Politica

Dipignano (CS): alle Amministrative vince “la lista dei giovani” di Sorcale

Dipignano, splendido paese alle porte di Cosenza, dal cielo di rame, riconosciuto dalla sua storia per essere la culla degli artigiani ramai e ricco di storia e tradizioni storico- folcloristico, si fa travolgere dal vento del cambiamento. Quel piacevole vento che quando soffia spazza via ogni impurità e vetusta logica radicata sul territorio. Gaetano Sorcale , nuovo sindaco di Dipignano, con la sua lista civica “RinnovaMenti” abbatte le altre cinque liste in corsa per la nuova giunta comunale con netto distacco. Sorcale, docente Unical ed esperto di diritto internazionale dal curriculum eccezionale, vanta anche una collaborazione con il Presidente USA Barack Obama. I Dipignanesi hanno abbandonato la vetusta politica per abbracciare una nuova idea di politica che avvicina i cittadini agli amministratori in un rapporto di reciproca collaborazione e  in grado di contribuire allo sviluppo del territorio che presenta  da molteplici e complessi  problemi ereditati dalle vecchie amministrazioni  che  non sono state in grado di affrontare e incapaci di dialogare con l’Europa al fine di programmare e spendere con benefici dei territori, i fondi comunitari. Un grandissimo in bocca al lupo e auguri di  buon lavoro al neosindaco Sorcale e alla sua nuova giunta comunale. Come ha detto il primo cittadino a chiusura dell’ultimo comizio tenuto dalla lista, usando le parole della ex First Lady, Michelle Obama, durante un suo  intervento a sostegno del marito ““When they go low, we go high” ovvero “ quando gli altri volano basso, noi voliamo in alto”.

Read More

Comunali:Crotone verso il ballottaggio, fuori centrosinistra

Sarà il ballottaggio a decidere chi tra Antonio Manica, avvocato tributarista candidato del centrodestra, e Vincenzo Voce, ingegnere candidato di una coalizione civica, sarà il prossimo sindaco di Crotone. La tendenza a scrutinio ancora aperto è infatti questa con i due candidati che hanno ricevuto più voti che si attestano rispettivamente al 45% ed il 33% con 16 sezione scrutinate su 74.
Un risultato comunque sorprendente perché Manica, supportato da dieci liste – tra cui Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia – non è riuscito a vincere al primo turno come indicavano le previsioni della vigilia. “Abbiamo ottenuto un risultato soddisfacente – dice proprio Manica -. Lo avevamo previsto, ma non era così scontato, anche alla luce degli exit poll di ieri (che davano Voce davanti, ndr). Adesso dobbiamo convincere gli indecisi della bontà di un progetto preciso, concreto volto a ridisegnare il futuro della nostra città. Da domani riprenderemo a lavorare per precisare meglio all’elettorato la visione che ho dei problemi che affliggono Crotone e le soluzioni che intendo adottare”.
Enzo Voce, ingegnere chimico ed insegnante alle scuole superiori, stamani è stato a scuola, al consiglio d’istituto.
Nel pomeriggio si è spostato al quartier generale della sua coalizione composta da 4 liste. “Il risultato è straordinario – dice – perché è un movimento civico che andrà al ballottaggio con una corazzata di dieci liste del centrodestra. Dobbiamo verificare che Manica non raggiunga il 50% con i voti di lista perché a rischio l’eventuale premio di maggioranza. Per il ballottaggio come abbiamo sempre detto, non faremo alcun apparentamento. Andremo da soli e decideranno i crotonesi”.
Delusione invece per Danilo Arcuri, candidato del centrosinistra avendo il supporto, tra le sue cinque liste, del Pd cittadino (anche se non aveva ottenuto il simbolo del partito a causa dei dissidi interni ai dem crotonesi con la federazione provinciale, commissariata, che non lo ha sostenuto) e dei movimenti di Enzo Sculco. “Un risultato che non è sconvolgente – dice Arcuri -, ma ci dà la possibilità di avviare il nuovo progetto. Per il ballottaggio dobbiamo analizzare il voto e riflettere nella coalizione per vedere i possibili scenari”.

Read More

Comunali: proiezioni danno ballottaggio a Reggio e Crotone

Ballottaggio al Comune di Reggio Calabria ed a quello di Crotone. E’ quello che si prospetta in base alle proiezioni realizzate da Opinio Italia per la Rai – con una copertura del campione del 41% – sulle consultazioni negli unici due capoluoghi di provincia chiamati al voto nell’election-day di domenica e lunedì. A Reggio Calabria il sindaco uscente Giuseppe Falcomatà, del centrosinistra, sarebbe ora al 37,8%, superando il suo sfidante Nino Minicuci del centrodestra, fotografato al 33,7%. A Crotone Antonio Manica, del centrodestra, è dato al 39,4, mentre Vincenzo Voce, candidato di liste civiche, è al 35,5%. Il candidato del centrosinistra Danilo Arcuri è al 20,2 e Andrea Correggia del M5s al 4,9%.

Lo spoglio dei voti, iniziato stamani alle 9, sta procedendo a rilento. Secondo i dati del Ministero del’Interno, a Reggio sono state scrutinate le schede di 18 sezioni su 218 ed a Crotone di 3 su 74.

Read More

Elezioni Castrovillari: posizione cristallizzata. Sarà ballottaggio tra il centrodestra e il centrosinistra

E’ ormai chiaro che il futuro sindaco di Castrovillari verrà deciso al ballottaggio, previsto tra due settimane. A contendersi il ruolo di primo cittadino sono l’uscente Mimmo Lo Polito, candidato per il centrosinistra e Giancarlo Lamensa, candidato per il centrodestra.

I dati, aggiornati alle ore 15.00, vedono al 43,60% Lamensa; al 37,10% Lo Polito; al 11 60% Peppe Santagada candidato per le liste civiche; 6,70% Pino Campanella candidato per il M5S; 1% Vittoria Bianchi candidata per il movimento Forza Sud.

Le schede valide finora scrutinate sono poco più di otto mila.

 

Read More

Nuovi ospedali, Bruno Bossio (PD): “Sì a commissario per nuovi ospedali, gestione straordinaria anche per megalotto 106”

“Ritengo giusto ed opportuno attivare un’iniziativa parlamentare a sostegno della proposta di affidare alla responsabilità di un commissario la realizzazione dei nuovi ospedali calabresi”. Ad affermarlo è la parlamentare del Pd, Enza Bruno Bossio, che aggiunge: “Abbiamo approvato a questo fine il decreto semplificazioni, con l’obiettivo di  velocizzare e portare a compimento opere programmate ormai da oltre un quindicennio.  In particolare, per gli ospedali di Sibari e Gioia Tauro i lavori si trascinano da almeno 13 anni e, tutt’ora, sembrano ancora essere impantanati nelle sabbie mobili della burocrazia.  Per questo – prosegue la deputata – mi auguro che sia condivisa e resa rapidamente operativa dal Governo nazionale, la richiesta avanzata dalla presidente della Regione, Jole Santelli: il rapido completamento di queste opere strategiche costituisce un vero e proprio atto di riforma del sistema ospedaliero calabrese.  La nomina di un commissario governativo potrà essere una via perseguibile anche per la realizzazione di altre opere ed infrastrutture che da lungo tempo sono state programmate o addirittura finanziate ma che se non che si semplificano le procedure rischiano di allungare l’elenco delle incompiute calabresi.  A questo fine non meno importante è una gestione straordinaria commissariale per la realizzazione dei progetti cantierabili della Statale 106, a partire dal  megalotto di collegamento tra Sibari e Roseto Capo Spulico”.

Read More

Referendum: vince il SI’. Sette deputati e quattro senatori in meno in Calabria

Per il referendum costituzionale sul taglio dei parlamentari ha votato il 45,18% dell’elettorato calabrese. E’ questo il dato definitivo sull’affluenza diffuso dal Viminale. A vincere in Calabria è il Sì questo prevede 7 deputati e 4 senatori a casa. Con la riforma costituzionale approvata dagli elettori italiani, si passa da 20 a 13 rappresentanti a Montecitorio e da 10 a 6 a Palazzo Madama. Per il referendum la percentuale più alta di votanti si registra in provincia di Crotone col 54,25%, seguita da quella di Reggio Calabria (49,16), Vibo Valentia (43,23), Catanzaro (42,24) e Cosenza (42,02).

 

 

Read More

Referendum e comunali, affluenza al 45,18% e 62,03%

Sono state, rispettivamente, del 45,18 e del 62,03 le percentuali definitive di affluenza alle urne per il referendum e le comunali in Calabria. Alle comunali, nella consultazione precedente, il dato era stato del 63,61%.
A Reggio Calabria e Crotone, dove si è votato per l’elezione del sindaco ed il rinnovo del Consiglio comunale, l’affluenza alle amministrative è stata, rispettivamente, del 67,03% (in crescita rispetto alle precedenti, quando fu del 65,07%) e del 67,64 contro il 71,15 delle precedenti consultazioni.
Per il quesito sul taglio dei parlamentari, la provincia in cui la presenza alle urne è stata più alta è quella di Crotone con il 54,25% degli aventi diritto, seguita da Reggio Calabria con il 49,16%, Vibo Valentia (43,23), Catanzaro (42,24) e Cosenza (42,02).
Anche alle Comunali, la provincia con il più alto numero di elettori al voto è stata quella di Crotone (66,99%, alle precedenti elezioni l’affluenza era stata del 70,49), seguita da Reggio (62,27%, 63,60%), Cosenza (60,28%, 61,71%), Catanzaro (59,71%, 60,62%) e Vibo Valentia (58,92%, 59,68%).
Lo scrutinio per le comunali inizierà domattina alle 9.

Read More

Contagi in CAS Amantea, Bruno Bossio (PD): “Priorita’ e’ corretta informazione per non generare preoccupazioni infondate”

“Sulla vicenda dei contagi covid 19 di Amantea ritengo necessaria un’operazione di verità e di chiarezza da parte di tutti i soggetti istituzionali preposti. Dai media, infatti, si diffondono numeri relativi ai casi positivi assai contraddittori e spesso lontani dalla realtà, per responsabilità – evidentemente – non della stampa ma di una confusa e scoordinata divulgazione delle informazioni proprio da parte delle istituzioni”. Ad affermarlo è la deputata Pd, Enza Bruno Bossio, che aggiunge: “È prioritario, in questa delicata fase, mettere la popolazione al corrente dell’effettivo stato della odierna situazione, soprattutto, per non ingenerare infondate preoccupazioni.

È vero che vi è una situazione di contagio, ma finora circoscritta.

In particolare, all’interno del CAS vi è un costante monitoraggio da parte delle autorità sanitarie e un presidio permanente da parte dell’esercito e delle forze dell’ordine con i migranti attualmente positivi in isolamento. Nonostante ciò, però, si continua a credere che Amantea sia una sorta di focolaio a cielo aperto, nonostante nessun cittadino che vive o risiede al di fuori del CAS sia stato esposto al rischio del contagio. Tutto ciò, però, non è sufficiente ad evitare una psicosi collettiva che, di fatto, genera, per quanto finora sopite, ansie e tensioni tra la popolazione”.

“Al fine di fugare  diffidenze e dubbi  – prosegue la deputata – sarebbe, pertanto, opportuno che la commissione prefettizia che guida il Comune di Amantea – in stretto contatto con Asp, uffici territoriali di Governo e Viminale – assuma su di sé l’onere di una corretta informazione, in modo da tranquillizzare la comunità locale. Altrettanto necessario è inoltre la corretta informazione sullo svolgimento delle attività di screening per gli accertamenti sanitari della potenziale rete dei contatti intrattenuti da un nucleo di migranti occupati nelle aziende agricole della zona”.

Read More

Referendum e Comunali,alle 12 hanno votato l’8,6 ed il 12,6%

E’ dell’8,6 per cento la percentuale dei calabresi che alle 12 hanno votato per il referendum costituzionale sulla riduzione dei parlamentari. Lo rende noto il sito del Viminale.
Per quanto riguarda le elezioni amministrative, che in Calabria interessano 72 Comuni tra cui Reggio Calabria e Crotone, la percentuale dei votanti, sempre alle 12, é del 12,6 per cento

Read More

Referendum e comunali, voto regolare in Calabria

Si stanno svolgendo regolarmente le operazioni di voto in Calabria, nel rispetto delle regole anti Covid, per il Referendum costituzionale per la riduzione dei parlamentari e nei 72 centri della regione in cui si vota per le comunali. I seggi in cui si sta votando per il referendum sono 2.420, mentre quelli per le comunali sono 681.
Le amministrative riguardano, tra l’altro, due capoluoghi di provincia, Reggio Calabria e Crotone, e quattro città con popolazione superiore ai 15 mila abitanti, Castrovillari, San Giovanni in Fiore, Cirò Marina e Taurianova. Tra i Comuni interessati dal voto ce ne sono sette che erano stati sciolti per condizionamenti della criminalità organizzata. Si tratta di Cirò Marina e Strongoli, in provincia di Crotone; Platì e Scilla, in provincia di Reggio Calabria, e Briatico, San Gregorio d’Ippona e Limbadi, in provincia di Vibo Valentia. Per le comunali non si vota a San Lorenzo e Cenadi, dove non sono state presentate liste. Esclusa dal voto anche Pietrapaola dopo che il Consiglio di Stato ha accolto il ricorso del sindaco, Pietro Nigro, contro lo scioglimento del Comune.

Read More
Guarda on-line le nostre notizie
Settembre: 2020
LMMGVSD
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930 

Instagram

Categorie

Archivi