"Mi sono salvato salendo sopra un legno, ho nuotato mezz'ora e quando sono arrivato a terra non c'erano ancora i carabinieri".


 

Così uno dei superstiti del naufragio del caicco carico di migranti del 26 febbraio a Steccato di Cutro - 87 i morti accertati al momento - ha raccontato gli ultimi drammatici momenti nell'incidente probatorio in corso davanti al Gip del tribunale dei minorenni di Catanzaro disposto nell'inchiesta sul presunto scafista 17enne.

 

Un racconto, è stato il commento dell'avvocato Francesco Verri componente del pool legale che assiste i familiari delle vittime, "che conferma che sono trascorsi troppi tragici minuti dall'urto sulla secca fino a quando sono arrivati i soccorsi, persino a terra. Un aspetto che sta emergendo prepotentemente in questa indagine".


 

Lui e l'altro teste sentito oggi, hanno anche sostenuto che il 17enne faceva da interprete tra gli scafisti turchi ed i migranti, ma non faceva parte dell'equipaggio.

 

Il teste ha poi riferito che i soldi del viaggio - circa 8.000 euro - erano bloccati in Turchia, consegnati ad una terza persona, in attesa dell'arrivo che sulla barca gli scafisti si sono fatti dare dai migranti le lire turche che non gli sarebbero servite in Italia, mettendo le banconote dentro un sacco.


 

Soddisfatto dell'esito delle testimonianze di oggi, l'avvocato Salvatore Perri, difensore del 17enne che ha evidenziato come i superstiti sentiti abbiano parlato del suo assistito come di uno dei migranti che era a bordo della barca.

Supplemento di Calabria News 24 Informa,
editoriale di proprietà dell’Associazione “Calabria Informa
Iscrizione Reg. stampa Tribunale di Cosenza n. 5 del 15/12/2017
P. IVA 03554680797 – C.F.: 92024630797

Direttore Responsabile:
Francesco Bonofiglio (detto Gianfranco)

SMART NETWORK GROUP SRL

Ufficio commerciale
Via Galluppi, 26 – 87100 Cosenza
P. IVA 03500860782
N. iscrizione ROC 28794
[email protected]

Powered by Slyvi