Cronaca

Maltempo: la Regione Calabria he chiesto lo stato d’emergenza

La Giunta regionale della Calabria, nel corso della seduta di ieri, ha approvato la delibera con la quale si chiede al governo nazionale la dichiarazione dello stato di emergenza per i territori della fascia ionica delle province di Crotone e Cosenza colpiti dagli eccezionali eventi meteorologici e idrogeologici avvenuti dal 20 al 23 novembre scorsi”. Lo riferisce un comunicato dell’ufficio stampa dell’esecutivo.”Questa mattina, alle 11.30, l’esecutivo regionale – si aggiunge nella nota – sarà presente nella sede del Comune di Crotone come segno di vicinanza a tutte le comunità danneggiate dall’ultima ondata di maltempo.

La Giunta, nell’occasione, prenderà atto delle misure necessarie per consentire una rapida risoluzione dell’emergenza”.  “Dopo aver visitato i luoghi più colpiti assieme al ministro Boccia e al capo della Protezione civile Borrelli, e dopo aver incontrato il prefetto Tombesi, il sindaco Voce, i parlamentari del territorio e i delegati di tutte le associazioni di volontariato- afferma il presidente facente funzioni della Giunta, Nino Spirlì – stamane tornerò, con tutta la giunta regionale, a incontrare i rappresentanti dei cittadini e delle categorie piegati dal disastro di questi ultimi giorni.

Fortunatamente non c’è stata nessuna vittima, ma i danni alle popolazioni, alle imprese, alle cose, alle coltivazioni, sono ingenti: ecco perché abbiamo deliberato lo stato di calamità naturale e chiesto al Governo lo stato di emergenza. Crotone e il suo territorio e l’Alto Cosentino ionico sono anche terre di grandissimi tesori dell’arte e della cultura. Anche ad essi va tutta la mia attenzione e il mio impegno per il loro recupero dopo questo ennesimo danno”.

Read More

Alluvione Crotone: anche la Basilicata invia volontari

«Desidero ringraziare il presidente Vito Bardi per il concreto aiuto fornito dalla Regione Basilicata agli alluvionati di Crotone». Lo afferma il presidente facente funzioni della Regione Calabria, Nino Spirlì. Il dipartimento regionale della Protezione civile della Basilicata ha disposto l’invio di sei squadre, per un totale di 25 volontari per rischio idrico. «L’aiuto della Basilicata – conclude Spirlì – segue quello di Campania e Puglia e dimostra uno straordinario spirito di solidarietà tra regioni che va sottolineato e apprezzato».

 

Read More

Maltempo: situazione migliora a Crotone, inizia conta danni

Si spala il fango stamani a Crotone. La gente ha approfittato di una pausa della pioggia per iniziare a pulire abitazioni e locali commerciali che si trovavano ai piani bassi dei palazzi.

Colpite soprattutto le strade principali del commercio Crotonese: via Mario Nicoletta, via Cappuccini, via spiaggia delle Forche e tutta la zona di via Marinella. Strade dissestate e allagamenti invece si registrano nelle contrade sia a nord che a sud della città; grave anche la situazione a Cirò Marina dove tutto il centro abitato è stato allagato dalla bomba d’acqua caduta nella notte tra sabato e domenica, quando si sono registrati quasi 450 mm di pioggia.
Stamani la situazione meteo sembra più tranquilla e, dopo le precipitazioni anche della notte scorsa, dalle 8 ha smesso di piovere. Sul territorio, già da ieri sera, sono operative le colonne mobili dei Vigili del fuoco e della Protezione civile giunte da Puglia e Campania, ma anche da altri comandi provinciali dei pompieri della Calabria che si stanno adoperando per verificare i danni e svuotare i sotterranei e i garage allagati dall’esondazione di diversi canali. Sotto controllo invece il fiume Esaro i cui argini hanno tenuto.

Le parole di Borrelli

“A Crotone la situazione è in via miglioramento, adesso andremo con il ministro Boccia per un sopralluogo, ma sono stato in costante contatto con i colleghi della Regione che hanno fatto un ottimo lavoro”. Lo ha detto il capo della Protezione Civile nazionale Angelo Borrelli, a Cosenza, insieme al ministro per gli Affari regionali e le Autonomie Francesco Boccia che in mattinata sarà a Crotone per un sopralluogo.

Read More

Crucoli (KR): scoperto fabbricato abusivo in area rurale

Un fabbricato abusivo in corso di edificazione è stato sequestrato nei giorni scorsi dai carabinieri a Crucoli in un’area rurale. L’opera, secondo le verifiche effettuate presso l’ufficio tecnico comunale, era priva di atti d’assenso per l’edificazione. Il proprietario del terreno è stato denunciato per costruzione abusiva.

 

I controlli

Nel corso di controlli nel territorio i militari della stazione CC Forestale Cirò hanno notato un uomo intento ad eseguire lavori di saldatura in un fabbricato non ancora ultimato. Il manufatto avente struttura interamente in conglomerato cementizio armato, è stato realizzato in aderenza ad un altro preesistente. Al momento del sopralluogo presentava ancora i puntelli del solaio, circostanza che avvalorerebbe la recentissima realizzazione. Presenta i caratteri distributivi funzionali di un locale per il ricovero di materiali e attrezzi per l’attività agricola.

In seguito a richiesta dei militari il responsabile dell’ufficio tecnico comunale, titolare del controllo dell’attività urbanistica – edilizia nel territorio, ha accertato l’inesistenza di titoli abilitativi legittimanti l’edificazione.

Il fabbricato, realizzato in area sottoposta a vincolo idrogeologico, è stato posto sotto sequestro per impedire il proseguimento della condotta illegale. Il proprietario del terreno, un uomo di 42 anni nato e residente nel Cirotano, è stato denunciato alla Procura della Repubblica per violazione della normativa edilizia.

È l’ennesima costruzione abusiva scoperta dai carabinieri forestali nel corso dell’anno nel territorio del Crotonese. Con l’obiettivo di prevenire l’edificazione caotica e il consumo di suolo il Gruppo CC Forestale Crotone invita i cittadini – i primi tutori del territorio in cui abitano – a segnalare presunte costruzioni abusive alle Autorità.

Read More

Praia a Mare: si ribalta mezzo pesante, chiusa la SS 18

In Calabria è provvisoriamente chiusa al traffico, in entrambe le direzioni, la strada statale 18 “Tirrena Inferiore” a Praia a Mare, in provincia di Cosenza, in corrispondenza del km 252.4, per consentire le operazioni di rimozione di un mezzo pesante ribaltato.

Per i veicoli leggeri che viaggiano in direzione Salerno sono previste deviazioni in loco al km 253, in località San Nicola Arcella. Per coloro che viaggiano in direzione Reggio Calabria, la deviazione è al km 251.4 in località Praia a Mare. Il traffico, invece, è bloccato per tutti i veicoli pesanti fino al completamento delle operazioni di rimozione del mezzo.

Sul posto sono presenti i Vigili del Fuoco, Forze dell’Ordine e squadre Anas impegnate nella gestione della viabilità.

Read More

Taurianova (RC): tenta la fuga in monopattino dopo aver acquistato droga, arrestato

Tenta di sfuggire all’arresto a bordo del suo monopattino dopo aver comprato della cocaina, ma la fuga di Antonio Larosa, 38enne di Taurianova, gravato da plurimi precedenti di polizia, finisce su un gradino che gli fa perdere l’equilibro, facendolo cadere a terra. L’uomo è stato quindi arrestato in flagranza nella tarda serata di ieri dai Carabinieri della Compagnia di Taurianova insieme ai due venditori della sostanza, Rocco Restuccia, 33enne e  Francesco Demari, 29enne, entrambi di Rosarno e già gravati da precedenti di polizia, ritenuti responsabili della compravendita di circa 5 gr di cocaina in “pietra”, avvenuta con una particolare dinamica nelle strade di Taurianova.

 

I fatti

Nel dettaglio, i carabinieri della Stazione di San Martino di Taurianova e della Sezione Radiomobile della Compagnia, durante il servizio di pattuglia, hanno notato un anomalo scambio in strada tra un uomo all’interno di una autovettura e altro soggetto a bordo di un monopattino. I sospetti dei militari si sono concretizzati quando, nell’avvicinarsi per il controllo, l’uomo sul monopattino, poi identificato nel LAROSA, ha iniziato una rocambolesca fuga per strada terminata però poco dopo cadendo rovinosamente a terra dopo aver perso l’equilibrio. I carabinieri hanno quindi prontamente fermato anche l’autovettura, a bordo della quale erano presenti i due rosarnesi, e hanno bloccato il LAROSA che nel frattempo tentava anche di fuggire a piedi. I militari hanno sottoposto i fermati a perquisizione, rinvenendo nelle tasche del RESTUCCIA e del DEMARI circa 1.000 euro in contanti in banconote di vario taglio, ritenuto provento dell’attività delittuosa, nonché della marijuana nell’autovettura, e proprio nel luogo dove era caduto il taurianovese, una busta in cellophane contenente circa 5 gr di sostanza stupefacente del tipo cocaina “in pietra”, oggetto dello scambio.  I tre sono stati tratti quindi in arresto in flagranza di reato per detenzione e spaccio di sostanza stupefacenti, e quindi condotti i due rosarnesi alla casa circondariale di Palmi e l’acquirente taurianovese ristretto agli arresti domiciliari, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Palmi, in attesa del giudizio di convalida.

Read More

Conte: tutto il sostegno necessario ai calabresi

Oggi arriva in Calabria, ed anche a Crotone, il Ministro per gli Affari Regionali, Francesco Boccia, ed il Capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli. Già da ieri, però, il Premier Giuseppe Conte aveva lanciato un messaggio di vicinanza ai calabresi.

 

Le parole di Conte

“Seguo con massima attenzione – ha detto Conte – l’evolversi della situazione in Calabria, colpita in queste ore da violenti nubifragi. Domani il capo del Dipartimento della Protezione Civile Borrelli sara’ a Crotone per una prima stima dei danni. Dal Governo tutto il sostegno necessario al territorio e ai cittadini calabresi“.

 

Read More
Guarda on-line le nostre notizie