Calabria News 24

Cerca

Castelsilano (KR): Proseguono i servizi di contrasto ai furti di materiali inerti, un arresto

Nelle prime ore della serata dello scorso 21 ottobre, nel corso di appositi servizi effettuati in questa provincia per prevenire e contrastare il fenomeno dei furti di materiali inerti sulle sponde dei corsi fluviali, nonché, più genericamente, la diffusione dei reati contro il patrimonio, che, già nei mesi di aprile e maggio uu.ss., avevano portato all’arresto di 5 operai petilini e di 1 pensionato, sorpresi a Castelsilano e Roccabernarda (KR), sulle sponde dei fiumi “Neto” e “Tacina”, mentre stavano complessivamente asportando 2.000 mc. di materiale, per un valore di circa 40.000,00 Euro, i Carabinieri della Stazione di Santa Severina (KR) hanno controllato un 45enne, residente a Caccuri (KR), operaio.

In particolare, la pattuglia, intenta a transitare, nelle ore serali, sulla strada costeggiante l’argine del fiume “Neto”, nella Località “Gips” di Castelsilano, ha notato un escavatore, che, sulla sponda del citato corso d’acqua, era impegnato in dei lavori di scavo, tanto da indurre gli operanti a recarsi sul luogo per svolgere più approfonditi accertamenti, a seguito dei quali sono riusciti ad appurare che la citata attività, perpetrata su terreni demaniali, non era autorizzata.

I militari, pertanto, hanno bloccato il suddetto, dopo aver già caricato di materiale inerte il cassone di un camion, che si stava apprestando a condurre in luoghi distanti da quello, ove erano stati effettuati gli illeciti prelievi.

Il presunto reo, portato nella caserma del Reparto procedente per l’espletamento degli ulteriori accertamenti di rito, è stato arrestato, tra l’altro, per “furto aggravato”, “invasione di terreni demaniali”, “deturpamento di bellezze naturali” e “violazione delle normative in materia urbanistico – edilizia”, venendo immediatamente rimesso in libertà, ai sensi dell’art. 121 delle disposizioni attuative del Codice di Procedura Penale, mentre sia i mezzi adoperati che i materiali inerti illecitamente asportati, ammontanti a circa 5.000 mc., per un valore di 25.000,00 (venticinquemila/00) Euro, sono stati sequestrati penalmente.

Redazione Calabria News 24

Il primo Network TV interamente dedicato all'informazione regionale in Calabria h24

  • 1