Sono le aziende cerealicole le più colpite dai rincari record dei costi di produzione prodotti dalla crisi energetica a causa del conflitto tra Russia e Ucraina, che evidenziano aumenti dell'80%.

A seguire si possono annoverare quelle legate all'orticoltura e florovivaismo per i quali sono in media del 78%, seguiti dai frutticoltori, dove i rincari sono  pari al 62%. Nello specifico queste stime fanno parte della classifica dei comparti agricoli più in sofferenza stilata per l'ANSA dalla Coldiretti su dati del Crea. Staccati di poco dal podio, secondo Coldiretti, ci sono gli allevamenti di bovini da latte e l'olivicoltura che precedono i settori ovini e avicoli, mentre per il vino l'aggravio è del 41%.

Tra i mezzi di produzione, secondo la Coldiretti, gli incrementi maggiori si registrano per i fertilizzanti (+250%), davanti a gasolio (+110%). Il risultato è che oltre 1/3 delle aziende agricole si trova costretta in questo momento a lavorare in una condizione di reddito negativo, mentre più di 1 azienda agricola su 10 è in una situazione così critica da portare alla cessazione dell'attività.

 

https://youtu.be/kNgjShEmhY0

 


Supplemento di Calabria News 24 Informa,
editoriale di proprietà dell’Associazione “Calabria Informa
Iscrizione Reg. stampa Tribunale di Cosenza n. 5 del 15/12/2017
P. IVA 03554680797 – C.F.: 92024630797

Direttore Responsabile:
Francesco Bonofiglio (detto Gianfranco)

SMART NETWORK GROUP SRL

Ufficio commerciale
Via Galluppi, 26 – 87100 Cosenza
P. IVA 03500860782
N. iscrizione ROC 28794
[email protected]

Powered by Slyvi