Giorno: 28 Settembre 2020

Botricello (CZ): Sfuggono all’alt e si disfano di una pistola, arrestati

Non si sono subito fermati all’alt intimato dai carabinieri perché dovevano disfarsi di una pistola clandestina e, dopo un centinaio di metri, nei pressi di una stazione di servizio, hanno invertito il senso di marcia dell’auto sulla quale erano a bordo e si sono scusati sostenendo di non avere compreso che l’intimazione fosse rivolta a loro. Un uomo di 26 anni di Catanzaro e una donna di 31 di Crotone sono stati arrestati a Botricello dai carabinieri con l’accusa di porto abusivo di arma clandestina.
L’atteggiamento dei due occupanti la vettura ha insospettito i militari che hanno chiesto a loro colleghi in borghese di verificare se i due, durante la manovra effettuata, si fossero sbarazzati di oggetti illeciti. Così, in corrispondenza del punto di manovra utilizzato dai due, è stato trovato un borsello contenente l’arma, completa di 14 colpi. I militari in borghese si sono appostati per seguire i movimenti successivi dei due ragazzi in attesa che si recassero a recuperare il borsello.
Dopo le contestazioni per le violazioni al codice della strada, che hanno comportato il sequestro dell’auto, i due sono stati prelevati dal padre del ventiseienne che li ha condotti nei pressi dell’area di servizio dove i tre sono stati bloccati proprio dopo che avevano recuperato il borsello con l’arma. Il genitore del ragazzo è stato denunciato in stato di libertà per lo stesso reato.

Read More

Antimafia: Morra, la Calabria deve tornare ad essere emergenza nazionale

“Per tanti versi è emersa la coscienza che la Calabria debba tornare ad essere un’emergenza nazionale perché la diffusione del fenomeno criminale, in particolar modo ‘ndranghetistico, è tale per cui non può più soprassedere”. Lo ha detto il senatore Nicola Morra, presidente della Commissione parlamentare antimafia, in una pausa della prima giornata di audizioni avviate nella Prefettura di Catanzaro nell’ambito della missione in Calabria dell’organismo parlamentare.
Sono stati sentiti i vertici della magistratura giudicante del capoluogo, delle forze dell’Ordine e della sezione Dia. “Abbiamo sentito il presidente della Corte di appello di Catanzaro Domenico Introcaso – ha aggiunto Morra – che ci ha fornito dei numeri molto significativi e ci ha fatto capire che qui c’è un problema molto rilevante che lo Stato dovrà affrontare. Si può ragionare di tavolo permanente e di tanto altro, vero è che in questo Paese si parla non a sufficienza di criminalità organizzata di stampo mafioso”.
“La Calabria si è imposta nel corso degli ultimi decenni – ha sostenuto il presidente della Commissione antimafia – perché la ‘ndrangheta a differenza di altre organizzazioni ha scelto le modalità silenti che consentono di lavorare senza che vi sia chiara percezione di ciò che si sta facendo. Il livello di infiltrazione e di contaminazione dell’economia sana privata o pubblica è diventato tale da indurre tutta la politica nazionale quantomeno a prestare un’attenzione ben diversa. Non è poi solo un problema di carattere economico e per questo si è ragionato anche di fenomeni che rinviano alla religiosità popolare:sappiamo bene, infatti, che certe organizzazioni il consenso lo cercano sfruttando credenze e fedi antichissime”.

Read More

Coronavirus. In Calabria 5 nuovi positivi. I contagi sono 1.957

Calabria ad oggi sono stati effettuati 196.284 tamponi.

Le persone risultate positive al Coronavirus sono 1.957 (+5 rispetto a ieri), quelle negative sono 194.327. Territorialmente, i casi positivi sono così distribuiti:

– Catanzaro: 12 in reparto; 2 in terapia intensiva; 67 in isolamento domiciliare; 200 guariti; 33 deceduti.

– Cosenza: 12 in reparto; 121 in isolamento domiciliare; 482 guariti; 36 deceduti.

– Reggio Calabria: 8 in reparto; 98 in isolamento domiciliare; 331 guariti; 19 deceduti.

– Crotone: 22 in isolamento domiciliare; 117 guariti; 6 deceduti.

– Vibo Valentia: 4 in reparto; 22 in isolamento domiciliare; 85 guariti; 5 deceduti.

Altra Regione o Stato Estero: 275 (nel totale è compresa anche la persona deceduta al reparto di rianimazione di Cosenza che era residente fuori regione). I ricoverati del setting “Fuori regione” e dei migranti sono stati inseriti nei conteggi dei rispettivi reparti di degenza. Complessivamente i ricoveri presso l’Ospedale di Catanzaro sono 12 di cui 5 sono riferiti a persone non residenti. I ricoverati presso l’AO di Cosenza sono 12; di questi tre sono “non residenti”, mentre la paziente dimessa a Cosenza è stata inserita nel setting “fuori regione”. Il totale dei casi di Catanzaro comprende soggetti provenienti da altre strutture che nel tempo sono stati dimessi. I cinque positivi di oggi sono riconducibili a focolai noti.

Dall’ultima rilevazione, le persone che si sono registrate sul portale della Regione Calabria per comunicare la loro presenza sul territorio regionale sono in totale 938.

Nel conteggio sono compresi anche i due pazienti di Bergamo trasferiti a Catanzaro, mentre non sono compresi i numeri del contagio pervenuti dopo la comunicazione dei dati alla Protezione Civile Nazionale.

Read More

Mormanno (CS): valorizzare il Pantano attraverso la pesca sportiva

Realizzare postazioni di pesca sportiva nell’area perilacuale puntando alla valorizzazione del lago Pantano in sinergia con istituzioni ed associazioni. E’ la volontà dell’amministrazione comunale di Mormanno che attraverso il consigliere delegato al turismo e sport, Flavio De Barti, nei giorni scorsi ha effettuato nella zona del lago un sopralluogo al quale hanno preso parte il consorzio di bonifica, i Carabinieri forestali e l’ente parco nazionale del Pollino. L’intenzione è quella di mettere in piedi un progetto ambizioso di valorizzazione dell’area con la collaborazione della FIPSAS (Federazione Italiana Pesca Sportiva ed Attività Subacquee) presente al sopralluogo con il presidente provinciale Giuseppe Arcuri, portando sul territorio di Mormanno il campionato regionale e nazionale del settore.

Si vuole realizzare, ad impatto ambientale zero, un progetto che contempla opere di ingegneria naturalistica, ideato  molti anni fa dal consorzio di bonifica e che oggi potrà vedere la sua realizzazione attraverso una convenzione tra enti, già varata e siglata.

«Il lago di Mormanno – ha spiegato De Barti – dopo aver avuto già un buon potenziamento attraverso l’intrapresa privata, l’efficientamento energetico con l’aggiunta di colonnine elettriche e bike-sharing che verranno realizzate nei prossimi giorni, ora ha bisogno di essere reso fruibile dai tanti, per la sua maestosa bellezza».

Ora la volontà dell’amministrazione è quella di incontrare anche Enel Green Power, titolare dello specchio d’acqua, per discutere della pulizia del lago e delle finalità del progetto e mettere in piedi un percorso di avvicinamento alla realizzazione dell’idea.

Read More

Scuola: Concorso Straordinario al via il 22 ottobre

Le prove per stabilizzare 32mila precari con tre anni di servizio si protrarranno fino a metà Novembre

Dopo i rinvii estivi causa Covid c’è finalmente la data per il tanto atteso concorso straordinario per la scuola: si comincia il 22 ottobre.
Questi gli intendimenti emersi dall’incontro tra i sindacati e il Ministero dell’Istruzione.
Le prove si terranno fino al 9 Novembre e hanno visto la presentazione di circa 64mila domande da parte di docenti con almeno tre annualità di servizio alle spalle.
Si procederà in modo scaglionato e le varie classi di concorso a bando saranno convocate in giorni e luoghi diversi.
La prova del concorso, che avrà durata di 150 minuti, sarà composta da cinque quesiti a risposta aperta e da un quesito in lingua inglese.
Martedì la data sarà in Gazzetta Ufficiale e partiranno le procedure.
Intanto sono state individuate le sedi e le aule informatiche per espletare le prove concorsuali.
I nuovi professori saranno così pronti per andare in cattedra nel settembre 2021 anche se, secondo l’accordo firmato l’estate scorsa dopo un duro scontro nella maggioranza, la loro assunzione verrà retrodatata giuridicamente al primo settembre di quest’anno.
La presentazione delle candidature per le commissioni è stata posticipata al 30 settembre ma il problema più stringente riguarda la sicurezza di un concorso che farà muovere tanta gente lungo tutto lo Stivale.
I sindacati hanno sollevato dubbi che riguardano principalmente la sorveglianza, le sanificazioni e i rischi che un’operazione così imponente quale quella della realizzazione di un concorso possa inevitabilmente comportare.
Per il concorso ordinario invece, che metterà a bando 33 mila cattedre e che sarà rivolto anche ai neo laureati si dovrà aspettare ancora: gli aspiranti sono oltre 430 mila e le prove comprenderanno anche un test preselettivo.
La macchina organizzativa sarà molto più complessa per via anche del Coronavirus e all’orizzonte non si vede ancora un arco temporale plausibile e spendibile nel breve-medio termine.

Di Cristiano Santucci

Read More

Briatico (VV): Aggredisce anziana con calci al viso per rapinarla, arrestato 22enne

Ha aggredito un’anziana colpendola con due calci al volto per rapinarla, con una violenza definita dai carabinieri da “arancia meccanica”. Una scena, ripresa dalle telecamere di videosorveglianza che ha indignato anche il procuratore di Vibo Valentia Camillo Falvo: “Non ho mai visto nulla di più violento in tutta la mia esperienza professionale. E di esperienza credo di averne maturata molta”. Adesso l’autore di quella violenza, avvenuta a Briatico, nel vibonese, è in carcere, grazie al lavoro dei carabinieri e della Procura di Vibo Valentia. Si tratta di Bryan Pietro Sicari, di 22 anni, già noto alle forze dell’ordine, accusato di rapina aggravata e lesioni gravi. Fondamentali le riprese delle telecamere di sorveglianza, le dichiarazioni rese dalla parte offesa e la collaborazione, e questa è una vera novità, egli stessi parenti del presunto autore.

L’episodio si è verificato l’estate scorsa a Paradosoni, frazione di Briatico. La sera dell’aggressione, Sicari – secondo gli investigatori – dopo avere scavalcato un muretto, col volto travisato, si era introdotto nel giardino dell’anziana che stava prendendo un po’ di frescura e di soppiatto le si era avventato contro per rapinarla. Pensava di racimolare una bella somma ma quando ha visto che il bottino sarebbe stato magro avrebbe iniziato a colpirla. Calci, pugni e anche l’utilizzo di un oggetto contundente, sferrati a in varie parti del corpo, volto compreso, prima di dileguarsi, disfacendosi dei vestiti lungo il brevissimo tragitto verso casa, quasi contigua a quella della vittima. Era stata la stessa vittima a trovare, nonostante i traumi, la forza di far scattare l’allarme chiamando i carabinieri.

Le indagini, coordinate dal pm Corrado Caputo, hanno portato nel giro di poco tempo ad individuare il presunto responsabile, arrestato dopo una serie di riscontri ottenuti dagli investigatori dei carabinieri del Comando provinciale di Vibo Valentia e di Briatico. Grazie alle immagini di altre telecamere di sorveglianza gli investigatori sono riusciti a svelare la fisionomia del giovane poco prima di entrare in azione. Inoltre la vittima ha riconosciuto la sua voce e infine, gli stessi congiunti di Sicari hanno collaborato.

Read More

Elezioni Castrovillari: Lamensa scrive a Santagada e Campanella. “Uniamoci per il futuro della città”

Il ballottaggio per le elezioni amministrative 2020 di Castrovillari è sempre più vicino ed il candidato del centrodestra, Giancarlo Lamensa, ha deciso di scrivere una lettera aperta indirizzata a Peppe Santagada e Pino Campanella, rispettivamente candidati a sindaco per le liste civiche e per il M5S e ai loro candidati ed elettori. Lamensa ha voluto esortare al raggiungimento di un comune obiettivo, per scrivere insieme nuove prospettive politiche.

Questo il testo integrale della lettera.

 

A Peppe Santagada, ai suoi candidati e ai suoi elettori

A Peppino Campanella, ai suoi candidati e ai suoi elettori

Cari amici, cari elettori,

avete combattuto, in questa prima fase di campagna elettorale, una chiara battaglia di alternativa al centrosinistra. La città e i cittadini, al 63%, complessivamente, hanno decretato con il vostro importante contributo che non gradiscono un governo di centrosinistra.

Ora, al ballottaggio, avete l’opportunità, per coerenza e conseguenza, di cambiare una politica che ha ridotto Castrovillari ed il Pollino a fanalino di coda. Intanto grazie e tanti complimenti per le battaglie che avete condotto dentro e fuori l’assise consiliare.

Una vostra diversa determinazione risulterebbe incomprensibile politicamente e, francamente, irrispettosa delle vostre battaglie.

E’ vero, ci sono io in campo con il centrodestra, ma Voi non vi dovete sentire sconfitti. Insieme, abbiamo concorso a palesare che le cose non vanno bene, e la città con noi tutti.

Vi garantisco che è mio unico interesse badare solo al bene della città ed alla buona politica. Sono latore dello stesso vostro messaggio, sono per un cambio di passo, con entusiasmo e tanta voglia di fare bene. I vostri argomenti, con i miei programmi, possono fare la differenza. Ho in mente la formazione di un esecutivo di alto profilo, per costruire le basi di un vero sviluppo del nostro territorio, anche insieme al vostro insostituibile contributo.

A Voi, a Peppe ai candidati delle civiche, al dottore Laghi, ai candidati tutti, all’amico Campanella ed ai suoi elettori, chiedo uno sforzo comune per scrivere nuove prospettive politiche e nuovi percorsi, alternativi ad un fare che, ad oggi, ha rivelato la sua inefficienza, la sua inconcludenza per la nostra città.

In questa tornata di ballottaggio, diversamente, rischieremmo di spostare vecchi mobili dentro la stessa solita casa, per avere una inebriante sensazione di novità’. Rischieremmo di uscirne con l’amaro in bocca, perché un minuto dopo non ci piacerà la nuova disposizione, nonostante gli sforzi profusi. Apriamo, invece, tutti i balconi e le finestre di quella casa, diamo la possibilità’ ai suoi abitanti di respirare aria nuova, di godere di nuove prospettive di luce, dove immaginare un futuro migliore.

Ma facciamolo insieme!!

Con immutata stima, 

Giancarlo Lamensa

Read More

Coronavirus: due nuovi casi a Vibo Valentia, una lavora in negozio

Due nuovi casi di positività al Covid-19 a Vibo Valentia. La conferma viene dal Dipartimento di prevenzione dell’Asp di Vibo che ha ricevuto l’esito del tampone. Si tratta di un giovane e di una ragazza. Il primo risiede del capoluogo di provincia e, in base a quanto è stato riferito dalle autorità sanitarie, ha avuto contatti con alcuni componenti di uno dei due gruppi familiari di Stefanaconi già colpiti dal virus. Si trova in isolamento da qualche giorno, verosimilmente da quando è iniziata a circolare la notizia dell’aumento di casi nel borgo che da giovedì scorso è Zona Rossa (e che continuerà ad esserlo fino alla mezzanotte di mercoledì). La seconda è una ragazza che lavora nel centro commerciale Vibo Center, originaria di un paese limitrofo al capoluogo di provincia. La giovane da circa una settimana si trova in quarantena. L’Azienda sanitaria sta cercando di ricostruire la rete di contatti dell’interessata e non è escluso che il Dipartimento di prevenzione disponga la sanificazione del locale.

Read More

Castrovillari: una sanità che peggiora

La crisi della sanità a Castrovillari è ormai decennale e peggiora di anno in anno. La rabbia dei cittadini, per servizi non resi, è palpabile, basta andare al CUP per averne prova tangibile. A sottolineare la difficile situazione della sanità nella città del Pollino è Gianfranco Milanese, responsabile sanità del locale circolo di Fratelli d’Italia, che argomenta la sua tesi anche attraverso dati economici: “I disagi economici – ha detto Milanese – sono ben evidenziati dall’istituto di analisi statistica Demoskopika: oltre ai ben conosciuti costi regionali per cure fuori regione, di oltre 300 milioni annui (circa 4 milioni di euro per i castrovillaresi), c’è da aggiungere il costo personale per le famiglie (trasferta, vitto, alloggio, ecc) che, per i 700 ricoveri annui, risulterebbe superiore a 3,5 milioni. Un mare di denaro che si riversa sulle economie di altre regioni. Ma non è finita – continua Milanese – perché questi ricoveri sono riferiti a cittadini che possono pagarsi il viaggio della speranza, mentre ci sono ben 1360 cittadini, il 12% della popolazione, che non hanno i soldi per pagarsi le cure”.
Milanese, poi, analizza quelle che sono, in tal senso, le responsabilità: “Sicuramente di una cattiva gestione di decenni – ha ribadito Milanese – e di un piano di rientro di oltre 11 anni e che, in questo periodo di Covid, risulta fuori da ogni ragione. C’è un dato da non sottovalutare in riferimento al “Ferrari” di Castrovillari: gli attuali posti letto dell’ospedale sono 95 su 240 assegnati, quindi con una mancanza di ben 145. Questi posti, spettanti per decreto del commissario ad acta, nominato direttamente dal governo, possono essere, quindi, “reclamati” perché soldi già impegnati”. “Perché l’amministrazione comunale – ribadisce Milanese – non ha fatto i passi necessari, anche di mobilitazione, per reclamare questi posti già assegnati? Cosa ha fatto l’amministrazione comunale in tutti questi anni? Noi abbiamo visto in prima fila solo alcune associazioni come “Solidarietà e Partecipazione”, mentre le istituzioni, che avrebbero diritto a reclamare, sembra siano state ben ferme”.
“Il ballottaggio, in programma domenica 4 e lunedì 5 ottobre, potrebbe essere per Castrovillari l’occasione per cambiare: È il momento di cambiare la guida della città – conclude l’esponente di Fratelli d’Italia, partito che sostiene la candidatura a sindaco di Giancarlo Lamensa – lavoreremo perchè la città di Castrovillari possa avere un ospedale adeguato alle esigenze della città anche attraverso un processo di razionalizzazione che permetta a tutti i cittadini di poter avere le cure migliori in loco senza dover ricorrere ai famosi viaggi della speranza”.

Read More

Scuola: in Calabria secondo round riapertura

 Dopo la riapertura di giovedì scorso si è praticamente completato in Calabria il quadro degli istituti che hanno inaugurato l’anno scolastico 2020-2021 in presenza, dopo oltre sei mesi di blocco a seguito del lockdown seguito all’emergenza Coronavirus. Alle 276 istituzioni scolastiche nelle quali erano riprese le lezioni lo scorso 24 settembre, se ne sono aggiunte, oggi, in una sorta di secondo round, altre 73 in tutta la regione.
Primo giorno di scuola, in particolare, per gli studenti di ogni ordine e grado di Reggio Calabria, dove a causa delle elezioni amministrative l’inizio era slittato ad oggi per decisione dell’Amministrazione comunale. Alle viste c’è però un nuovo stop lunedì e martedì prossimi per il turno di ballottaggio che riguarderà anche Crotone e le altre città della regione con popolazione superiore ai 15 mila abitanti e cioè Castrovillari, San Giovanni in Fiore, Cirò Marina e Taurianova.
A Catanzaro, dove il 24 settembre era stata disposta una riapertura parziale riservata alle classi delle sole scuole superiori, oggi le lezioni sono riprese regolarmente anche per gli allievi degli istituti comprensivi, elementari e medie inferiori. Distanziamento, mascherine e continua igienizzazione delle mani rimangono le parole d’ordine per garantire sicurezza agli studenti e al corpo docente e non.

Read More
Guarda on-line le nostre notizie

Instagram

Categorie

Archivi