Calabria News 24

Cerca

Scappa dopo condanna definitiva per omicidio, preso latitante

La Squadra mobile di Reggio Calabria ha arrestato un latitante, Antonino Perla, di 32 anni, ricercato da due mesi, condannato all’ergastolo in via definitiva per l’omicidio di Edoardo Bruciafreddo, commesso il 3 agosto 2010 a Reggio.

Le indagini sono state coordinate dalla Procura generale della Repubblica di Reggio Calabria diretta da Gerardo Dominijanni.

Dopo l’omicidio, le indagini condotte dalla Polizia accertarono che Perla si recò a casa della vittima, suonò il campanello, e quando Bruciafreddo scese, gli sparò tre colpi di pistola calibro 7,65, colpendolo mortalmente al torace ed alla gola, per poi fuggire a bordo di un ciclomotore. Il movente del delitto fu individuato in una lite, avvenuta giorni prima, all’interno di un locale tra la stessa vittima ed il suo omicida.
Perla, dopo la sentenza definitiva di condanna della Corte di Cassazione del 30 giugno scorso, si era sottratto all’esecuzione dell’ordine di carcerazione emesso dalla Procura generale di Reggio Calabria. Gli investigatori della Squadra mobile si sono subito messi alla ricerca dell’uomo ed hanno individuato, nella zona sud della città, l’appartamento in cui aveva trovato rifugio il ricercato. Gli agenti hanno quindi provveduto a circondare l’edificio ed hanno fatto irruzione, bloccando Perla senza che potesse provare a scappare. Una donna che si trovava nell’appartamento insieme a lui è stata denunciata per procurata inosservanza della pena. (ANSA).

Francesca Achito

Determinata, sensibile, puntuale. Francesca Achito, classe 1996, è una giornalista praticante calabrese. Dedita sin da piccola alla scrittura, ama dare voce ai più deboli, raccontando storie di vita e puntando i riflettori su contesti di marginalità. Innamorata del giornalismo, ha condotto inchieste legate a casi di violenza di genere, malasanità e disagi sociali e familiari. Studentessa all’Università della Calabria, sta conseguendo la laurea in Storia, coniugando la passione per l’antichità con quella della letteratura. Crede fortemente nel buon giornalismo: cercando sempre di dare una propria firma alle storie che racconta, riesce a mantenere l’oggettività e la precisione di cui necessita la corretta informazione.

  • 1