Giorno: 21 Ottobre 2020

Agricoltura: le Regioni intervengano con piani di abbattimento selettivi per gli ungulati

È sempre maggiore la frequenza di incidenti provocati dalla presenza di animali selvatici sulle strade italiane, stimati in circa 10.000 l’anno. Una problematica che necessita di un intervento immediato da parte delle Istituzioni finalizzato a contenere il proliferare dei cinghiali, passati da una popolazione di 900.000 capi in Italia nel 2010 a quasi 2 milioni di oggi. La questione è stata sollevata nuovamente in Senato, attraverso una interrogazione parlamentare alla quale ha risposto il Sottosegretario alle Politiche Agricole, Giuseppe L’Abbate.

 

“La legge 11 febbraio 1992, n. 157 è la normativa di riferimento per la protezione della fauna omeoterma ed il prelievo venatorio e affida alle Regioni la gestione faunistica, individuando alcuni strumenti per il contenimento della popolazione di cinghiali – dichiara il Sottosegretario L’Abbate – Tra questi: il prelievo venatorio, il divieto di rilascio di cinghiali, il divieto di foraggiamento, il controllo faunistico. Alcune Regioni hanno già regolamentato il prelievo di selezione degli ungulati appartenenti alle specie cacciabili anche al di fuori dei periodi e degli orari previsti dalla legge 157/1992 attraverso la predisposizione, secondo quanto previsto dalla legge 248/2005 e sentito il parere dell’ISPRA, l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale, di adeguati piani di abbattimento selettivi – spiega L’Abbate – distinti per sesso e classi di età. Tenendo conto dell’esigua consistenza del personale delle Amministrazioni regionali e provinciali, è previsto anche il coinvolgimento di altre figure specializzate che vengono autorizzate ad effettuare attività di controllo numerico delle specie faunistiche, attraverso coadiutori formati mediante appositi corsi validati sempre dall’ISPRA.Pertanto, invito le Regioni dove la popolazione di ungulati risulti eccessiva e che non abbiano ancora provveduto, ad adoperarsi con adeguati piani di gestione”.

 

Alla Camera dei Deputati, inoltre, è in discussione la proposta di legge recante “Disposizioni di sostegno e semplificazione per il comparto agricolo” che introduce misure volte ad agevolare ulteriori interventi di contenimento, tra cui l’ampliamento dell’arco temporale nel quale è autorizzata la selezione. “Al fine di proteggere il patrimonio suinicolo nazionale da rischio di trasmissione del virus della peste suina – conclude il Sottosegretario Giuseppe L’Abbate – è in via di definizione, per l’approvazione urgente da parte di un prossimo Consiglio dei Ministri, la norma che istituisce i Piani di controllo e monitoraggio della evoluzione della malattia”.

Read More

Ambiente: rifiuti pericolosi accantonati, sequestrata area

A San Pietro a Maida i carabinieri della Compagnia di Girifalco, con il supporto della locale Stazione Carabinieri Forestale, nel corso di un servizio dedicato al contrasto dei reati in materia ambientale, hanno avuto accesso nella sede di un’impresa attiva nella rivendita online di autovetture usate, dove hanno constatato l’indebito accantonamento di rifiuti speciali pericolosi costituiti da componenti di autoveicoli, in una porzione del parcheggio in terra battuta.
L’area è stata posta sotto sequestro ed il titolare è stato deferito in stato di libertà all’autorità giudiziaria per gestione di rifiuti non autorizzata.

Read More

Covid: a Lamezia chiusi Tribunale e sede Inps

A Lamezia Terme é stato chiuso il Tribunale fino a domani perché un avvocato é risultato positivo al Coronavirus, Stessa decisione per la sede dell’Inps dopo che un’impiegata é risultata anche lei positiva e per un pub, dove un dipendente é stato trovato positivo.
Gli studenti delle classi delle scuole frequentate dai figli delle persone risultate positive sono stati posti in quarantena.

Read More

Covid: tamponi su tutti i dipendenti della Provincia Cosenza

La task force dell’Azienda sanitaria provinciale di Cosenza sta eseguendo in queste ore i tamponi su tutto il personale della Provincia e su alcuni dipendenti dei comuni di Casali del Manco e Spezzano della Sila.
I sanitari hanno convocato tutti in piazza XV Marzo, nel centro storico della città bruzia, per tentare di circoscrivere il cluster della Presila.
A preoccupare infatti, sono cinquanta test rapidi ai quali si sono sottoposti volontariamente alcuni cittadini, in particolare di Spezzano della Sila, risultati positivi e che adesso dovranno essere confermati dal tampone rinofaringeo. Dati questi che, se accertati, potrebbero far estendere la zona rossa, già attiva a Celico e Casali del Manco, anche al vicino comune di Spezzano della Sila.

 

Read More

Migranti: in cento arrivati con barca a vela in Calabria

È giunta da poco nel porto di Roccella Jonica una barca a vela con a bordo 100 migranti di varia nazionalità.
La barca a vela è stata intercettata da un’unità di altura della guardia di finanza a circa 5 miglia dalla costa calabrese.
Sono in corso le operazioni di sbarco che saranno seguite dai controlli sanitari e dall’identificazione dei migranti. Una volta a terra, questi ultimi saranno sottoposti ai tamponi per verificare l’eventuale positività al Covid-19. Se l’esito dei test risulterà negativo, i migranti saranno distribuiti secondo il piano di riparto del Ministero dell’Interno.
Sono state avviate, inoltre, le indagini per verificare se tra i migranti ci siano gli scafisti o se questi hanno abbandonato l’imbarcazione alla deriva prima che venisse intercettata dalle fiamme gialle.

 

Read More

Casa: Immobiliare.it, abbattuti costi vendita, in aumento gli affitti

I prezzi degli immobili in vendita in Calabria scendono mentre quelli delle locazioni ricominciano a salire. Sono queste le maggiori evidenze emerse dall’ultimo Osservatorio di Immobiliare.it (www.immobiliare.it) sul settore casa in Calabria riferite al terzo trimestre del 2020.

A settembre 2020 i prezzi richiesti da chi vende casa in regione – riporta un comunicato – si sono attestati su una media di 921 euro al metro quadro, segnando un -0,6% su base trimestrale. I canoni di locazione invece sono saliti a 5,30 euro/mq (+3,9% nel trimestre).

Questo è il quadro generale di ciò che sta accadendo nel mercato immobiliare a livello regionale ma le situazioni sono diverse se si analizzano i costi delle abitazioni nelle città capoluogo di provincia.

Reggio Calabria, sulle compravendite immobiliari, registra la discesa più importante (-3,1%), seguita da Crotone (-2,5%) e Catanzaro (-2,5%). Negli altri capoluoghi si osserva un lieve aumento dei prezzi: a Vibo Valentia +1% e a Cosenza +0,3%.

In generale, la Calabria – è detto ancora nel comunicato – si conferma la regione d’Italia in cui costa meno acquistare casa.

Nel comparto delle locazioni in questo semestre si registrano valori positivi per quasi tutte le città calabresi, tranne Catanzaro (-1,8%) e Crotone (-1,7%).

In modo particolare a Reggio Calabria si segnala un mercato in salita (+4,3%).

Dando uno sguardo ai prezzi, Crotone si conferma la città più cara della regione: qui per affittare un bilocale da 70 mq bisogna mettere in preventivo una spesa di poco superiore ai 400 euro al mese.

Di Cristiano Santucci

Read More

Impiegato nel comune di Diamante positivo al Covid-19, uffici chiusi

“Si rende noto che una persona di Belvedere Marittimo impiegata presso il comune di Diamante, nell’abito dei progetti riguardanti gli ammortizzatori in deroga, è risultata positiva ad un test covid effettuato presso una struttura privata del territorio. Per tale motivo, a scopo precauzionale, presso gli uffici comunali di Piazza Mancini sarà effettuata la sanificazione degli ambienti. Gli uffici comunali, pertanto, non saranno accessibili fino a nuova comunicazione. Si intende tranquillizzare la cittadinanza: la situazione è sotto controllo ed ogni decisione assunta è presa, come detto, a scopo precauzionale e nell’osservanza dei protocolli richiesti ed opportuni in tali circostanze. Il Sindaco di Diamante chiederà, nell’immediato, un tavolo di confronto al Prefetto di Cosenza e all’ ASP, considerando che si tratta di una ulteriore dimostrazione che questi ultimi focolai sviluppatisi nel nostro territorio possono sfuggire di mano e per richiedere, pertanto, interventi urgenti ed incisivi a tutela della popolazione del territorio”.

Lo rende noto il Sindaco, Sen. Ernesto Magorno.

 

Read More

Nas all’Ospedale di Cosenza: emerse criticità

Un giudizio non proprio confortante…è quello che viene fuori dalla visita dei carabinieri del Nas all’Ospedale Annunziata di Cosenza. Secondo quanto si è appreso sono diverse le criticità emerse nel corso dell’ispezione degli uomini del Nucleo Anti Sofisticazione. Chirurgia toracica, Ginecologia, Oncologia ed Urologia sono i reparti nei quali si sono registrate problematiche, insieme al pronto soccorso. Secondo i militari la pavimentazioni di questi reparti non sarebbe a norma, così come sarebbero presenti delle infiltrazioni d’acqua. Le vie di fuga, in alcuni casi, sarebbero occluse, così come non sarebbe corretto il posizionamento delle bombole di ossigeno. Per quanto concerne, poi, il reparto di ginecologia è stato denunciato il responsabile del servizio di approvvigionamento dei farmaci: sarebbero stati trovati, infatti, alcuni medicinali scaduti, che non sarebbero stati separati da quelli invece buoni per l’uso. Toccherà ora al Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza dell’Asp di Catanzaro intervenire dettando le prescrizioni all’azienda ospedaliera di Cosenza. E lo stesso Servizio dovrà pronunciarsi sull’idoneità delle sale parto: sono in corso approfondimenti per capire se sono a norma.

Read More
Guarda on-line le nostre notizie