Le diseguaglianze di salute riguardano tutti i bambini nel nostro Paese e risultano particolarmente evidenti nel confronto Nord-Sud.




Si amplificano nei bimbi stranieri per effetto di barriere linguistiche, storie migratorie, condizioni socio-economiche.

 

I bambini stranieri sono diseguali tra diseguali: hanno un rischio più che doppio di mortalità neonatale e infantile rispetto ai bimbi italiani e sono molto più esposti al rischio di subire maltrattamenti (ancor più se femmine).

 

La povertà assoluta riguarda il 36,2% delle famiglie straniere con minori contro il pur preoccupante 8,3% dei nuclei familiari con minori composti da genitori italiani.

 

A confermare la vulnerabilità di questa categoria alcune condizioni emergenti come l'incremento del tasso di sovrappeso e obesità che secondo alcuni studi è passato dall'1 al 10% in dieci anni, così come quello del diabete 1.

 

Un focus al Congresso della Società Italiana di Pediatria (Sip) a Torino mette in luce la particolare condizione di marginalità di una popolazione tutt'altro che numericamente marginale: in Italia è straniero circa 1 bimbo su 10 da 0 a 18 anni.

 

Ai bambini nati in Italia si sommano quelli giunti per ricongiungimento familiare e quelli non accompagnati che scappano da Paesi colpiti da guerre e persecuzioni.

 

Per i pediatri il primo passo per garantire a tutti il migliore livello di tutela sanitaria possibile, è dare piena attuazione a una norma che garantisce l'iscrizione all'Ssn e il diritto al pediatra di famiglia a tutti i bambini, indipendentemente dallo status giuridico proprio o dei genitori.
 

Un diritto sancito nel 2012 da un Accordo Stato Regioni e previsto nei Livelli Essenziali di Assistenza (Lea) nel 2017. Ma rimasto al palo per un decennio. "L'ostacolo burocratico è stata la mancanza di indicazioni operative nazionali per l'applicazione dei codici fiscali e dei codici di esenzioni.

 

Si è lasciata alle Regioni l'opportunità di attrezzarsi, con una grande eterogeneità e un'ingiusta diseguaglianza", afferma Piero Valentini, Segretario del Gruppo di Lavoro per il Bambino Migrante della Sip.

 

"Nel 2022 - conclude - però finalmente due circolari del ministero della Salute hanno regolamentato questi aspetti. Ora le Regioni hanno tutti gli strumenti per rendere questo diritto omogeneo e diffuso".

Supplemento di Calabria News 24 Informa,
editoriale di proprietà dell’Associazione “Calabria Informa
Iscrizione Reg. stampa Tribunale di Cosenza n. 5 del 15/12/2017
P. IVA 03554680797 – C.F.: 92024630797

Direttore Responsabile:
Francesco Bonofiglio (detto Gianfranco)

SMART NETWORK GROUP SRL

Ufficio commerciale
Via Galluppi, 26 – 87100 Cosenza
P. IVA 03500860782
N. iscrizione ROC 28794
[email protected]

Powered by Slyvi