Calabria News 24

Cerca

Covid, Rt sotto 1 e l’incognita della variante BA.2.75

Dopo aver raggiunto rapidamente il picco dei casi positivi, la nuova ondata di Covid-19 mostra un altro segno meno: l’indice di contagio Rt è sceso sotto 1, ossia sotto la soglia epidemica che indica quante persone possono essere contagiate da un individuo che ha l’infezione.

E’ una buona notizia, accompagnata da una curva dei ricoveri che progressivamente tende ad appiattirsi, mentre la curva dei decessi continua a salire. Tutto è accaduto rapidamente, considerando che Rt era sotto 1 circa due mesi fa, nei primissimi giorni di giugno, ma la rapida diffusione delle nuove sottovarianti di Omicron ha fatto risalire i numeri dell’epidemia sorprendendo tutti, in un’anomala ondata estiva.

Se l’indice di contagio era ormai decisamente vicino a 1, con l’aggiornamento dei dati del 24 luglio è sceso al di sotto della soglia epidemica. Il nuovo calcolo si deve ai gruppi di ricerca che calcolano gli indici equivalenti all’Rt elaborato dall’Istituto Superiore di Sanità, ma con tecniche che permettono di avere valori più aggiornati. I fisici, epidemiologici e statistici del sito CovidTrends indicano che l’indice equivalente all’Rt, chiamato Covindex, è 0,9; il sito CovidStat dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) indica il valore 0,97, intermedio fra 1,01 e 0,94.

L’ultima ondata, arrivata in un’estate caldissima, ha però insegnato a non fare previsioni, considerando la velocità con cui si è diffusa la sottovariante BA.5 di Omicron, che a metà luglio costituiva quasi l’80% del virus SarsCoV2 in circolazione in Italia.

Ora all’orizzonte di intravede una nuova sottovariante di Omicron originaria dall’India ma ad ora non individuata nel nostro Paese: è la BA.2.75 nota anche come Centaurus, segnalata in alcuni Paesi europei. I genetisti della banca dati internazionale Nextstrain, che raccoglie e analizza le sequenze genetiche dei virus in circolazione, hanno calcolato che BA.2.75 è 13 volte più veloce nel diffondersi rispetto a BA.5. Di qui la decisione di darle un nome diverso: 22D (Omicron), a indicare che questa sottovariante è ancora considerata come appartenente a Omicron dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), si legge in un tweet di Nextstrain.

Redazione Calabria News 24

Il primo Network TV interamente dedicato all'informazione regionale in Calabria h24

  • 1