Calabria News 24

Cerca

Elezioni, Letta: ‘Scelta è fra noi e Meloni-Salvini’

“La legge elettorale ha una parte maggioritaria – dice il leader del Pd Enrico Letta a Radio Capital -, per cui in un terzo dei collegi vince solo uno, il primo.

Il che vuol dire che i piccoli partiti qui non possono eleggere nessuno.

A me non piace questa legge ma questa è. Cancellare con un colpo di spugna immaginario questo non si può: il voto è o di qua o di là, o si vota per una destra con Meloni e Salvini oppure l’unica alternativa che possa competere siamo noi, è un fatto oggettivo”.

“Non ho difficoltà a dire che da parte nostra sia più facile dialogare con Calenda e Conte che con Salvini e Meloni, vedremo quale sarà il risultato e poi dialogheremo con quelli con cui è più facile dialogare”, ha aggiunto Letta rispondendo a chi gli chiede di possibili future intese post elezioni. “Il tema del dialogo si porrà dopo le elezioni ma ora la legge elettorale prevede che ci si schieri o di qua o di là, con il centrosinistra o con il centrodestra. I 5S hanno si sono autoesclusi facendo cadere il governo Draghi e alle elezioni vanno da soli”, conclude.

“Sono ormai costretto a rinunciare a comprendere il comportamento del vertice del Pd. Letta non l’ho più capito più da quando abbiamo presentato l’agenda sociale a Draghi”, “al posto di fedeltà agli italiani ha parlato di fedeltà a Draghi…”, ha detto il leader del M5s Giuseppe Conte a Radio Popolare. Parlando del Movimento, Conte, ha affermato: “Se un elettore di sinistra vuole realizzare gli obiettivi di una forza progressista credo che sia addirittura costretto a votare il M5s rispetto all’offerta corrente. Siamo la forza più progressista, è evidente. Vede le nostre battaglie su salario minimo?”

“Lavoro, diritti, tasse: il voto è uno spartiacque, di qua o di là. Noi vogliamo dare agli italiani un’alternativa a chi crede che l’Italia governata da Meloni e Salvini sarebbe un arretramento”. Letta ha sottolineato come la proposta del modello di famiglia dell’Ungheria di Orban sia lontana da quello al quale guarda il Pd e al quale guarda l’Europa.

Per il presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi, a Rtl102.5: “Tra di noi alleati abbiamo linguaggi diversi. Tuttavia abbiamo deciso che il partito che avrà più voti esprimerà il presidente del Consiglio”. “Il problema dei duelli in tv – ha detto ancora Berlusconi – non mi appassiona: sono scettico sui confronti in tv, spesso si trasformano in risse. Molto meglio che ogni leader illustri il proprio programma”. “No, ora è il momento di dare una mano al mio Paese con queste elezioni”, ha detto ancora il presidente di FI a Rtl102.5, rispondendo alla domanda se pensi ancora al Quirinale.

Redazione Calabria News 24

Il primo Network TV interamente dedicato all'informazione regionale in Calabria h24

  • 1