Cerca

Metà delle persone fragili non si vaccina contro l’influenza

Attualmente, il 50% delle persone con più di 65 anni e dei pazienti fragili non si vaccina contro l’influenza o non riceve il vaccino più adatto, cioè quello cosiddetto ‘potenziato’ che viene raccomandato dal ministero della Salute.

È quanto denuncia un board di esperti che ha elaborato un Position Paper indirizzato alle istituzioni sanitarie.

 

Il documento contiene possibili misure per incrementare i tassi di copertura vaccinale contro l’influenza, specie nelle fasce più vulnerabili della popolazione.
 

Gli over-65 e le persone fragili a partire dai 60 anni di età “dovrebbero ricevere annualmente la vaccinazione, che è la strategia più efficace per prevenire l’influenza ed evitare le sue complicanze, con una conseguente riduzione del carico di malattia sul nostro Ssn, nonché sul numero di ospedalizzazioni e ricoveri in terapia intensiva”, si legge nel documento.”Tuttavia, nel nostro Paese, sussistono numerosi ostacoli di carattere burocratico, organizzativo e persino culturale”.
 

Dieci le misure che secondo gli estensori del documento potrebbero aiutare a migliorare la copertura vaccinale. Si va dalle modalità di stesura dei bandi di gara a indicazioni più stringenti per l’approvvigionamento, fino a una una migliore comunicazione.

 

Determinante poi lo sfruttamento nelle campagne di vaccinazione degli “avamposti territoriali”, come i medici di medicina generale e le farmacie: “hanno dimostrato di poter promuovere e semplificare le campagne di vaccinazione antinfluenzale, facilitando la distribuzione e la somministrazione delle dosi”, scrivono.

 

Ciò, tuttavia, non può non passare da “un’adeguata remunerazione aggiuntiva per la partecipazione a strutturate campagne di vaccinazione”, aggiungono.

Redazione Calabria News 24

Il primo Network TV interamente dedicato all'informazione regionale in Calabria h24

  • 1