Ha tenuto abbracciato il fratellino di 6 anni anche dopo la sua morte, avvenuta dopo un'ora in acqua per ipotermia, trattenendolo a se altre due ore, fino a quando sono stati recuperati dalla Guardia costiera.


 

E' la drammatica testimonianza di Almolki Assad, un cittadino siriano superstite del naufragio del barcone di migranti del 26 febbraio a Steccato di Cutro.

 

Il giovane è stato sentito stamani dal gip del Tribunale dei minorenni di Catanzaro nel corso dell'incidente probatorio nell'inchiesta sul presunto scafista 17enne.


 

"Ho preso mio fratello - ha raccontato - e ci siamo buttati a mare. Eravamo tutti nel panico. Sono rimasto tre ore in acqua, sin dalle 4. Il bimbo è morto dopo un'ora. E' rimasto sempre nelle mie braccia. Non l'ho lasciato andare dopo che è morto".

 

Il giovane, che si è salvato insieme allo zio sentito nelle scorse udienze, ha riferito di essere stato soccorso in mare dalla Guardia costiera. "Ci siamo fatti sentire - ha detto - e ci hanno recuperati.


 

Ci siamo salvati grazie a un pezzo di legno, altrimenti eravamo tutti morti. Sono svenuto sulla barca della Guardia costiera, sono stato condotto in porto e da lì mi hanno portato in ospedale".

 

"I soldi - ha aggiunto confermando il racconto di un altro superstite - gli organizzatori li hanno presi nonostante il naufragio, anche quelli di mio fratello.

 

Pensate a questa tragedia - ha detto Assad - come se fosse vostra. Gli organizzatori del viaggio hanno ammazzato mio fratello e io di sicuro non scorderò nulla".

 

In precedenza, una donna somala, ha raccontato che "la barca andava veloce, poi c'è stato un urto. Mi sono aggrappata ad un pezzo della barca e quando sono arrivata a terra c'era un soldato italiano che mi ha salvata.

 

Sono stata in acqua circa un'ora perché le onde mi riportavano indietro. Eravamo in tre amici. Un'altra donna è dispersa, l'uomo l'ho trovato a terra. Gli scafisti non hanno aiutato nessuno di noi a salvarsi".

 

Supplemento di Calabria News 24 Informa,
editoriale di proprietà dell’Associazione “Calabria Informa
Iscrizione Reg. stampa Tribunale di Cosenza n. 5 del 15/12/2017
P. IVA 03554680797 – C.F.: 92024630797

Direttore Responsabile:
Francesco Bonofiglio (detto Gianfranco)

SMART NETWORK GROUP SRL

Ufficio commerciale
Via Galluppi, 26 – 87100 Cosenza
P. IVA 03500860782
N. iscrizione ROC 28794
[email protected]

Powered by Slyvi