Cerca

Sottrae buoni per 10mila euro, interdetto dipendente Poste

Un dipendente “infedele” di Poste Italiane è stato interdetto da ogni attività di addetto alla gestione del risparmio per sei mesi in esecuzione di un’ordinanza del Gip emessa su richiesta della Procura della Repubblica di Catanzaro.

 

L’uomo, un 64enne, è indagato per peculato per avere sottratto e incassato due buoni fruttiferi postali del valore di oltre 10.000 euro.

 

Il provvedimento gli è stato notificato dai carabinieri della Stazione di Catanzaro Bellamena.

 

Le indagini sono partite dalla denuncia sporta da due anziani fratelli catanzaresi che, verificando alcuni investimenti fatti a Poste Italiane, si sono resi conto che due buoni fruttiferi postali erano stati svincolati ed incassati alcuni anni prima a loro insaputa con la firma firma sugli atti che autorizzavano l’incasso apocrifa.

 

L’attività d’indagine – alla quale ha collaborato Poste Italiane che a sua volta, aveva avviato un procedimento disciplinare – e l’effettuazione di alcune perizie grafologiche per stabilire la falsità delle firme e la loro riconducibilità, ha condotto gli investigatori ad individuare nel 64enne il dipendente “infedele” che si era appropriato della somma di denaro, peraltro utilizzando le proprie credenziali sul sistema informatico di Poste utilizzato per quel tipo di operazioni.

 

Al termine delle indagini, la Procura ha quindi chiesto l’emissione del provvedimento interdittivo al Gip che l’ha emesso dopo aver interrogato l’indagato.

Tags::
Redazione Calabria News 24

Il primo Network TV interamente dedicato all'informazione regionale in Calabria h24

  • 1