Il Tribunale della libertà di Catanzaro ha revocato gli arresti domiciliari nei confronti degli avvocati Pierpaolo Greco, di 48 anni, e Pasquale Barbieri (66), disponendo per entrambi l'interdittiva dalla professione per 12 mesi.




Il Tribunale ha così accolto la richiesta avanzata dai legali dei due professionisti, rispettivamente gli avvocati Francesco Iacopino e Valerio Murgano.

 

Greco, curatore fallimentare della fondazione Betania di Catanzaro e Barbieri - arrestati in flagranza di reato il 20 ottobre scorso dai finanzieri del Comando provinciale di Catanzaro - sono accusati di concussione.

 

Ai due l'accusa addebita l'illecita richiesta di 50mila euro al presidente della società palermitana Karol spa, l'avvocato Marco Zummo, per "fluidificare" un accordo che consentisse a Karol di continuare a gestire gli asset di Betania per i quali esisteva già un accordo che era in corso di rinegoziazione in seguito del fallimento della fondazione. Secondo l'accusa, in particolare, Barbieri avrebbe avanzato la proposta a Zummo per conto di Greco.

 

E' stato Zummo, con la sua denuncia alla Guardia di finanza, a far scattare l'indagine coordinata dalla Procura della Repubblica. Gli investigatori delle Fiamme gialle avrebbero monitorato Barbieri mentre riceveva una prima tranche di 25mila euro.
 

L'arresto è scattato nel momento in cui Barbieri ha lasciato nello studio di Greco uno zainetto all'interno del quale c'erano circa 10mila euro. La restante parte della somma, 15 mila euro, è stata trovata nello studio di Barbieri.

Supplemento di Calabria News 24 Informa,
editoriale di proprietà dell’Associazione “Calabria Informa
Iscrizione Reg. stampa Tribunale di Cosenza n. 5 del 15/12/2017
P. IVA 03554680797 – C.F.: 92024630797

Direttore Responsabile:
Francesco Bonofiglio (detto Gianfranco)

SMART NETWORK GROUP SRL

Ufficio commerciale
Via Galluppi, 26 – 87100 Cosenza
P. IVA 03500860782
N. iscrizione ROC 28794
[email protected]

Powered by Slyvi