Corigliano-Rossano

Corigliano Rossano (CS): evade dai domiciliari, arrestato 40enne

I Carabinieri della Compagnia di Corigliano Calabro hanno tratto in arresto un 40nne del posto, per evasione dagli arresti domiciliari.
Nel corso di un controllo l’uomo, ai domiciliari dal 2017, non é stato trovato in casa perché autorizzato a svolgere attività lavorativa presso un’azienda agricola locale, ma, nel corso di un ulteriore controllo, i militari hanno scoperto che il 40enne in oltre due anni non aveva mai iniziato a lavorare tanto da non risultare neppure assunto dal titolare. Pertanto l’uomo, é stato tratto in arresto per il reato di evasione.

 

Read More

Nuovo ospedale Sibaritide. Graziano: «Necessario metodo verifica costante»

CORIGLIANO-ROSSANO – Lunedì, 6 Luglio 2020 – «“Entro il mese di luglio si procederà all’avvio dei getti delle fondazioni del nuovo ospedale”. Questo è quanto scriveva il Concessionario “Ospedale della Sibaritide SCpA” appena venti giorni fa, annunciando l’apertura dei cantieri per la realizzazione della grande infrastruttura sanitaria in contrada Insiti. Stamattina sono stato sui luoghi in cui dovrà sorgere l’opera riscontrando la messa in opera di una parte della grande gru a torre per la movimentazione dei materiali. Rimango vigile e attento sul rispetto del cronoprogramma dei lavori e a cadenza settimanale sarò sul posto per registrare l’avanzamento delle attività di cantiere».

È quanto dichiara il presidente del Gruppo UDC in Consiglio regionale, Giuseppe Graziano, che stamani (lunedì 6 luglio) ha effettuato un sopralluogo esterno all’area cantiere del costruendo nuovo ospedale della Sibaritide per verificare la corretta attuazione del programma di intervento che l’impresa appaltatrice ha comunicato nei giorni scorsi alla Regione Calabria.

«Settimanalmente – ribadisce ancora Graziano – sarò sull’area cantiere per rendermi conto di persona dello stato dell’opera. A breve, però, chiederò un incontro con i dirigenti dei lavori per fare il punto sullo stato di avanzamento delle diverse fasi finora realizzate e su quelle che dovranno essere realizzate. E sarà, da parte mia, un atto di metodo perché il nuovo ospedale della Sibaritide è una priorità di questo governo regionale e deve diventare presto realtà per rimettere in pari il diritto alla salute in un territorio che è stato depredato di tantissimi servizi assistenziali».

«Tra l’altro – aggiunge il capogruppo dell’UDC – chiederò alla Commissione regionale Sanità, non appena si sarà insediata, di avviare tra i primi atti una ricognizione sui cantieri di tutti i nuovi ospedali della Calabria per verificare che tutto proceda secondo programma».

«Lo scorso 17 giugno a Insiti sono ripartiti i lavori del nuovo ospedale della Sibaritide. Questo, dopo che il concessionario dell’opera aveva comunicato di essere pronto per “l’avvio delle attività di cantierizzazione definitiva dell’intervento con l’allestimento della logistica di cantiere e l’installazione delle gru a torre per la movimentazione dei materiali. Completata questa fase preparatoria – era scritto nella comunicazione di Ospedale della Sibaritide SCpA si procederà, secondo cronoprogramma di progetto, con i lavori esterni all’area ospedaliera (viabilità, reti di servizi e sistemazioni a verde) e di realizzazione dell’edificio tecnologico. Nel frattempo il Concessionario perfezionerà gli adempimenti necessari alla pianificazione di dettaglio dell’opera principale (programma esecutivo, piano di qualità, piano dei controlli), che consentiranno, entro il mese di luglio, l’avvio dei getti delle fondazioni del Nuovo Ospedale”. Mi sembra –  conclude Graziano – che al momento siamo in ritardo rispetto alla tabella di marcia».

Read More

Corigliano-Rossano. Graziano: la gita di Belletini non risolve i problemi della sanità

«Bene l’inaugurazione della nuova Tac nello spoke di Corigliano-Rossano, molto bene anche la prossima apertura del nuovo laboratorio Covid, sempre nello stesso presidio, con l’installazione di una nuova e moderna strumentazione per processare i tamponi in vista di una possibile seconda e più violenta ondata pandemica. Entrambe le apparecchiature sono state acquistate con i soldi della Regione Calabria e per volere del presidente Santelli anche su nostra sollecitazione. Peccato, però, che l’invito a partecipare all’iniziativa di stamani sia arrivato appena un quarto d’ora prima dell’inizio della cerimonia. Eppure avremmo voluto esserci, non tanto per presenziare piuttosto per chiedere al commissario dell’Asp Simonetta Bettelini come mai ancora mancano medici nei nostri ospedali, quali sono i provvedimenti che si stanno attuando per avviare subito le procedure per la riapertura dell’Utic nel reparto di Cardiologia o per sapere, ancora, perché l’Azienda sanitaria di Cosenza è, probabilmente, l’unica in Italia a non aver ancora riattivato gli ambulatori intramoenia dopo il lockdown».

 

È quanto dichiara il Presidente del gruppo UDC in Consiglio regionale, Giuseppe Graziano, ai margini della cerimonia inaugurale del nuovo scanner per la tomografia assiale computerizzata, tenutasi stamani nei locali dello stabilimento ospedaliero “Giannettasio” di Corigliano-Rossano.

«Che bello – precisa Graziano – fare le passerelle e prendersi meriti per nuovi servizi sui quali l’Asp di Cosenza, a dire il vero, non ha mosso nemmeno un dito. Se oggi Corigliano-Rossano ha una nuova Tac e domani avrà un laboratorio per l’analisi dei tamponi covid buona parte del merito è della Regione Calabria che ha messo i soldi per acquistare le strumentazioni. Dall’azienda sanitaria e dalla struttura commissariale regionale, invece, aspettiamo ancora che si mettano in campo iniziative adeguate per garantire tutti i servizi sanitari previsti non solo nello spoke di Corigliano-Rossano ma in tutti i nosocomi della provincia. Continua a rimanere senza risposta –ricorda Graziano – infatti, il caso degli ambulatori ospedalieri che ancora, a distanza di un mese e mezzo dalla loro riattivazione su scala nazionale, da noi non funzionano e i cittadini per le visite specialistiche sono costretti a rivolgersi agli studi privati sborsando di tasca propria. Perché? E vale a poco dire “prima di me c’era un altro, io sono arrivata adesso e non conosco bene la situazione”. Il commissario Bettelini – precisa il capogruppo UDC – è un manager aziendale messo a capo dell’Asp dal Governo e dal Ministro Speranza così come, prima di lei, anche il commissario Zuccatelli. Fanno tutti parte della stessa filiera di pensiero. E quindi l’una è consequenziale all’altro. E tutto il tempo che in queste settimane si sta perdendo senza erogare servizi assistenziali di base ai cittadini e lasciando interi reparti ospedalieri privi di medici e di attrezzature non ha alcuna tollerabile giustificazione. Quindi, bene la passerella di oggi a Corigliano-Rossano, dove magari il neo-commissario ha potuto apprezzare le bellezze paesaggistiche ed il caldo sole di questa terra, ma basta giustificazioni, basta attenuanti: l’Asp – conclude – si determini presto e dia risposte agli utenti e un migliore accesso al diritto alla salute».

Read More

Corigliano Rossano: controlli antimovida selvaggia nei locali di Schiavonea

Nel week end appena trascorso i carabinieri di Corigliano Rossano hanno effettuato numerosi controlli  nei confronti di locali notturni anche con l’ausilio specializzato del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Cosenza. Le ispezioni hanno riguardato in modo particolare i locali di piazza Portofino di Schiavonea. Nei confronti di uno è stata sospesa l’attività perché è stato rinvenuto oltre il 20% del personale dipendente in nero. Al titolare, sono state  contestate anche le sanzioni amministrative per il mancato rispetto dei protocolli di sicurezza per contrastare la diffusione del Covid-19 e per la somministrazione di alcolici ad un minorenne. L’importo totale delle sanzioni ammonta a circa 17 mila euro.

In un’altra attività commerciale sono invece risultati non rispettati le misure ed i protocolli da attuare in tema di contenimento del Covid-19, oltre ad essere accertata la somministrazione di alcoli ad un minorenne. Anche in questo caso sono scattate salate sanzioni pecuniarie nei confronti del titolare.

Read More

Corigliano Rossano(CS): Arbëria porta Denise Sapia sulle principali piattaforme on demand

Arbëria, il pluripremiato Film di Francesca Olivieri prodotto dalla Open Fields Production e che vede tra i protagonisti anche la giovane attrice calabrese Denise Sapia, è fruibile anche sulle piattaforme on demand di Amazon Prime, Chili, The Film Club e Google Play. Grazie alla collaborazione tra Minerva Pictures e Lago Film, ora la pellicola è disponibile per la visione su Smart Tv, Pc, Smartphone e tablet. Un grande risultato che apre nuove strade e orizzonti ad attori e produttori che hanno partecipato al lungometraggio. È quanto fa sapere soddisfatto Eugenio Piovosa, agente cinematografico di Denise Sapia, attrice che veste i panni “dell’alter ego” o se vogliamo della “voce della coscienza” della protagonista. Un personaggio complesso dal grande valore drammaturgico.«Siamo soddisfatti di questo grandioso risultato». Dice con orgoglio Eugenio Piovosa. «Non è facile – aggiunge – e non è scontato entrare nella playlist di queste piattaforme on demand. Certo, dopo i numerosi riconoscimenti e l’attenzione della critica di questo capolavoro, che trova nella nostra attrice Denise Sapia una delle sue interpreti più vere e genuine, non rimaniamo molto sorpresi, ma di sicuro molto fiduciosi sugli scenari futuri che da qui a breve potrebbero aprirsi – conclude – per tutti coloro che hanno collaborato alla realizzazione del film». Ricordiamo che Arbëria, riconosciuto “Film d’essay“ dalla Direzione generale Cinema del Ministero dei Beni Culturali, racconta il ritorno alle origini da parte di Aida, una giovane donna arbereshe, intraprendente e autonoma, che deve fare i conti con la propria identità sociale e culturale.  Attraverso gli occhi della protagonista, interpretata da Caterina Misasi, la regista – la cui famiglia ha radici nel piccolo borgo arbëreshë di Santa Caterina Albanese – vuole affrontare il tema della riscoperta della propria identità e, soprattutto della ricucitura degli strappi con essa e i suoi stringenti vincoli. Il film si fa carico anche del ricordo di un’intera comunità, quella degli arbëreshë, che ha dato origini al territorio dell’Arbëria – un enclave di Albania in Italia – per sfuggire dalle persecuzioni subite tra il XV ed il XVIII secolo, e la cui cultura oggi rischia di scomparire sotto il peso di una omologante cultura globale.

Read More

La danza riparte grazie ad una compagnia calabrese

La compagnia calabrese Create Danza, con sede a Corigliano Rossano sulla costa Jonica presso la scuola FD StudioDanza ha deciso di aprire le porte e non rimandare a settembre il ritorno in sala.

Dopo mesi di lockdown il direttore artistico Filippo Stabile, danzatore e coreografo di talento internazionale, ha voluto riattivare il suo lavoro coinvolgendo, attraverso un progetto intitolato Shared Training, molti artisti, professionisti della danza tornati in terra madre,  alle loro residenze, dopo l’emergenza!

Un momento difficile per il mondo della danza, un’arte che si basa sulla vicinanza e il contatto fisico, molti artisti hanno dovuto rinunciare al proprio lavoro, ma Create Danza  non ha smesso di crederci e di creare opportunità, dando coraggio ad una terra piena di talenti e bellezze.

Un grande messaggio: “LA CALABRIA CHE DANZA E RIPARTE INSIEME!” È questo lo slogan del progetto, un allenamento condiviso che oltre ad apprendere tecniche ed esperienze di coreografi e danzatori professionisti, rimette in moto il territorio culturale calabrese.

Condivisione e passione sono gli strumenti più belli e necessari per poter ricominciare tutti insieme.

La sede di Create Danza è nuovamente attiva e lo sarà ancora per tutto il mese di luglio.  Secondo le nuove disposizioni governative ogni martedì e giovedì decine di allievi, appassionati e professionisti si incontrano per ritrovare il piacere di danzare, continuando a dare valore al proprio lavoro e alla propria arte.

Lo shared training vuole essere un momento di unione, un servizio aperto a tutti coloro cha hanno l’esigenza di esprimersi attraverso il corpo, lezioni di tecnica classica, danza moderna, laboratori di ricerca del movimento, danza contemporanea, una vasta scelta di lezioni tutte a numero chiuso.

La Calabria continuerà a danzare con Elena Mandolito, Carola Puglisi, Alex Rambo Esposito, Marianna Chiarelli, Salvatore De Simone, Alice Celestino , Angela Abbruzzese, Giorgia Conte, Valentina Militano, Renato Capalbo, Greta Martucci, Veronica Tundis, Francesco Lappano, le stelle di questo prezioso progetto.

 

Read More

In trasferta per eseguire furti. Arrestato dai carabinieri un 26enne di Corigliano (CS)

I Carabinieri della Compagnia di Corigliano Calabro hanno tratto in arresto nella giornata di ieri un 26enne coriglianese, resosi responsabile del reato di furto aggravato.
I fatti raccontano che una pattuglia dei Carabinieri della Stazione di Villapiana durante un servizio perlustrativo del territorio, fosse inviata dalla Centrale Operativa di Corigliano Calabro su un terreno agricolo sito nella Contrada Torre di Fergie, in zona Villapiana Lido, poiché il proprietario dello stesso aveva sorpreso un uomo intento a rubare i suoi agrumi. I militari appena giunti sul posto in effetti trovavano un uomo vestito con una tuta da lavoro e degli stivali per proteggersi dal terreno fangoso, il quale aveva già riempito, senza alcuna autorizzazione del titolare, ben quattro sacchi di plastica con arance sottratte agli alberi insistenti sul fondo. Il soggetto fermato veniva identificato in M.B. 26enne coriglianese, gravato da diversi precedenti, anche specifici, che si era introdotto sul terreno agricolo dopo aver scavalcato la recinzione perimetrale. Il totale delle arance che era riuscito a sottrarre ammontava a circa 150 kg, che venivano riconsegnate dai Carabinieri al legittimo titolare. Il 26enne, invece, d’intesa con il Sostituto Procuratore di turno arrestati della Procura della Repubblica di Castrovillari, veniva tratto in arresto per il reato di furto aggravato e sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari presso la sua abitazione sita a Corigliano Calabro in attesa di essere giudicato con rito direttissimo.

Read More

Inchiesta Demetra, Gallo: “regione pronta a costituirsi parte civile”

“Chiederò che la Regione si costituisca parte civile”. Lo annuncia l’Assessore regionale all’Agricoltura, Gianluca Gallo, in riferimento all’inchiesta “Demetra”. “La Regione, attraverso una serie di iniziative messe in campo anche di recente, nel lavoro di concertazione con le Prefettura – dice l’Assessore – è convintamente impegnata a sostenere azioni di contrasto al caporalato e, più in generale, allo sfruttamento dei lavoratori.Nell’esprimere apprezzamento per le indagini svolte dai finanzieri del Comando provinciale di Cosenza sotto il coordinamento della Procura di Castrovillari, al fine di ribadire con nettezza anche simbolica questa nostra posizione, inviterò la Giunta regionale a disporre, a tempo debito, la costituzione in giudizio della Regione quale parte civile nel processo che scaturirà dall’inchiesta, sin d’ora consapevole che tale richiesta sarà condivisa da tutti i miei colleghi ed in primis dal presidente Santelli, la cui attenzione alla tutela dei diritti dei lavoratori è massima”.

Read More

Campana (CS): ucciso un uomo di 34 anni

A pochi giorni di distanza dall’omicidio di Francesco Elia, un altro agguato ha scosso la provincia di Cosenza. Un uomo di 34 anni, Saverio Santoro, è stato infatti ucciso nel comune di Campana.

Il cadavere dell’uomo é stato ritrovato questa mattina nella sua auto in una zona di campagna lontana dal centro abitato. Santoro, pregiudicato, secondo una prima ricostruzione da parte degli inquirenti, sarebbe stato raggiunto da alcuni colpi di arma da fuoco.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Rossano.

 

 

Read More

Corigliano-Rossano: coppia arrestata per spaccio di droga

Nel pomeriggio di ieri, la Polizia di Stato di Corigliano-Rossano ha tratto in arresto in flagranza G.S. e la coniuge R.E.A., ambedue di anni 25. L’accusa parla di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

I poliziotti, notando persone conosciute come consumatori di sostanze stupefacenti, hanno seguito la “scia” notando che si recavano tutti nel parcheggio di un noto centro commerciale e hanno notato che i due arrestati, dall’interno della loro autovettura, distribuivano degli involucri.

Bloccata l’auto con a bordo i coniugi, venivano effettuate le relative perquisizioni e venivano rinvenuti due involucri in cellophane, contenente sostanza stupefacente del tipo Eroina per un peso totale di gr.40.

In seguito, le perquisizioni venivano estese anche alla residenza degli arrestati, dove venivano rinvenuti altri 13 grammi di eroina, la cifra totale di 3470 euro e materiale utile al confezionamento.

L’uomo è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Castrovillari mentre per la coniuge  sono scattati gli arresti domiciliari.

 

Read More
Luglio: 2020
LMMGVSD
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031 

Instagram

Categorie

Archivi