(V. "Naufragio Cutro, arrestato sesto..." delle 14.06). Sarebbe stato il timoniere del barcone carico di migranti naufragato il 26 febbraio scorso a "Steccato" di Cutro, con la morte di 94 persone, 35 delle quali minorenni, Mohamed Abdessalem, di 26 anni, il cittadino siriano al quale è stata notificata nel carcere di Lecce un'ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip di Crotone, con l'accusa di essere stato uno dei sei scafisti dell'imbarcazione.

É quanto é emerso dalle indagini condotte dalla Squadra mobile e dalla sezione navale della Guardia di finanza di Crotone. Secondo la testimonianza di uno dei superstiti del naufragio, siriano anche lui, Abdelsaleem sarebbe stato al timone del caicco anche nel momento in cui l'imbarcazione, a poche decine di metri dalla riva, ha urtato contro una secca, finendo a pezzi.


"La colpa di tutto - ha detto il testimone - è stata la sua perché ha accelerato quando, proprio per la possibile presenza di secche, avrebbe dovuto rallentare".
"Nel momento in cui poi la barca stava affondando - ha detto ancora il testimone - lui è scappato insieme agli altri due scafisti turchi. Abdessalem, inoltre, era quello che dava ordini agli altri componenti del gruppo di scafisti e che seguiva la rotta su un tablet".

Supplemento di Calabria News 24 Informa,
editoriale di proprietà dell’Associazione “Calabria Informa
Iscrizione Reg. stampa Tribunale di Cosenza n. 5 del 15/12/2017
P. IVA 03554680797 – C.F.: 92024630797

Direttore Responsabile:
Francesco Bonofiglio (detto Gianfranco)

SMART NETWORK GROUP SRL

Ufficio commerciale
Via Galluppi, 26 – 87100 Cosenza
P. IVA 03500860782
N. iscrizione ROC 28794
[email protected]

Powered by Slyvi