Una innovativa tecnica di radioterapia interna per rendere operabile un tumore al pancreas altrimenti inoperabile.


 

All'Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini è stato eseguito con successo il primo impianto in Italia di OncoSil, un dispositivo a microparticelle marcate con Fosforo-32 con lo scopo di ridurre il volume di un tumore del pancreas localmente avanzato non operabile. Lo comunica una nota.

 

"Un importante passo che pone il San Camillo Forlanini in primo piano a livello europeo nell'ambito della ricerca e dell'innovazione tecnologica per la cura del carcinoma pancreatico" si legge.


 

Eseguito l'11 maggio per via endoscopica, su un paziente di 65 anni, l'intervento utilizza una procedura di brachiterapia, una tecnica di radioterapia in cui una sorgente di radiazioni è collocata direttamente all'interno del corpo del paziente, ed è stato realizzato nell'ambito dello studio europeo 'Osprey', che in Italia coinvolge anche il Policlinico Gemelli, l'Istituto del Pancreas di Verona e L'Istituto Tumori di Milano.

 

L'intervento è il risultato di un anno di lavoro di un team multidisciplinare che ha coinvolto le unità di Medicina Nucleare, Gastroenterologia, Oncologia, Chirurgia dei Trapianti e Chirurgia Generale e Fisica Sanitaria del San Camillo-Forlanini.


 

"La ricerca, l'innovazione e il coraggio dei professionisti possono far fare un salto di qualità alle cure, anche e soprattutto quando si tratta di patologie complesse o molto complesse, come quelle oncologiche, in questo caso uno dei tumori più aggressivi che conosciamo.

 

C'è davvero bisogno di sperimentazione, della possibilità di costruire nuove vie per aggredire il tumore stesso. Il contributo di ognuno dei professionisti coinvolti è stato fondamentale per raggiungere questo traguardo", afferma Narciso Mostarda, direttore generale dell'azienda ospedaliera San Camillo-Forlanini.


 

Il carcinoma del pancreas è il quarto per incidenza ed è l'unico che non ha mostrato nel tempo una riduzione nei tassi di mortalità tanto negli uomini, quanto nelle donne.

 

In Italia nel 2020 sono state stimate circa 14.300 nuove diagnosi e 12400 vittime. Nella maggior parte dei casi ha evoluzione asintomatica e si presenta alla diagnosi in fase già avanzata: per questo ogni passo della ricerca e dell'innovazione tecnologica è quindi fondamentale per il contrasto e la cura di questo tumore.


Supplemento di Calabria News 24 Informa,
editoriale di proprietà dell’Associazione “Calabria Informa
Iscrizione Reg. stampa Tribunale di Cosenza n. 5 del 15/12/2017
P. IVA 03554680797 – C.F.: 92024630797

Direttore Responsabile:
Francesco Bonofiglio (detto Gianfranco)

SMART NETWORK GROUP SRL

Ufficio commerciale
Via Galluppi, 26 – 87100 Cosenza
P. IVA 03500860782
N. iscrizione ROC 28794
[email protected]

Powered by Slyvi