Calabria News 24

Cerca

Zanzare, piccole strategie per evitare le punture

Relax all’aperto in una sera d’estate: cosa potrebbe esserci di più bello? Poi, qualcuno viene punto da una zanzara e inizia ‘l’assalto’, che spesso vede alcune vittime prescelte mentre altre persone rimangono ‘illese’.

Perché accade? Principalmente dipende da odore corporeo, temperatura e struttura della pelle, microbi cutanei, stato di gravidanza, anidride carbonica esalata dall’uomo, alcol e tipo di dieta.

Queste le conclusioni di un approfondimento su Medicalnewstoday, col coinvolgimento di Jagdish Khubchandani, professore di salute pubblica della New Mexico State University.

Il 20 agosto si celebra la giornata mondiale delle zanzare, che ricorda il giorno in cui, nel 1897, il premio Nobel Ronald Ross scoprì il collegamento tra la femmina di zanzara Anopheles e la trasmissione della malaria. Esistono più di 3.500 tipi di zanzare, solo alcune delle quali pungono. E sono solo le zanzare femmine a farlo: hanno bisogno del sangue come fonte di proteine per le loro uova. In molti paesi, una puntura di zanzara è più di un semplice fastidio. Dal parassita della malaria trasmesso dalle specie Anopheles ai virus che causano la febbre gialla e la dengue, le zanzare sono responsabili della trasmissione di molte gravi malattie. Diversi studi hanno identificato l’acido lattico come una sostanza chimica da cui le zanzare sono attratte. Lo produciamo quando ci alleniamo, quindi il consiglio è lavarsi con il sapone subito dopo e asciugarsi bene. Un altro studio ha concluso che chi ha una maggiore diversità microbica è meno attraente per le zanzare. Il microbiota cutaneo è influenzato da genetica, età e sistema immunitario. Ma anche i prodotti che usiamo per pulirci possono avere un effetto, quindi meglio evitare saponi antibatterici. Anche il gruppo sanguigno può avere un effetto: se apparteniamo al gruppo O siamo considerati più ‘appetitosi’ rispetto a chi è del gruppo A.

In generale, meglio indossare abiti chiari, usare un repellente per insetti sulla pelle e magari evitare la birra: un piccolo studio ha scoperto che chi la beve e’ più attraente per le zanzare. In giardino, poi, piante aromatiche come basilico, lavanda, timo, limone, possono avere un buon odore per noi, ma le zanzare si terranno lontane.

Redazione Calabria News 24

Il primo Network TV interamente dedicato all'informazione regionale in Calabria h24

  • 1