Giorno: 12 Ottobre 2020

Cosenza 2021,  impazza il toto donna Sindaco oltre a tanti outsider e candidati  civici 

Passati i ballottaggi di Reggio Calabria, Crotone, Castrovillari e San Giovanni in Fiore il mondo della politica inizia a pensare al prossimo appuntamento elettorale, quello della prossima primavera. E nel nuovo anno a votare per eleggere il nuovo sindaco saranno anche i cosentini. Si chiude l’epoca Occhiuto che avendo svolto per due legislature il ruolo di primo cittadino non potrà più ricandidarsi. E già iniziano a fioccare i nomi dei possibili candidati per il centrodestra. Con una grande novità. Sull’onda dell’elezione a Governatrice dell’On. Jole Santelli e a Sindaco di San Giovanni in Fiore di Rosaria Succurro in molti sono pronti a giurare che anche per Cosenza il candidato del centrodestra sarà una donna, nella scia di un momento favorevole per l’ingresso nel mondo della politica di rappresentanti del gentil sesso. Anche perchè a decidere sarà alla fine la Governatrice Santelli nel suo ruolo di coordinatrice regionale di Forza Italia considerando che in un partito ormai morente ed in declino l’unica roccaforte è la Calabria che come sempre è sempre l’ultima a seguire i cambiamenti. E quali sono i nomi al femminile che circolano fra i corridoi della politica. Fra i tanti nomi circolano quello della senatrice Fulvia Caligiuri, legata ai fratelli Occhiuto ma negli ultimi tempi ancor più alla Governatrice Jole Santelli, quello dell’assessora Loredana Pastore che vorrebbe emulare la sua ex collega assessora, Rosaria Succurro, quello di Eva Catizone, già sindaco della città quando venne scelta da Giacomo Mancini, quello di Simona Loizzo, nota professionista legata al centrodestra berlusconiano e circola anche quello di Stefania Covello, ex parlamentare amica di Matteo Renzi nell’ipotesi di una sperimentazione di un centrodestra allargato verso il centro. Nella rosa dei candidati al femminile non può mancare il nome di Katya Gentile, la figlia dell’On. Pino Gentile per ben 50 anni presente sulla scena politica e già vicesindaco nella prima giunta Occhiuto. Anche Bianca Rende, consigliere comunale, potrebbe essere della partita, ma, ovviamente nel campo del centrosinistra. Anche se in tanti sono convinti che alla fine, per quel che riguarda il centrodestra, potrebbe uscire dal cilindro di jole Santelli un nome assolutamente nuovo di qualche donna professionista amica dell’ambiente della cosiddetta Cosenza – bene nella quale la Governatrice è sempre vissuta. Allargando gli orizzonti vi sono poi tanti altri nomi, dall’ex assessore Franco Pichierri che potrebbe tentare di essere da collante per una coalizione centrista, all’outsider Francesco De Cicco, attuale assessore ed espressione diretta dei quartieri popolari cittadini. Altro papabile è il nome di Carlo Tansi che forte del successo ottenuto a Crotone e dei tanti voti presi nella città di Cosenza nella ultime elezioni regionali potrebbe giocare in prima persona la partita per attirare su se stesso i voti dell’antipolitica e del crescento disgusto dei cittadini verso i professionisti della politica che tanto danno hanno fatto e continuano a fare alla Calabria e ai calabresi. Nel centrosinistra e nel Pd vige ancora la massima confusione con le guerre continue tra gruppi e gruppetti e non si intravvede ancora alcun nome. Nel campo della sinistra potrebbe tentare la partita il noto penalista da sempre socialista, Franz Caruso. Questi alcuni dei nomi che circolano per una tornata elettorale che sarà caratterizzata dal dopo – Occhiuto con tantissimi candidati a sindaco e decine e decine di liste. Una grande battaglia ed una grande confusione dove conquistare un voto sarà sempre più difficile con una legge elettorale ormai superata che genera confusione e con l’assoluta mancanza di leader veri ed autorevoli che oramai Cosenza non ha più da anni. Con il trionfo assoluto della mediocrità, dell’ignoranza e delle tante nullità che, emuli di Cetto La Qualunque, credono di essere in grado di saper amministrare anche se privi di qualsiasi esperienza e preparazione. Requisiti oramai completamente inutili. Quello che conta è l’amico, il compare e l’amico dell’amico. Nella scia di un degrado sociale e culturale senza fine.

Gianfranco Bonofiglio

Read More

Caraffa, Fimiano e Mazzei intervengono sulla delibera riguardante l’adeguamento delle indennità di carica per i consiglieri ed il Sindaco

Il capogruppo di “Se la ami la cambi” Raffaele Fimiano ed il consigliere Andrea Mazzei, in merito alla delibera dell’ultimo consiglio comunale sull’adeguamento delle indennità di carica per i consiglieri comunali ed il sindaco, rimarcano la propria posizione. “L’interesse del gruppo consiliare di Se la ami la cambi – dichiarano i due esponenti – é stata, come si evince dal verbale di seduta, quella di fare l’interesse della comunità, visto il momento particolare e lo stato di dissesto finanziario in cui versa il nostro Comune, ottimizzando il finanziamento dello Stato”. “Ottimizzare infatti – specificano Fimiano e Mazzei – da un lato ottenendo il contributo statale, dall’altro con la possibilità di destinare intere somme, quelle a carico dello Stato e quelle a carico del nostro Ente, per scopi collettivi.” “Come gruppo – rimarcano i due consiglieri comunali – inizialmente avevamo delle remore sul punto, infatti la posizione del gruppo consiliare era quella di votare contro l’aumento delle indennità, ma la discussione, il confronto e la disponibilità del Sindaco (la cui quota è quella rilevante),ci ha indotto a proporre la soluzione migliore per la nostra comunità, successivamente approvata dall’intero consiglio comunale.” “Come gruppo proporremo di destinare  tali somme per finanziare iniziative sociali a favore della nostra comunità, presentando una proposta in questo senso.” “Discutere, ragionare e valutare le scelte logiche a vantaggio della comunità – specificano Fimiano e Mazzei – dovrebbero essere i principi cardine di coloro i quali la rappresentano.” “La strumentalizzazione della vicenda – concludono Fimiano e Mazzei – la lasciamo a coloro i quali fanno retorica attraverso storie raccontate male.”

Read More

Bocchigliero(CS): denunciato un uomo per furto in abitazione

I militari del Comando Stazione Carabinieri di Bocchigliero, all’esito delle attività investigative svolte, hanno deferito in stato di libertà per il reato di furto in abitazione, V. P., 48enne bocchiglierese noto alle forze dell’ordine. Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Castrovillari, sono scattate a seguito della denuncia di un furto perpetrato il 6 ottobre scorso all’interno di una abitazione del centro abitato del
comune silano, allorquando ignoti malfattori vi si erano introdotti asportando gioielli, monili ed
accessori per un valore complessivo di circa 4.000 euro. Acquisita la notitia criminis, i militari dell’Arma iniziavano una serie di accertamenti tra cui l’analisi delle registrazioni degli impianti di videosorveglianza insistenti nell’area del furto, nonché tramite l’escussione di persone informate sui fatti. Proprio grazie alle immagini cristallizzate dalle telecamere, è stato possibile ricostruire tutte le fasi del furto e, quindi, procedere alla completa identificazione del protagonista della vicenda: un quarantottenne residente a Bocchigliero e conosciuto dai militari per piccoli precedenti di polizia commessi nel tempo.
Sulla base di questi elementi, nella serata di ieri, i carabinieri hanno dato esecuzione ad un decreto
di perquisizione emesso dalla competente Autorità Giudiziaria e, presso l’abitazione del soggetto, è
stata rinvenuta l’intera refurtiva trafugata dall’abitazione, sottoposta momentaneamente a sequestro
e che sarà riconsegnata nelle mani degli aventi diritto.
Il protagonista della vicenda è stato così segnalato all’Autorità Giudiziaria.

Read More

Reggio Calabria: controlli del Nas per le disposizioni anti-Covid, contravvenzioni per 8000 euro e una denuncia a piede libero.

I Carabinieri del NAS di Reggio Calabria, durante la settimana appena trascorsa, hanno effettuato mirati servizi tesi a far rispettare le misure di contenimento della diffusione del Covid-19, elevando numerose contravvenzioni ad attività ristorative e bar del capoluogo e della provincia reggina.

I militari hanno passato al setaccio i luoghi della movida e di maggiore aggregazione, sanzionando:

  • tre bar e una rosticceria, ove il personale serviva i clienti senza indossare la mascherina protettiva;
  • Un bar che ometteva la registrazione dei clienti, utile al fine di rintraccio in caso di contatto con soggetti positivi;
  • Due ristoranti che non rispettavano all’interno dei locali il corretto distanziamento tra gli avventori.

Inoltre veniva deferito un ristoratore alla Procura di Reggio Calabria poiché trovato con oltre 80 Kg di prodotti alimentari congelati, soprattutto preparati di carne, ma che in realtà all’origine erano freschi, che presentavano bruciature da freddo ed in parte privi di protezione e di indicazioni sull’origine; procedure di conservazione che mettono in serio pericolo la salute dei consumatori. Gli alimenti sono stati sequestrati e verranno distrutti. Le contravvenzioni elevate ammontano a circa 8000 euro

 

Read More

Coronavirus: ritornano a salire i contagi quest’oggi. Il bollettino

In Calabria ad oggi sono stati sottoposti a test 221.754 soggetti per un totale di 223.860 tamponi eseguiti (allo stesso soggetto possono essere effettuati più test).

 

Le persone risultate positive al Coronavirus sono 2.344 (+53 rispetto a ieri), quelle negative 219.410. Territorialmente, dall’inizio dell’epidemia, i casi positivi sono così distribuiti:

 

– Catanzaro: CASI ATTIVI 81 (16 in reparto; 1 in terapia intensiva; 64 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 285 (251 guariti, 34 deceduti).

 

– Cosenza: CASI ATTIVI 149 (10 in reparto; 139 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 556 (520 guariti, 36 deceduti). – Reggio Calabria: CASI ATTIVI 299 (12 in reparto; 285 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 373 (352 guariti, 21 deceduti).

 

– Crotone: CASI ATTIVI 7 (7 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 146 (140 guariti, 6 deceduti).

 

– Vibo Valentia: CASI ATTIVI 29 (2 in reparto; 27 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 99 (93 guariti, 6 deceduti).

 

– Altra Regione o stato Estero: CASI ATTIVI 208 (208 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 112 (111 guariti, 1 deceduto). È compresa anche la persona deceduta al reparto di rianimazione di Cosenza che era residente fuori regione.

 

I ricoverati del setting Fuori Regione e dei migranti sono stati inseriti nelle colonne dei rispettivi reparti di degenza; complessivamente i ricoveri presso l’Ospedale di Catanzaro sono 16 di cui 5 sono riferiti a persone non residenti, i ricoverati presso l’AO di Cosenza sono 10; di questi tre sono non residenti, la paziente dimessa a Cosenza è stata inserita tra i guariti del setting fuori regione. i ricoveri dell’AO di Reggio Calabria sono 14. Il totale dei casi di Catanzaro comprende soggetti provenienti da altre strutture provincie che nel tempo sono stati dimessi.

 

I casi confermati oggi sono così suddivisi: Cosenza: 1, Catanzaro 1, Crotone 0, Vibo Valentia 0, Reggio Calabria 51 di cui 21 migranti.

 

Dall’ultima rilevazione, le persone che si sono registrate sul portale della Regione Calabria pe comunicare la loro presenza su territorio regionale sono in totale 1.128

 

Nel conteggio sono compresi anche i due pazienti di Bergamo trasferiti a Catanzaro, mentre non sono compresi i numeri del contagio pervenuti dopo la comunicazione dei dati alla Protezione Civile.

Read More

“Io non rischio”, evento della Protezione Civile a Soverato

L’assessore regionale all’istruzione Sandra Savaglio è intervenuta, presente anche il Capo della Protezione civile nazionale Angelo Borrelli, alla decima edizione della Campagna della Provic “Io Non Rischio” che, per come spiegato dal dirigente Fortunato Varone, si è svolta quest’anno, in maniera tradizionale solo a Soverato e, allo scopo di garantire la prevenzione dei contagi Covid-19, attraverso le pagine facebook che hanno ospitato le tante iniziative delle oltre 60 Associazioni di volontariato coinvolte in 50 Comuni della Calabria.

Non a caso, infatti, il motto scelto per la Campagna, realizzata utilizzando al massimo le modalità digitali, è “distanti fisicamente, vicini socialmente”.

Varone ha inoltre evidenziato l’importanza del rafforzamento del sistema regionale di Protezione civile ed ha consegnato a Borrelli la maglietta commemorativa del ventennale della tragedia del camping Le giare quando, il 10 settembre 2000, una improvvisa alluvione ha provocato 13 vittime.

Nel suo intervento, nella Villa comunale della cittadina Jonica, il capo del Dipartimento della Protezione Civile, ha posto l’accento “sulla necessità di fare prevenzione per evitare che si ripetano eventi tragici come quelli del camping Le giare. È determinante – ha rimarcato – conoscere i comportamenti da adottare prima, durante e dopo un terremoto o un’alluvione”.

Borrelli ha poi annunciato che dal 27 ottobre sarà lanciato il sistema IT Alert che consentirà di avvertire i cittadini sulle emergenze che possono verificarsi nei vari territori.

“Ringrazio di cuore – ha detto l’assessore Savaglio – il Capo della Protezione Civile Italiana Angelo Borrelli per essere qui in un giorno così speciale. Devo subito dirvi che noi ci sentiamo al sicuro nelle vostre mani perché abbiamo visto tutto il lavoro che avete fatto in questi mesi. Non posso immaginare che forza abbia richiesto intervenire vent’anni fa durante l’alluvione di Soverato. Ci sono eventi che non si possono prevedere come i terremoti, ma per le alluvioni si può fare qualcosa e noi ne abbiamo la responsabilità.Eventi come questo – ha sottolineato infine Savaglio – servono per diffondere il rispetto dell’ambiente nei più giovani e a noi per ricordare cosa succede quando ci dimentichiamo di prestare attenzione alle regole della natura”.

L’importanza della diffusione della conoscenza è  stata rimarcata anche dalla prefetto di Catanzaro Maria Teresa Cucinotta la quale ha informato che quest’anno della Protezione civile, definita all’avanguardia,  si parlerà nelle scuole.

Monsignor Gregorio Montillo, vicario generale della diocesi Catanzaro-Squillace,  ha officiato una preghiera in memoria delle vittime dell’alluvione del 2000.

Il sindaco di Soverato Ernesto Alecci ha ringraziato la Protezione civile regionale e Borrelli per aver scelto Soverato ed ha raccontato di avere esposto nel suo ufficio un pannello che raccoglie le prime pagine dell’epoca della tragedia che gli permette di non dimenticare l’importanza di lavorare sulla prevenzione.

L’evento è stato coordinato dal responsabile del volontariato della Protezione civile Domenico Costarella.

Hanno partecipato anche il presidente facente funzioni dell’Anci Calabria Francesco Candia, il presidente dell’Unitalsi di Catanzaro Franco Greco, il capogruppo regionale del corpo italiano di soccorso dell’ordine di Malta Saverio Tripodi e le Associazioni di volontariato.

Read More

Grimaldi(CS): picchia la convivente incinta e la suocera. Arrestato

Nel pomeriggio di ieri, i Militari della Stazione Carabinieri di Grimaldi (CS) hanno
tratto in arresto J.Y., cittadino gambiano 21enne da circa tre anni residente in Italia,
per maltrattamenti nei confronti della convivente 25enne, di nazionalità italiana, e
della madre 63enne di quest’ultima, entrambe italiane. L’uomo, già noto alle Forze
dell’Ordine per i propri svariati precedenti penali per reati contro la persona e il
patrimonio, alcune settimane fa era già stato tratto in arresto, sempre dagli uomini
della medesima Stazione Carabinieri, per essere evaso dall’abitazione ove risulta
sottoposto agli arresti domiciliari.
Negli ultimi giorni numerosi sono stati gli interventi svolti dagli uomini della
Benemerita presso l’abitazione della coppia, ubicata in una Frazione del Comune di
Altilia (CS), tutti effettuati per la medesima ragione: violenti litigi, urla, spintoni,
episodi di violenza ormai ordinaria che hanno più volte costretto la compagna
dell’uomo a rivolgersi al 112 o al 118.
Nessuna denuncia era mai stata però presentata nei confronti dell’uomo e, spesso,
il tempo intercorso tra la chiamata ai sanitari o ai Carabinieri ed il loro arrivo presso
l’abitazione era già di per sé sufficiente a far cambiare idea alla donna che,
impietosita dalle scuse del gambiano e dalla precarietà del suo stato, negava
l’accaduto a chi invece avrebbe potuto aiutarla.
Ieri pomeriggio l’epilogo della vicenda: questa volta destinataria delle percosse
dell’uomo è stata anche la madre di lei, 63enne. Questo nel corso dell’ennesima
violenta lite scaturita per una motivazione più che banale: un cellulare lasciato
accidentalmente cadere in terra e che, a seguito dell’urto con il pavimento, ha
smesso di funzionare. L’ira dell’uomo è stata incontenibile: afferrata la suocera, l’ha
colpita più volte alla testa nonostante le insistenze della compagna perché la
lasciasse andare. Non contendo, mentre finalmente l’anziana riusciva a divincolarsi
dalla presa e a chiedere l’intervento dei Militari, il gambiano rivolgeva le proprie
attenzioni violente pure contro la 25enne, strattonandola e colpendola più volta, pur
sapendo che la stessa si trova in stato interessante da alcune settimane.
Ed è così, fortemente spaventate e singhiozzanti, che i Carabinieri intervenuti
hanno trovate madre e figlia: intervenuto anche personale del 118, mentre la
giovane veniva trasportata presso il pronto Soccorso dell’Ospedale Civile
Annunziata di Cosenza per accertamenti, grazie alla descrizione dell’accaduto
fornita dalle due donne l’uomo è stato tratto in arresto e dovrà ora rispondere del
reato di maltrattamenti in famiglia.
Nella mattinata di oggi, a seguito dell’udienza di convalida, l’arresto è stato
convalidato e l’uomo è stato risottoposto alla misura cautelare degli arresti
domiciliari.

Read More

Cosenza: il Console Generale di Romania ha incontrato il sindaco Occhiuto

Il Console Generale di Romania a Bari, Lucreția Tănase, ha fatto visita questa mattina a Palazzo dei
Bruzi, nell’ambito del viaggio diplomatico intrapreso nelle diverse città calabresi e nelle altre
regioni nelle quali si estende la sua competenza: oltre alla Calabria, la Puglia, la Basilicata e il
Molise.
Un viaggio che il console generale di Romania avrebbe dovuto compiere prima dell’arrivo della
pandemia e che il lockdown ha costretto a rinviare. Ed anche nell’incontro di questa mattina a
Cosenza, a Palazzo dei Bruzi, Lucreția Tănase non poteva non far riferimento all’emergenza
sanitaria che sta tenendo il mondo con il fiato sospeso. “Dobbiamo imparare a vivere diversamente–
ha detto, rivolgendosi al Sindaco Mario Occhiuto che l'ha ricevuta insieme agli assessori Loredana
Pastore e Michelangelo Spataro. “Sono ottimista – ha aggiunto – ma anche realista. Non credo si
arrivi ad un nuovo lockdown, ma solo per salvaguardare l'economia”.
Con riferimento al viaggio a Cosenza e alla visita in Comune, il Console generale di Romania ha
aggiunto che, “nonostante l’ufficialità è come se mi sentissi a casa, per il modo come vengo ogni
volta accolta”. Il Sindaco Mario Occhiuto, nel corso dell’incontro, dopo aver dato il benvenuto alla
gradita ospite, ha ribadito l'importanza dei rapporti di collaborazione tra il Comune e la comunità
rumena presente in città, sottolineando a più riprese la disponibilità di Palazzo dei Bruzi a
condividere eventuali problematiche che dovessero presentarsi. “Tutto ciò che può rappresentare
forme di nuova collaborazione– ha aggiunto ancora il Sindaco Occhiuto – è ben gradito e la nostra
disponibilità è totale”. Il Console Tanase ha poi ricordato di intrattenere costanti rapporti con la
Presidente dell’associazione DACIA, Gabriela Mocanu, che rappresenta, dal 2012, la comunità
rumena a Cosenza, offrendo una serie di servizi sul territorio e favorendo l’inserimento degli
immigrati rumeni nella nostra società. Anche i rumeni di Cosenza saranno chiamati a dicembre ad
eleggere il nuovo Parlamento di Romania. Sul punto il Console generale Lucreția Tănase ha
aggiunto che pur essendo prevista la modalità di esercizio del diritto di voto per corrispondenza, i
rumeni che vivono in Italia sono piuttosto diffidenti, preferendo il voto in presenza nel Paese
d’origine. Prima di ripartire, il console generale, sotto l’abile regia della responsabile del cerimoniale
di Palazzo dei Bruzi, Elena Mittembergher, ha ricevuto dalle mani del Sindaco Mario Occhiuto una
copia del libro “Percorsi di rigenerazione urbana – Il caso Cosenza” di Rossana Galdini, il libro nel
quale viene raccontata la storia della città, da quella più antica a quella che riflette i progetti
realizzati negli ultimi dieci anni, a quella futura, con le realizzazioni che verranno.
La diplomatica ha ricambiato, consegnando alle signore presenti un omaggio floreale e al Sindaco
Occhiuto una copia del libro sulle bellezze turistiche e culturali della Romania e un cd musicale
contenente una raccolta delle migliori esecuzioni del Festival di musica sinfonica rumeno, intitolato
al compositore George Enescu.

Read More

Controlli alla “movida”: chiusi due esercizi pubblici a Corigliano-Rossano

Nel fine settimana appena trascorso sono stati effettuati una serie di controlli congiunti da parte dei militari della Compagnia Carabinieri di Rossano e dagli agenti del Commissariato di P.S. di Corigliano Rossano, con particolare attenzione al rispetto delle normative vigenti in materia di emergenza sanitaria.

Nella serata di sabato, infatti, sono state passate al setaccio le zone della cd. “movida”: locali ed aree pubbliche notoriamente frequentate, in particolare in orario serale, da parte di molti giovani. A seguito delle verifiche, sono state rilevate una serie di violazioni legate in particolar modo agli assembramenti all’interno o in aree di pertinenza di esercizi commerciali e pubblici nonché sono stati controllati vari cittadini in relazione all’utilizzo dei dispositivi individuali di protezione all’aperto in presenza di altre persone.

All’esito dei controlli, accertate le violazioni alle citate normative, sono state elevate due sanzioni amministrative per un importo complessivo di euro 800,00 e, date le circostanze, si è ritenuto necessario disporre la chiusura per cinque giorni di due noti esercizi pubblici dell’area rossanese, in quanto venivano riscontrati assembramenti senza il rispetto delle previste distanze di sicurezza.

Nel corso delle medesime verifiche, inoltre, sono stati sanzionati due giovani per un importo complessivo di euro 800,00 in quanto gli stessi sono stati sorpresi mentre si trovavano in compagnia di altre persone senza indossare un’idonea protezione delle vie respiratorie.

Nel complesso dei servizi sono state controllate oltre trecento persone e oltre centocinquanta veicoli, nonché elevate undici contravvenzioni al codice della strada per un importo complessivo di oltre duemila euro.

Le forze dell’ordine, nell’occasione, hanno ricordato ai molti giovani che vivono la movida, l’importanza del senso di responsabilità nel rispetto delle normative vigenti in materia di emergenza sanitaria.

Read More

Migranti: sbarco a Crotone, arrivati in 56 su barca a vela

Sono 56 i migranti sbarcati questa mattina nel porto di Crotone. Si trovavano su una imbarcazione a vela la cui presenza era stata segnalata alle forze dell’ordine la scorsa notte con una telefonata fatta da una delle persone che erano a bordo del veliero.
La Guardia costiera di Crotone ha rintracciato la barca incagliata al largo della costa di Isola Capo Rizzuto. Una volta completate le operazioni per disincagliarla, l’imbarcazione è stata condotta nel porto di Crotone, dove i 56 migranti sono stati fatti sbarcare. Sono tutti uomini e tutti pakistani. Tra loro anche 18 minori.
I migranti sono stati accolti dal dispositivo coordinato dalla Prefettura di Crotone e trasferiti dalla Croce rossa italiana al Cara di Isola Capo Rizzuto dove svolgeranno il periodo di quarantena e verranno sottoposti a tampone.

Read More
Guarda on-line le nostre notizie