia nella quantità sia nella qualità dei rifiuti prodotti.

«Siamo in un’epoca in cui, per fortuna, c’è una riscoperta delle proprie origini, della propria identità, dell’amore per la propria città – afferma il sindaco di Bisignano Francesco Lo Giudice –. E questo coincide con un maggiore rispetto per l’ambiente e per i luoghi che abitiamo ogni giorno. Laddove l’abbandono dei rifiuti è ordinarietà, prevale la voglia di scappare, di andare via. Questo non deve accadere, noi dobbiamo rimanere nella nostra terra, fare di tutto per migliorarla e dimostrare a tutti quelli che vengono a visitarla quanto sia bella. Noi siamo convinti che grazie alla collaborazione stretta con l’azienda Ecoross, di cui si nota subito la straordinaria organizzazione e la varietà dei servizi che offre, andremo sempre migliorando nella tutela e nella valorizzazione del nostro territorio. Mi complimento e ringrazio l’Assessore all’Ambiente, tutti i colleghi della Giunta e l’Ufficio Tecnico, che hanno lavorato a questo progetto – conclude il Sindaco –. Siamo pronti per iniziare una nuova fase con Ecoross».

Il personale dell’azienda Ecoross, unitamente all’allestimento degli ecobox, nell’incontro di martedì 22 settembre, ha effettuato una apposita campagna di informazione e sensibilizzazione rivolta a tutti i dipendenti comunali presenti distribuendo anche degli opuscoli realizzati ad hoc per le utenze uffici. L’allestimento proseguirà anche in altri uffici cittadini e all’interno dei plessi scolastici.

«Accogliamo con piacere Ecoross nel comune di Bisignano. Già si vedono i primi riscontri positivi. In questi giorni, dopo mia specifica richiesta – afferma l’assessore all’Ambiente Pierfrancesco Balestrieri – si stanno attuando alcune bonifiche di rifiuti abbandonati in particolari aree del territorio che Ecoross sta svolgendo egregiamente. A questo proposito, faccio un appello ai miei concittadini che non attuano comportamenti virtuosi a non continuare con queste cattive pratiche, perché vanno a vanificare quello straordinario lavoro che la maggior parte dei cittadini pratica quotidianamente con una attenta e corretta raccolta differenziata. L’obiettivo, insieme a Ecoross, è quello di aumentare la percentuale annuale e siamo convinti di riuscirci grazie anche alle numerose attività che, da qui a poco, saranno portate avanti dall’azienda per sensibilizzare i bisignanesi al rispetto per l’ambiente».

Fondamentale in questo senso la sinergia tra gli uffici comunali e il gestore del servizio, entrambi al lavoro per far crescere nei cittadini, già particolarmente virtuosi e collaborativi, la consapevolezza che la tutela dell’ambiente sia prioritaria in ogni attività umana.

«Oggi siamo presenti nella Casa comunale a testimonianza che i luoghi istituzionali devono essere il luogo di partenza per una corretta raccolta dei rifiuti, fungere quindi da esempio per i cittadini – afferma il dott. Simone Turco, Responsabile dei Servizi di Igiene Urbana Ecoross –. Il sindaco Lo Giudice ricordava come la questione politica del XXI secolo sia proprio l’ambiente, e la problematica ecologica sarà la sfida con la quale l’uomo si cimenterà a livello globale nel corso dei prossimi decenni. Nel nostro piccolo, il lavoro che portiamo avanti nella gestione dei rifiuti e la nuova vita che diamo attraverso il riciclo sarà essenziale per il raggiungimento di questo obiettivo per il pianeta. A breve, in un incontro pubblico, andremo a illustrare quello che sarà il cronoprogramma relativamente all’allestimento del cantiere. Diverse le attività di informazione e sensibilizzazione che saranno messe in atto, grazie anche all’intervento delle informatrici ambientali, che visiteranno tutte le abitazioni del territorio comunale in occasione della consegna delle attrezzature necessarie alle utenze. L’obiettivo – conclude il dott. Turco – è quello di accrescere ancora di più un servizio già di per sé buono e di affinare la qualità della raccolta differenziata del virtuoso Comune di Bisignano».

Read More

Coronavirus, salgono i casi (+1.786) e il numero di vittime. Speranza: è ancora dura, serve impegno

Continuano a salire i pazienti positivi al coronavirus in Italia. Secondo i dati diffusi dal ministero della Salute, nelle ultime 24 ore è stato registrato un incremento di 1.786 casi (+146 rispetto a ieri) su un nuovo record di tamponi effettuati: 108.019. Il totale dei contagiati, comprese vittime e guariti, sale così a 304.323. In aumento anche l’incremento delle vittime: dalle 20 di ieri alle 23 di oggi per un totale di 35.781. In nessuna regione si registrano zero casi.

Sono stati dieci i decessi per coronavirus in Lombardia nelle ultime 24 ore per un totale di 16.935 morti. Secondo i dati della regione sono invece stati 229 i nuovi casi positivi a fronte di 21.369 tamponi effettuati (totale complessivo: 2.012.281). Dei 229 nuovi casi 32 ‘ sono debolmente positivi’ e 11 a seguito di test sierologico. In terapia intensiva sono presenti 31 pazienti (-2 rispetto a ieri) mentre i ricoverati non in terapia intensiva sono 303 (-5).

Speranza: è ancora dura, serve l’impegno di tutti – “È ancora dura. I prossimi mesi non saranno facili e servirà l’impegno di tutti”: lo scrive il ministro della Salute Roberto Speranza in un post dopo un “lungo confronto” con i ministri della salute di Germania, Francia, Gran Bretagna, Spagna e Olanda. “La situazione in Europa è seria e non può essere sottovalutata. I numeri del contagio stanno crescendo costantemente nelle ultime settimane. Nonostante il giudizio positivo del centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc), che ha collocato oggi l’Italia tra i paesi a basso rischio, credo che dobbiamo tenere i piedi per terra e continuare ad investire sulla linea della prudenza”.

Ansa

Read More

Zlatan Ibrahimovic positivo al Covid

Zlatan Ibrahimovic è positivo al Covid. Il Milan ha comunicato che l’attaccante svedese “è risultato positivo al tampone effettuato per la partita odierna, Milan-Bodo/Glimt”. “Informate le autorità sanitarie competenti, il giocatore è stato prontamente posto in quarantena a domicilio. Tutti gli altri tamponi effettuati sul gruppo squadra sono risultati negativi”, conclude il club rossonero. Ibrahimovic è il secondo giocatore del Milan risultato positivo al coronavirus tra ieri e oggi, dopo il difensore Leo Duarte. Ibrahimovic e Duarte dovranno osservare la quarantena e non potranno scendere in campo questa sera.

Fonte Adnkronos

Read More

Figline Vegliaturo (CS) : al via il nuovo anno scolastico tra preoccupazioni e speranze dopo l’emergenza COVID 19

Ogni anno scolastico si apre tra buoni propositi e gioia di riabbracciare insegnanti e compagni. Ogni anno a settembre si contano i giorni che mancano per affrontare un nuovo viaggio e imparare nuove ed interessanti saperi che spaziano dalla letteratura alla matematica, dalle lingue straniere all’ informatica, dalla geografia alla storia. Questo 2020 purtroppo però porta con sé le speranze ma anche le preoccupazioni in seguito all’emergenza COVID 19 che ha causato una pandemia in tutti i paesi del mondo , seminando molti contagi e morti. Anche nel paesino presilano di Figline Vegliaturo, la scuola riapre le sue porte in sicurezza dopo la chiusura forzata causata dal coronavirus. “ Forza scuola!…..Si riparte con il coraggio della speranza” sono le parole di incoraggiamento della delegata alla cultura del Comune di Figline Vegliaturo, Alba Carbone , che auspica un anno scolastico in sicurezza e pieno di buoni propositi. Dice Carbone – “In ottemperanza all” impegno istituzionale ma prevalentemente animata da sentimenti di appartenenza per essere stata una donna di scuola con il ruolo di Dirigente Scolastica , facendomi espressione dei sentimenti anche del sindaco Fedele Adamo e dell ‘ Amministrazione  Comunale , desidero rivolgere un affettuoso saluto e gli auguri a tutti voi bambini e ragazzi della comunità scolastica figlinese che, avete fatto ritorno a scuola con entusiasmo e contenti di ritrovare compagni e professori. Con il vostro ritorno le aule si riempiranno e la vostra esuberante vitalità e gioioso vocio interromperanno l’angosciante silenzio che ha pervaso la scuola ,abbandonata con pressante fretta per la pandemia”. Il coronavirus ,infatti, con il distanziamento sociale ha frenato la ricchezza relazionale che da la scuola e ha costretto a ricreare le aule scolastiche negli spazi intimi delle proprie case destabilizzando la scuola, costretta a ridefinire nuovi modelli di linguaggi e nuove strategie di intervento in nuovi scenari sociali. 

“A soffrirne le criticità emerse, purtroppo, siete stati proprio voi ragazzi spettatori e vittime di una infausta e drammatica catastrofe epocale. Sebbene disorientati, assaliti da dubbi e da domande sommerse che esprimono lo stato d’animo che tutti noi viviamo , tuttavia è tempo di ripartire con il coraggio della speranza, -dice ancora Carbone-, la scuola dell’autonoma non più un’area asettica ,deve rapportarsi con la realtà vitale in cui opera che tutti noi siamo chiamati a vivere. Compito fondamentale della scuola è ,pertanto, saper convertire la crisi in rinascita e ripartire con sani progetti di crescita. La vostra ,ragazzi, è una età meravigliosa in cui incominciate a capire che state lavorando per una cosa importante: la costruzione del vostro futuro.In questo cammino verso la vita spetta a noi adulti aiutarvi a costruire un progetto di vita aperto ai grandi valori umani e cristiani con determinazione e generosità”.  La scuola è una agenzia formativa che deve tenere alto il livello del proprio lavoro. Il CORONAVIRUS  ha insegnato che solo la RESPONSABILITÀ rende resilienti. 

 I tempi sono avversi , le fragilità emozionali, psicologiche che la scuola si troverà ad affrontare in questo anno scolastico nuovo e diverso sono tante, ma le difficoltà e il buon lavoro sono stati assunti sempre con vocazione e missione. 

“Sono certa, perciò, che anche oggi i docenti sapranno accogliere le varie problematiche conseguenti alla situazione che stiamo vivendo e sapranno far ripartire una scuola che attende i suoi alunni ,va loro incontro stimolandoli a tornare non solo con la mente ma anche con il corpo tra i banchi di scuola- ha dichiarato ancora Carbone-  “mettiamo all’albero maestro la vela più grande e salpiamo verso la stella più luminosa…..aspettando  una nuova alba” ,con la citazione pedagogica di Paulo Fraire e con questa prospettiva auguro a tutti voi bambini e ragazzi che la vostra alba segni l’avvio luminoso di nuovo capitolo del meraviglioso romanzo della vostra vita. Con questo augurio vi invito ad amare la vita a difenderla con comportamenti assennati, guidati dalla saggezza della responsabilità. Buon Anno scolastico alla dirigente Chiappetta, ai genitori, ai docenti, alla comunità scolastica tutta e a voi ragazzi tanta buona fortuna”. 

Read More

Crotone: Trovato zaino davanti al comune, c’era all’interno un ordigno inoffensivo

Non sarebbe potuto esplodere l’ordigno lasciato ieri pomeriggio da un giovane davanti al Municipio di Crotone. E’ quanto riferisce un comunicato della Questura della città pitagorica.
A segnalare il fatto alla Polizia di Stato era stato lo stesso giovane che aveva lasciato lo zaino contenente l’ordigno e che é stato denunciato.
Gli artificieri della Polizia di Stato della Questura di Catanzaro, giunti sul posto insieme alla Squadra volante di Crotone, ha provveduto a rendere inoffensivo l’ordigno ed a trasportarlo in un luogo sicuro dove nella mattinata odierna è stato fatto brillare.
Le verifiche tecniche che sono state eseguite hanno consentito di accertare che l’ordigno era composto verosimilmente da nitrato di ammonio imbevuto in benzina e che, anche a causa della non purezza della sostanza utilizzata, non avrebbe potuto esplodere o provocare feriti.  Ulteriori accertamenti tecnici su campioni della sostanza utilizzata saranno effettuati nel Gabinetto provinciale della Polizia scientifica di Reggio Calabria. Sono in corso ulteriori indagini al fine di appurare le motivazioni del gesto da parte del giovane.

Read More

Lamensa: “Lo Polito non travisi i fatti. Per lui una sconfitta clamorosa”

E’ stato un primo turno significativo per la città di Castrovillari: una tornata elettorale che sancisce la sconfitta del sindaco uscente, Domenico Lo Polito, e l’affermazione della coalizione del centrodestra e del suo leader, Giancarlo Lamensa. I 5.509 voti riportati dal leader della coalizione segnano una forte discontinuità con il passato e palesano la voglia di cambiamento che i castrovillaresi hanno manifestato in cabina.

“Lo Polito prova a travisare la realtà e a prendere in giro gli elettori. Il dato elettorale è abbastanza chiaro – ha detto Lamensa – il 63% dei cittadini di Castrovillari non si riconosce nella vecchia amministrazione e nutre una profonda esigenza di cambiamento”.

In queste ore sono state diverse le interpretazioni del voto attraverso cui provare a nascondere le proporzioni di una sconfitta: “Il tentativo di sottolineare i circa 500 voti, che l’attuale sindaco ha riportato in aggiunta a quelli delle sue liste, è un chiaro segnale di debolezza – ha proseguito Lamensa – e fa emergere, inoltre, una sorta di separazione fra il candidato sindaco e le liste della sua coalizione. Del resto i risultati delle urne portano alla ribalta i “soliti noti”, coloro che già hanno avuto ruoli di primo piano in consiglio comunale e che, quindi, hanno contribuito al decadimento della città. Appare chiaro, inoltre, come Lo Polito abbia strumentalizzato i suoi stessi candidati per dare forza ad una piccola parte della sua coalizione”.

“Risulta poi curioso – ha sottolineato Lamensa – come sia proprio l’attuale sindaco a richiamare l’attenzione sul differenziale di voti ottenuti dalla sua persona rispetto a quello delle liste che lo sostenevano: cinque anni fa, infatti, Lo Polito, al primo turno, aveva ottenuto ben 250 voti in meno rispetto a quelli delle sue liste ed era stato l’unico candidato a far registrare un differenziale negativo”.

Le opinioni possono essere le più disparate, ma i numeri parlano chiaro: “Qualsiasi lettura e valutazione del dato elettorale – ha concluso Lamensa – non può prescindere da un dato inconfutabile: il vantaggio di 879 voti”.

 

Read More

Coronavirus: ancora in calo i contagi quest’oggi nella nostra regione. Il bollettino

In Calabria ad oggi sono stati effettuati 189,767 tamponi. Le persone risultate positive al Coronavirus sono 1.896 (+9 rispetto a ieri), quelle negative sono 187.871. Territorialmente, i casi positivi sono così distribuiti:

– Catanzaro: 10 in reparto; 1 in terapia intensiva; 64 in isolamento domiciliare; 191 guariti; 33 deceduti.

– Cosenza: 11 in reparto; 3 in terapia intensiva; 111 in isolamento domiciliare; 482 guariti; 34 deceduti.

– Reggio Calabria: 6 in reparto; 99 in isolamento domiciliare; 327 guariti; 19 deceduti.

– Crotone: 22 in isolamento domiciliare; 117 guariti; 6 deceduti.

– Vibo Valentia: 2 in reparto; 17 in isolamento domiciliare; 85 guariti; 5 deceduti.

Altra Regione o Stato Estero: 251 (nel totale è compresa anche la persona deceduta al reparto di rianimazione di Cosenza che era residente fuori regione).

I ricoverati del setting “Fuori regione” e dei migranti sono stati inseriti nei conteggi dei rispettivi reparti di degenza. Complessivamente i ricoveri presso l’Ospedale di Catanzaro sono 10 di cui 5 sono riferiti a persone non residenti. I ricoverati presso l’AO di Cosenza sono 11; di questi tre sono “non residenti”, mentre la paziente dimessa a Cosenza è stata inserita nel setting “fuori regione”. Il totale dei casi di Catanzaro comprende soggetti provenienti da altre strutture che nel tempo sono stati dimessi. Reggio Calabria comunica quattro nuovi positivi, di cui tre migranti. Cosenza oggi registra tre nuovi casi, di cui uno riconducibile a focolaio noto del Distretto Tirreno. Due hanno indagine epidemiologica in corso.

Dall’ultima rilevazione, le persone che si sono registrate sul portale della Regione Calabria per comunicare la loro presenza sul territorio regionale sono in totale 1.506.

Nel conteggio sono compresi anche i due pazienti di Bergamo trasferiti a Catanzaro, mentre non sono compresi i numeri del contagio pervenuti dopo la comunicazione dei dati alla Protezione Civile Nazionale.

Read More

Parata di stelle per il CNR: torna #Scienzasulbalcone

Nella primavera del 2020, durante le settimane di lockdown nazionale, tante persone comuni si sono date
appuntamento alla finestra o sui balconi per realizzare insieme semplici azioni che le facessero sentire più
vicine unendosi in un ideale abbraccio collettivo. Durante una di queste giornate, tanti hanno provato a
illuminare il cielo notturno con il cellulare così da essere fotografati dal satellite. Impresa piuttosto ardua in
quanto la luce flash di uno smartphone non può essere rilevata da un satellite, ma questo insolito flash mob
ha fatto nascere un'idea nella mente di due scienziati che si occupano di luce e di cielo: il ricercatore
Alessandro Farini del Cnr-Ino e l'astrofisico e divulgatore scientifico Luca Perri. Perché non dare
nuovamente appuntamento a tutti gli italiani alla finestra o sul balcone di casa per misurare con lo
smartphone la luce presente nel cielo notturno?
Dopo il successo delle prime misurazioni riparte giovedì 24 settembre il progetto #Scienzasulbalcone giunto
alla sua seconda edizione.
Questa volta, oltre alla misurazione della luce intrusiva, quantità di luce che dall’esterno entra nelle ore
notturne dalle nostre finestre già misurata nelle scorse edizioni dell’esperimento, potremo alzare lo
sguardo e osservare il cielo notturno: utilizzando un’apposita app per smartphone, sviluppata dal GFZ
Helmholtz Center di Potsdam, potremo valutare l'inquinamento luminoso grazie all’osservazione delle
stelle suggerite dall’app in base alla posizione in cui ci troviamo.
Le misurazioni potranno essere effettuate e inviate in forma anonima dal 24 settembre al 17 ottobre
prossimi. I dettagli della misurazione saranno spiegati giovedì 24 settembre nel corso della diretta sui
canali social Facebook e Youtube comunicazione.cnr dell’Unità Comunicazione del Cnr e sulle piattaforme
messe a disposizione dal Festival Bergamoscienza.
I dettagli del nuovo esperimento saranno esposti dagli ideatori del progetto: Alessandro Farini, fisico
dell’Istituto nazionale di ottica del Cnr, Luca Balletti, matematico dell’Unità Comunicazione e relazioni con il
pubblico del Cnr, Andrea Giacomelli, ideatore del progetto di Buiometria partecipativa e coordinatore della
rete pibinko.org e Luciano Massetti, dell’Istituto per la Bioeconomia del Cnr, gestore di una rete
sperimentale dimonitoraggio dell’inquinamento luminoso in Toscana. Parteciperà alla diretta anche Silvia
Mattoni, responsabile dell’Unità Comunicazione e relazioni con il pubblico del Cnr che gestisce il progetto
Scienza sul balcone.
Per partecipare sarà necessario seguire le istruzioni presenti sul sito cnr.it/scienzasulbalcone ed effettuare
le misurazioni dal proprio balcone o dalla propria finestra di casa.
Attraverso la partecipazione collettiva, sarà possibile sensibilizzare una larga fetta di popolazione al delicato
problema dell’inquinamento luminoso e raccogliere una quantità di dati impossibile da ottenere da parte di
singoli ricercatori e gruppi di ricerca. I dati raccolti consentiranno di tracciare un quadro complessivo
dell'inquinamento luminoso che tocchi tutta la penisola e le isole e, una volta analizzati, saranno
utilizzati per produrre una pubblicazione scientifica sull’argomento alla quale ogni partecipante avrà
prestato il proprio contributo.
In linea con gli intendimenti della citizen science, che prevede il coinvolgimento diretto di una platea di
scienziati non professionisti all’interno di veri e propri progetti di ricerca scientifica, il Cnr rivolge quindi alla
popolazione un triplice invito:
1) dare un piccolo contributo concreto per rendere possibile una vasta raccolta di dati altrimenti
irrealizzabile;

2) fare qualcosa di utile e significativo per la comunità scientifica e
la collettività partecipando ad un progetto scientifico di alto
impatto sociale;
3) contribuire a costruire quel ponte tra scienza e società,
necessario per rendere i cittadini sempre più parte integrante del
processo scientifico e del cambiamento sociale che non può prescindere
dalle conoscenze sviluppate in ambito scientifico.

Di Cristiano Santucci

Read More
Guarda on-line le nostre notizie

Instagram

Categorie

Archivi