Su un totale di 387 campioni prelevati nelle acque marine e lacustri d'Italia, il 32% (124 su 387), è risultato oltre il limite di legge, con un punto fuorilegge ogni 78 km di costa.




Lo denuncia Legambiente, presentando i dati raccolti dalla Goletta Verde e della Goletta dei Laghi 2023, le iniziative che tutte le estati monitorano lo stato delle acque in Italia.

 

Le due campagne itineranti dell'associazione ambientalista da giugno ad inizio agosto hanno fatto tappa in 18 regioni e 40 laghi della Penisola. Tra i punti più critici: foci dei fiumi, canali, corsi d'acqua che sfociano a mare o nel lago.

Preoccupa, in particolare, lo stato di salute del mare italiano e la scarsa informazione relativa alle zone dove vige il divieto di balneazione. E poi c 'è la crisi climatica, con l'aumento della temperatura delle acque superficiali, le ondate di siccità, l'arrivo di specie aliene come il granchio blu.

Sono aumentati gli eventi meteo estremi, che colpiscono soprattutto i comuni costieri: 712 quelli che si sono verificati dal 2010 a giugno 2023 in 240 aree costiere, 186 le vittime.
 

Le due campagne sono giunte rispettivamente alla 37esima e 18esima edizione e sono state realizzate con le partnership principali di Conou, Novamont, Anev, Renexia e la media partnership di Nuova Ecologia.

Più di 200 volontari dei regionali e circoli di Legambiente hanno prelevato campioni d'acqua, sottoposti poi ad analisi microbiologiche per rilevare la concentrazione dli Enterococchi intestinali ed Escherichia coli.
Su 262 punti campionati da Goletta Verde lungo la costa marina italiana, il 36% è oltre i limiti di legge: il 30% è stato giudicato "Fortemente inquinato", mentre il 6% ha ricevuto un giudizio di "Inquinato".

 

In particolare, il 49% dei prelievi è avvenuto alle foci e il 51% a mare. Su 125 punti campionati da Goletta dei laghi in 40 laghi, il 23% dei campioni è risultato oltre i limiti di legge (29 su 125).
 

Solo nel 15% dei punti visitati dai volontari di Goletta verde è stato visto il cartello informativo sulla qualità delle acque obbligatorio per legge da molti anni ormai.

 

Nel 73% delle foci analizzate non era presente nessun cartello che indicasse la criticità del punto ed il conseguente divieto di balneazione.
 

In occasione della presentazione dei dati di Goletta Verde e Goletta dei Laghi, Legambiente ha presentato tre proposte al governo Meloni per la tutela di mari e laghi.

Sul fronte maladepurazione, per Legambiente è fondamentale che il governo nomini il nuovo commissario per la depurazione, per dare continuità rispetto a quanto fatto dal precedente commissario, e che si completino gli interventi sulla rete impiantisca, prevedendo più risorse.
Sul fronte tutela biodiversità, bisogna accelerare il passo nella istituzione di nuove aree protette, per raggiungere gli obiettivi della Strategia della UE sulla biodiversità, che propone il 30% di territorio e di mare protetto entro il 2030.
Sul fronte dell'eolico off-shore, Legambiente chiede che si accelerino le procedure autorizzative dei 72 progetti ancora in attesa di valutazione statale. I progetti sono principalmente situati lungo le coste di Sicilia, Sardegna e Puglia, seguite da Lazio, Calabria, Emilia-Romagna e Molise.

Supplemento di Calabria News 24 Informa,
editoriale di proprietà dell’Associazione “Calabria Informa
Iscrizione Reg. stampa Tribunale di Cosenza n. 5 del 15/12/2017
P. IVA 03554680797 – C.F.: 92024630797

Direttore Responsabile:
Francesco Bonofiglio (detto Gianfranco)

SMART NETWORK GROUP SRL

Ufficio commerciale
Via Galluppi, 26 – 87100 Cosenza
P. IVA 03500860782
N. iscrizione ROC 28794
[email protected]

Powered by Slyvi