Corigliano-Rossano

Covid: Corigliano Rossano, macchina per processare tamponi

Entra in funzione il nuovo macchinario in grado di processare trecento tamponi molecolari al giorno nel laboratorio di virologia dell’ospedale Giannettasio di Rossano.

 

Il lavoro da svolgere

Si inizia con i primi 280 tamponi che accelereranno le operazioni di screening dei soggetti potenzialmente positivi al coronavirus e snelliranno il lavoro per gli operatori in servizio nel laboratorio all’Annunziata, unico finora a processare i tamponi in provincia di Cosenza, oberati di lavoro fin dall’inizio dell’emergenza pandemia.

L’avvio del nuovo laboratorio arriva cinque mesi dopo l’acquisto delle attrezzature, risalente al maggio scorso per un investimento di 150 mila euro.

Read More

Spengono sigarette sul corpo di un minorenne e lo rapinano. Arrestati 3 giovani a Corigliano Rossano

La Polizia di Stato ha arrestato a Corigliano Rossano tre giovani, da poco maggiorenni, con l’accusa di essere i responsabili della rapina, commessa nella tarda serata di ieri, ai danni di un ragazzo minorenne, cui era stata sottratta una catenina d’oro.

Il ragazzo, prima di essere rapinato, era stato sottoposto a violenze fisiche, come lo spegnimento di alcune sigarette su un polso e sul collo.

I tre responsabili della rapina sono stati individuati dal personale della Squadra di Polizia giudiziaria del Commissariato di Corigliano Rossano, allertato dopo una telefonata al 113. Due sono stati bloccati mentre si allontanavano a bordo di uno scooter, il terzo é stato individuato mentre cercava di rientrare a piedi a casa. A carico dei tre risultano precedenti di polizia per minacce, lesioni e reati contro il patrimonio.

Due dei tre giovani arrestati sono stati trovati in possesso di 400 euro, provento, secondo quanto é emerso dalle indagini, della vendita della collanina sottratta al minorenne.

Per i tre giovani coinvolti nell’episodio il pm di turno della Procura della Repubblica di Castrovillari ha disposto gli arresti domiciliari.

Read More

Blocca i Carabinieri e la figlia minore getta droga da balcone, arrestato

Blocca i carabinieri che gli stanno perquisendo la casa per consentire alla figlia undicenne di gettare dal balcone della cocaina. E’ successo a Corigliano Rossano dove un uomo di 38 anni è stato arrestato e posto ai domiciliari per resistenza a pubblico ufficiale e detenzione di stupefacente ai fini dello spaccio.

 

I fatti

Nel corso di un controllo, i militari della Compagnia di Corigliano si sono recati nell’abitazione dell’uomo con l’ausilio dell’unità cinofila “Collins” del Nucleo carabinieri di Vibo Valentia ma, sulle scale che portano al piano superiore dell’edificio, sono stati bloccati con forza dall’uomo. Tutto questo per dare il tempo alla figlia minore di andare nella camera da letto dei genitori e buttare dal balcone un calzino. I carabinieri, però, hanno notato la ragazzina che rientrava dal balcone e l’immediato controllo effettuato sotto l’abitazione ha permesso di trovare il calzino con all’interno un ovetto di plastica che conteneva sei dosi di cocaina. In casa c’era anche tutto il materiale necessario per il confezionamento della droga. Del comportamento assunto dalla ragazzina, alla presenza degli altri fratelli minori, è stato informato il tribunale dei minori di Catanzaro.

Read More

Corigliano Rossano (CS): spaccio di droga, un arresto

Nel fine settimana appena trascorso, personale del Commissariato di P.S. di Rossano, insospettitosi da strani movimenti tenuti da alcuni soggetti pregiudicati per reati specifici e noti quali assuntori di sostanze stupefacenti, procedevano al controllo di esercizio commerciale sito nell’area urbana di Rossano, presso cui gli stessi sostavano.

 

L’accaduto

In particolare due giovani venivano notati uscire frettolosamente dal bagno con il chiaro intento di allontanarsi, per cui venivano prontamente bloccati.

Nel bagno veniva rinvenuta una lastra di vetro specchiato adagiato sul lavabo con sopra della sostanza stupefacente del tipo cocaina, suddivisa in tre strisce.

Grazie al sistema di video sorveglianza si procedeva nell’immediatezza alla visione delle immagini da cui si poteva accertare che pochi minuti prima dell’ingresso del personale di Polizia, A. R. di anni 46, in compagnia di alcuni clienti, dopo aver incassato una somma di denaro da uno di questi, raggiungeva l’uscita del bar per farvi rientro poco dopo. Le immagini immortalavano altresì la cessione che A.R. effettuava in modo rapido con un giovane assuntore.

Il citato A.R. veniva pertanto tratto in arresto e su disposizione della Procura della Repubblica di Castrovillari , sottoposto agli arresti domiciliari.

L’attività si concludeva con la contestazione al titolare dell’esercizio commerciale della sanzione amministrativa per la violazione al DPCM, con contestuale chiusura immediata dell’attività fino a giorni cinque.

Nel medesimo pomeriggio nell’area urbana di Corigliano e specificatamente nella frazione di Schiavonea, un giovane, successivamente identificato per F.D. di anni 19, si aggirava con fare sospetto, attirando l’attenzione degli operatori di Polizia che procedevano ad effettuare una perquisizione personale. Venivano rinvenuti due involucri di cellophane termosaldati contenenti rispettivamente grammi 0.25 di Cocaina e grammi 1.32 di marijuana. Durante una perquisizione estesa anche al domicilio dello stesso, venivano trovati in un armadio posto all’interno della camera da letto in uso al giovane, nr. 6 cartucce calibro 12 di cui lo stesso non sapeva giustificare il possesso. Il predetto veniva deferito all’A.G. competente per il reato di detenzione abusiva di munizionamento, nonché segnalato al Prefetto di Cosenza per la violazione amministrativa ai sensi dell’art. 75 D.P.R. 309/90.

Read More

Non può avvicinare ex ma l’aggredisce per portare via figlio

Avrebbe dovuto stare lontano dall’ex compagna, dalla quale ha avuto un figlio, perché, dal dicembre scorso, gli era stato notificato un divieto di avvicinamento per violenza e atti persecutori, ma l’ha fermata e strattonata per portarle via il bambino.

Il provvedimento

Un uomo di 43 anni è stato arrestato dai carabinieri della compagnia di Corigliano, in esecuzione di una misura cautelare aggravata in carcere per violenza e atti persecutori. L’uomo, nei giorni scorsi, ha avvicinato l’ex compagna e ha tentato di portarle via il figlio con la forza. Al suo rifiuto l’uomo l’ha picchiata fino a quando non è intervenuto l’attuale compagno della donna, aggredito anche lui dal 43enne. Le vittime hanno denunciato quanto accaduto ai carabinieri, i quali si sono avvalsi anche delle testimonianze di quanti erano presenti nel momento del fatto. Da qui l’aggravamento della misura per l’uomo, che è stato portato nel carcere di Castrovillari

Read More

Corigliano Rossano (CS): Satriano lascia la Diocesi, é il nuovo vescovo di Bari

In data odierna, il Santo Padre ha nominato il nuovo Arcivescovo di Bari-Bitonto nella persona di S. E. Mons. Giuseppe Satriano, Arcivescovo di Rossano-Cariati. 

L’annuncio è stato dato alle ore 12:00 dallo stesso Mons. Satriano, nella Chiesa Cattedrale, a conclusione del ritiro del clero.

I sacerdoti, i religiosi, le religiose e i fedeli tutti dell’intera Chiesa che è in Rossano-Cariati, esprimono la loro gratitudine al Signore per i sei anni di servizio episcopale svolto da Mons. Giuseppe Satriano, pastore buono e forte, capace di dimostrare cura e attenzione nei confronti di tutti. Il suo infaticabile ministero episcopale, vissuto con discrezione e umiltà, ha avuto il suo unico fondamento nella Parola di Dio e nel legame profondo con Cristo. 

L’annuncio del suo trasferimento, giunto in modo inaspettato, provoca nel cuore di tutti un senso di smarrimento. Il cammino ecclesiale avviato in questi anni, stava ponendo le basi solide per la creazione della cultura dell’accoglienza, della cura e dell’accompagnamento, generando speranza nel cuore di tutti. La fiducia nella misericordia del Signore, che non lascia mai soli i suoi figli, e la testimonianza di fede offertaci dal nostro pastore, ci incoraggiano a coltivare il sogno di una Chiesa capace di essere umile e ospitale.     

Tutta l’Arcidiocesi di Rossano-Cariati, nella preghiera, affida Mons. Satriano al Signore, affinchè continui a sostenerlo nel suo nuovo servizio, con la certezza che anche la Chiesa di Bari-Bitonto potrà trovare in lui una guida, un padre, un punto di riferimento sicuro.

Comunicato Stampa

 

Qui le parole del nuovo vescovo di Bari-Bitonto:

Corigliano Rossano, 29.X.2020

    Carissimi fratelli e sorelle della Chiesa che è in Bari-Bitonto: pace a voi.

    Vi scrivo con animo pieno di stupore e trepidazione, animato da sentimenti contrastanti a causa dell’inatteso annuncio. La gratitudine e l’affetto maturato per l’Arcidiocesi di Rossano-Cariati, il cammino ecclesiale avviato con le varie realtà in Diocesi e in Regione, il tempo delicato e complesso della pandemia, l’inaspettata notizia con cui mi è stato comunicato di essere il vostro nuovo pastore, suscitano profonda riflessione.

    Ringrazio il Santo Padre per la fiducia dimostrata alla mia persona. Dinanzi alla sua richiesta di essere il vostro nuovo Arcivescovo, avverto la mia inadeguatezza e il limite che abita il cuore, ma al tempo stesso la fiducia e la pace che nascono dal cogliere come il Signore si rende vicino e mai lascia soli i suoi figli. 

Consegnati alla misericordia di Dio, sapremo attingere a quello scrigno di fili preziosi che è il vostro millenario cammino di fede, per continuare a tessere, nell’ordito della storia, la trama di pagine nuove che auspico ricche di fraternità e speranza per tutti.

    In punta di piedi vengo in mezzo a voi come fratello, pellegrino e mendicante di luce, disposto ad abitare le sfide di questo tempo. Lasciandoci condurre dalla forza vivificante del vangelo e sostenuti dal desiderio di camminare insieme, percorreremo strade appassionanti, non lasciando indietro nessuno. Solo se saremo disposti ad accogliere l’inedito di Dio riusciremo a rilanciare percorsi fecondi e gravidi di vita. 

    Saluto con affetto S.E. Mons. Francesco Cacucci, verso cui ho sempre nutrito sentimenti di profonda stima. La sua guida lungimirante ha regalato pagine ricche di grazia alla vita dell’Arcidiocesi. Colgo l’occasione per rivolgere un cordiale e fraterno abbraccio a tutti i vescovi pugliesi nella persona del Presidente della Conferenza Episcopale, S. E. Mons. Donato Negro. 

A tutto il popolo di Dio, ai presbiteri, ai diaconi, ai religiosi, alle religiose, ai monasteri femminili, ai seminaristi e alle Istituzioni del territorio rivolgo l’attenzione profonda del cuore nell’attesa di iniziare il cammino. Con affetto grande saluto le famiglie, i giovani e i bambini, realtà preziose e vitali per il nostro essere Chiesa. Una carezza e una particolare preghiera è per chi soffre e vive ai margini delle nostre comunità.

    Maria Santissima, custode divina della Comunità diocesana di Bari-Bitonto, accompagni e sostenga i passi di ciascuno aiutandoci a vivere, con slancio e generosità, un gioioso sussulto di Chiesa. Tante sono le prove che ci attendono, tanti i volti di cui prenderci cura insieme. 

    Sorretti dall’intercessione di S. Nicola, vescovo attento e premuroso, e di S. Sabino, pastore generoso e di fede ardente, sapremo camminare accanto a chi fatica per vivere ed è smarrito. 

    Da oggi, la preghiera per voi sarà incessante, così come chiedo a ciascuno di custodirmi e di benedirmi con affetto. 

    Vi voglio bene e metto il cuore in festa nell’attesa d’incontrarvi. Pregate per me.

     Giuseppe SATRIANO                                     Arcivescovo eletto di Bari-Bitonto

Read More

Pesca: sequestrati 120 chili tonno privo di tracciabilità

Oltre 120 chili di tonno rosso e tonno alalunga sono stati individuati e sequestrati dalla Guardia costiera all’interno dell’are mercatale del porto di Corigliano Rossano. Il prodotto ittico è risultato privo di etichettatura e tracciabilità.
Il sequestro è stato eseguito in una pescheria nell’ambito di un’attività di tutela delle risorse ittiche e di contrasto alla pesca illegale posta in essere dalla Guardia costiera di Corigliano Rossano. Nel corso delle verifiche, protrattesi per l’intero arco della giornata, i militari della Capitaneria di porto hanno individuato il quantitativo di prodotto contestando al responsabile dell’esercizio commerciale una sanzione amministrativa pari a 6.000 euro. L’intero pescato sequestrato è stato successivamente ispezionato dai medici veterinari dell’Azienda sanitaria provinciale di Cosenza che ne hanno dichiarato la non idoneità al consumo umano.

Read More

Picchia la moglie davanti a figlio minorenni, arrestato

Avrebbe minacciato e sottoposto a violenze fisiche la moglie per oltre dieci anni, anche in presenza dei figli minorenni. Un uomo di 29 anni è stato arrestato e posto ai domiciliari dai carabinieri della compagnia di Corigliano per maltrattamenti in famiglia aggravati. La misura cautelare è stata emessa dal gip del tribunale di Castrovillari, su richiesta della Procura. L’uomo, sin dall’inizio della vita coniugale, secondo l’accusa, avrebbe aggredito la moglie, verbalmente e fisicamente, in più occasioni e per futili motivi, spesso in presenza dei figli minori. In una circostanza avrebbe colpito la donna al torace, provocandole vari lividi, solo per farla rincasare mentre era intenta a giocare con i figli nel giardino di casa. La donna, dopo aver taciuto per anni, è andata via di casa con i figli e ha denunciato il marito ai carabinieri, i quali si sono avvalsi anche di testimoni e dei messaggi contenenti le minacce. La vittima, che si era rivolta anche ad un centro antiviolenza, si trova in una località protetta insieme ai suoi figli.

Read More

Corigliano- Rossano(CS): violazione urbanistica, sequestrati preventivamente alcuni manufatti del complesso dei Carmelitani

Violazione alla normativa urbanistica. Per questo  reato l’amministratore unico di una ditta edile è stato deferito alla Procura della Repubblica di Castrovillari da parte dei militari della Stazione Carabinieri Forestale di Corigliano. La denuncia arriva a seguito del Decreto di sequestro preventivo di cinque manufatti emesso dal GIP del Tribunale di Castrovillari relativo al complesso dei Carmelitani nelle adiacenze della Chiesa del Carmine nel comune di Corigliano-Rossano area urbana di Corigliano. Il sequestro effettuato per violazioni edilizie riguarda cinque manufatti, di proprietà dello stesso imprenditore, alcuni in parte già ricostruiti tra cui un ex convento, due ex lanifici, un ex concio della liquirizia ed un ex alloggio dipendenti. Tali strutture che costituiscono il complesso dei carmelitani hanno comportato l’ampliamento del volume delle strutture e la modifica della sagoma e sono stati eseguiti senza titoli abilitativi. L’area inoltre è sottoposta a vincolo paesaggistico ambientale e ricade in zona a rischio inondazione. Per quanto riguarda gli interventi che hanno interessato la chiesa medievale della Madonna del Carmine e relativo campanile questi sono stati effettuati ai in assenza del dovuto parere della Soprintendenza essendo la facciata della chiesa ed il campanile sottoposti a vincolo culturale storico.

Read More

Controlli alla “movida”: chiusi due esercizi pubblici a Corigliano-Rossano

Nel fine settimana appena trascorso sono stati effettuati una serie di controlli congiunti da parte dei militari della Compagnia Carabinieri di Rossano e dagli agenti del Commissariato di P.S. di Corigliano Rossano, con particolare attenzione al rispetto delle normative vigenti in materia di emergenza sanitaria.

Nella serata di sabato, infatti, sono state passate al setaccio le zone della cd. “movida”: locali ed aree pubbliche notoriamente frequentate, in particolare in orario serale, da parte di molti giovani. A seguito delle verifiche, sono state rilevate una serie di violazioni legate in particolar modo agli assembramenti all’interno o in aree di pertinenza di esercizi commerciali e pubblici nonché sono stati controllati vari cittadini in relazione all’utilizzo dei dispositivi individuali di protezione all’aperto in presenza di altre persone.

All’esito dei controlli, accertate le violazioni alle citate normative, sono state elevate due sanzioni amministrative per un importo complessivo di euro 800,00 e, date le circostanze, si è ritenuto necessario disporre la chiusura per cinque giorni di due noti esercizi pubblici dell’area rossanese, in quanto venivano riscontrati assembramenti senza il rispetto delle previste distanze di sicurezza.

Nel corso delle medesime verifiche, inoltre, sono stati sanzionati due giovani per un importo complessivo di euro 800,00 in quanto gli stessi sono stati sorpresi mentre si trovavano in compagnia di altre persone senza indossare un’idonea protezione delle vie respiratorie.

Nel complesso dei servizi sono state controllate oltre trecento persone e oltre centocinquanta veicoli, nonché elevate undici contravvenzioni al codice della strada per un importo complessivo di oltre duemila euro.

Le forze dell’ordine, nell’occasione, hanno ricordato ai molti giovani che vivono la movida, l’importanza del senso di responsabilità nel rispetto delle normative vigenti in materia di emergenza sanitaria.

Read More
Guarda on-line le nostre notizie