Calabria News 24

Cerca

Aprono sei ‘Centri Specializzati per giocatori d’azzardo patologici’ a Catanzaro, Cosenza, Crotone e Reggio Calabria

Ossessione, frustrazione, perdita: forse è questo ciò che prova chi è affetto dalla dipendenza da gioco d’azzardo, quando vede l’ennesima puntata andata male. Lo stipendio consumato in una sola sera che – il più delle volte – porta queste persone a intersecarsi in meccanismi tossici, debiti e – spesso e volentieri – accusando conseguenze che gravano su parenti e familiari. Proprio per questo la Fondazione “Con Il Sud” ha deciso di sostenere delle strutture finanziate dal progetto “a Carte Scoperte”, aprendo ufficialmente il 21 luglio 2022 ben sei nuovi Centri Specializzati Gap per la cura e il sostegno della dipendenza da gioco d’azzardo. Esso ha lo scopo di contrastare e prevenire la ludopatia nelle province calabresi di Catanzaro, Cosenza, Reggio Calabria e Crotone.

Le sei strutture aiuteranno a trovare soluzioni che possano realmente contrastare il fenomeno della patologia del gioco d’azzardo nel territorio calabrese, proponendo “un modello di intervento condiviso e innovativo che risponda alla difficoltà di organizzare forme strutturate di cura; all’assenza di linee di ricerca specifiche nel campo delle dipendenze senza uso di sostanze; alla volontà di usare le potenzialità delle nuove tecnologie a scopo preventivo e di contrasto delle dipendenze comportamentali” come spiega Silvia Saladino, responsabile Progetto e professionista del Centro Calabrese di Solidarietà.

Un percorso di riabilitazione completo sarà previsto dal centro, progressivo e strutturato del soggetto ludopatico. Anche le famiglie saranno coinvolte nella riabilitazione del soggetto, con programmi mirati e – nel caso in cui fosse necessario – anche un programma di babysitting, utile nel caso in cui siano presenti bambini all’interno della cerchia familiare.

I sei centri sono così distribuiti nel territorio:

Catanzaro: Centro Gap in via degli Abruzzi n.38. Questa struttura sarà diretta dal Centro Calabrese di solidarietà (ente capofila del progetto) con apertura tutti i giovedì dalle 14 alle 19.

Cosenza: Centro Gap Di Tortora in via Turati SNC. Il centro sarà a diretta gestione dell’ente partner di progetto Centro di Accoglienza “L’Ulivo” e sarà aperto ogni venerdì dalle 8 alle 13; Centro Gap Di Castiglione Cosentino in via Enrico De Nicola. Il centro sarà a diretta gestione dell’ente partner di progetto Centro di solidarietà “Il Delfino” e sarà aperto il martedì dalle 9 alle 13 ed il giovedì dalle 15 alle 19.

Crotone: Apertura del Centro Gap in via Via Ruffo, 31. Il centro sarà a diretta gestione dell’ente partner di progetto la Cooperativa sociale Agorà Kroton Onlus e sarà aperto ogni lunedì dalle 14.30 alle 19.30.

Reggio Calabria: Centro Gap in Viale della Libertà n. 30/C. Il centro sarà a diretta gestione dell’ente partner di progetto Cooperativa Exodus e sarà aperto ogni mercoledì dalle 9 alle 14; Centro Gap in via Ravagnese Gallina II tronco 226. Il centro sarà diretto dell’ente partner di progetto Comunità La Casa del Sole e sarà aperto ogni giovedì dalle 8 alle 13.

Francesca Achito

Determinata, sensibile, puntuale. Francesca Achito, classe 1996, è una giornalista praticante calabrese. Dedita sin da piccola alla scrittura, ama dare voce ai più deboli, raccontando storie di vita e puntando i riflettori su contesti di marginalità. Innamorata del giornalismo, ha condotto inchieste legate a casi di violenza di genere, malasanità e disagi sociali e familiari. Studentessa all’Università della Calabria, sta conseguendo la laurea in Storia, coniugando la passione per l’antichità con quella della letteratura. Crede fortemente nel buon giornalismo: cercando sempre di dare una propria firma alle storie che racconta, riesce a mantenere l’oggettività e la precisione di cui necessita la corretta informazione.

  • 1