Cerca

Marco della Mura, il talento 12enne cosentino diventato allievo di Katia Ricciarelli

Una voce talmente intensa da catturare il cuore della cantante e attrice Katia Ricciarelli, quella di Marco Della Mura, il cosentino che a soli 12 anni è riuscito a spiccare in mezzo agli altri, diventando allievo diretto della voce nazionale della Ricciarelli.

Durante la sua intervista al format Rai “Oggi è un altro giorno”, la Ricciarelli presenta al pubblico di Rai 1 il giovane talentuoso, che riserba di diventare – un giorno – un cantante lirico di spicco.

“Cantavo facendo finta di suonare una chitarra – racconta il giovane – e mia mamma si è preoccupata perché ero pigro a parlare. Portò il video in cui cantavo in inglese al dottore che si fece una risata perché gli disse che non avevo alcun problema ma solo una dote canora”.

Classe 2010, Marco Della Mura è originario di Corigliano Calabro  dove vive con la sua famiglia, che lo ha sempre sostenuto nel suo percorso, specialmente da mamma Maria. “La mia passione nasce quando ero piccolo, in macchina con la mamma ho sentito una canzone di Massimo Ranieri e ho iniziato a canticchiarla. – afferma il piccolo – Poi ho incontrato Massimo Ranieri che mi ha detto: Vai a scuola di canto, che quando sarai pronto farai un duetto con me

Nel 2020 Marco ha vinto il contest “Andrà tutto bene” in collaborazione con il gruppo Facebook “in Quarantena senza Corona” di Mimmo Luzzi, un’iniziativa che ha coinvolto voci italiane e tedesche durante il periodo della pandemia

Tags::
Francesca Achito

Determinata, sensibile, puntuale. Francesca Achito, classe 1996, è una giornalista praticante calabrese. Dedita sin da piccola alla scrittura, ama dare voce ai più deboli, raccontando storie di vita e puntando i riflettori su contesti di marginalità. Innamorata del giornalismo, ha condotto inchieste legate a casi di violenza di genere, malasanità e disagi sociali e familiari. Studentessa all’Università della Calabria, sta conseguendo la laurea in Storia, coniugando la passione per l’antichità con quella della letteratura. Crede fortemente nel buon giornalismo: cercando sempre di dare una propria firma alle storie che racconta, riesce a mantenere l’oggettività e la precisione di cui necessita la corretta informazione.

  • 1