Cerca

Maltrattamenti alle compagne, tre misure eseguite nel Crotonese

Tre provvedimenti restrittivi sono stati notificati dai carabinieri delle Stazioni di Crotone, Scandale e Cirò Marina, ad altrettanti uomini indagati, a vario titolo, per maltrattamenti in famiglia e atti persecutori.

In particolare, il gip del Tribunale di Crotone, accogliendo le risultanze delle investigazioni condotte dai militari con la direzione della Procura, ha ritenuto sussistere i rilevanti gli indizi a carico di un 37enne, originario di Cariati (Cosenza) e residente a Crotone, disponendo gli arresti domiciliari.

L’uomo, secondo l’accusa, dal maggio avrebbe posto in essere nei confronti della ex compagna, reiterati comportamenti persecutori e minatori, inviandole numerosi messaggi molesti sul telefonino e appostandosi per avvicinarla per strada, anche alla presenza di altre persone, tanto da provocarle uno stato d’ansia perdurante e da indurla a variare la proprie abitudini di vita.

Un commerciante 36enne di Cirò Marina, invece, è stato portato in carcere. L’uomo, dal giugno del 2020, secondo quanto emerso dalle indagini, avrebbe vessato la convivente 27enne, picchiandola e offendendola.

Comportamenti culminati in una lite per futili motivi, verificatasi lo scorso 14 novembre, durante la quale avrebbe lanciato contro il telefono cellulare colpendola al volto e provocandole delle escoriazioni.

Infine, un bracciante agricolo 49enne è stato allontanato da casa perché, dall’8 ottobre scorso, dopo essere rientrato a casa dopo un periodo di detenzione in carcere, avrebbe aggredito verbalmente e fisicamente in diverse circostanze la moglie, da cui era stato già denunciato in passato per lo stesso reato, e la loro figlia, adesso 21enne, le quali, al culmine dell’ultimo episodio verificatosi il 21 novembre, hanno abbandonato la loro casa e trovato temporanea ospitalità a casa di amiche, nelle more dell’attivazione della procedura prevista dal cosiddetto “Codice Rosso”. In tutti i casi, rilevanti ai fini della ricostruzione di quanto accaduto, sono state le testimonianze rese dalle stesse vittime e da altri soggetti in grado di riferire circa i fatti contestati.

Redazione Calabria News 24

Il primo Network TV interamente dedicato all'informazione regionale in Calabria h24

  • 1